UCI, PRONTO UN PROGETTO PER SALVARE LE SQUADRE

POLITICA | 07/04/2020 | 10:31
di Guido La Marca

Ai tempi della guerra fredda c’era la linea rossa rovente, ora i tempi si sono evoluti ed è la banda larga ad essere rovente... Si stanno intrecciando, infatti, le conference call tra l’Uci e gli stakeholders del ciclismo, tra le varie associazioni delle squadre (AIGCP), dei corridori (CPA) e degli organizzatori (AIOCC) così come quelle tra i vari rappresentanti all’interno delle associazioni stesse.


Se da una parte l’argomento caldo è il calendario, dall’altra ancora più caldo è quello sulla crisi economica che si sta abbattendo sulle squadre, crisi che sta mettendo in discussione anche la sopravvivenza di alcune di loro. Nelle ultime ore i colloqui a questo riguardo si sono infittite, la banda larga è diventata davvero rovente perché la situazione è molto molto delicata.


L’Uci - per quanto risulta a tuttobiciweb - ha identificato nel salvataggio delle squadre il principale problema da risolvere: l’idea è che in ogni squadra si crei una sorta di commissione composta anche da un rappresentante dei corridori e da uno del personale, oltre che dai dirigenti del team, per discutere nel dettaglio ogni singolo caso. Inoltre verranno studiate regole nuove a livello generale, molto più flessibili, per la registrazione delle squadre in vista della stagione 2021.

Ovviamente si tratta di una bozza di progetto che nelle prossime ore verrà discussa anche con le altre parti e in particolare con i corridori che sono disposti ad accettare alcuni tagli e riduzioni ma sono irremovibili su altre posizioni. Il discorso, ovviamente, si intreccia con il calendario, con l'eventuale ripresa, con il numero e la qualità delle gare che si spera di poter disputare in questa stagione. Ed è per questo che anche nei prossimi giorni la banda larga continuerà ad essere rovente...
 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
"Senza lilleri non si lallera"
7 aprile 2020 20:00 limatore
inutili le commissioni per analizzare la situazione caso per caso. I team non incassano e non avendo entrate non possono pagare gli stipendi. ASO vuole fare per forza il TdF nessun problema ad ogni team paga parte dei diritti televisivi. Il problema sarebbe risolto. Il problema è che ASO non vuole dividere la torta e i team guida prendono già soldi da ASO per sedare ogni tipo di rivolta tra i team Manager, è oramai risaputo e con 3 o 4 milioni passano la barca. Attenzione non è che ASO paga direttamente i Team ma gli mette in contatto con sponsor. Guardate certe coincidenze (sponsor ASO + sponsor Team) e poi tirate le somme.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
È stata la riunione più veloce della storia di Zoom: non per problemi tecnici, anzi, ma per l'accordo praticamente unanime sulla decisione da prendere: conferma totale delle indicazioni espresse dai lettori di tuttobiciweb, Marco Villa conquista l'Oscar tuttoBICI come miglior...


Il campione kazako Alexey Lutsenko ha rinnovato il suo contratto con l’Astana - Premier Tech per un'altra stagione, mentre il canadese Steve Bauer e il kazako Dmitriy Muravyev entreranno nel team come direttori sportivi. Così l’Astana- Premier Tech ha completato...


Dallo scorso 11 ottobre, dopo la corsa a Montecatini Terme in Toscana, ha attaccato la bici al chiodo e ha già trovato lavoro, ma il suo obiettivo è arruolarsi nell’Esercito. Questa è la storia di Aldo Caiati, nato il 19...


«Mi sentivo come su un Ferrari nel traffico di Milano alle 8 del mattino... magicamente questo test negativo mi ha proiettato direttamente nell’autodromo di Monza ! Finalmente!»: Filippo Ganna esulta e torna finalmente libero. Il quarto tampone ha dato esito...


La data è di quelle da ricordare: il 25 novembre del 1945, a poco più di 13 anni e mezzo, con tanto di documento “aggiustato” per raggiungere l’età consentita, Ernesto Colnago varcava i cancelli della “Gloria” e iniziava ufficialmente il...


I medici in questo periodo fanno, comprensibilmente e giustamente, più notizia degli sportivi. Non è però per questo che Matteo Bellia ha deciso di appendere la bici al chiodo e indossare il camice. Il 23enne di Domodossola, fino a quest’anno...


La loro è una storia d’amore nata sulla bici in Slovenia e oggi vengono considerati la coppia più bella del ciclismo. Stiamo parlando del vincitore del Tour de France Tadej Pogačar e di Urška Žigart, entrambi campioni nazionali, che stanno...


Enrico Battaglin, Bardiani-CSF-Faizanè, Capitolo II. I Reverberi lo avevano lanciato nel mondo dei grandi nel 2012 e ora, cinque anni dopo l’arrivederci, lo riaccolgono, ritrovando un corridore più maturo, consapevole dei propri pregi e difetti, e con ancora tanto da...


Ha portato in Belgio l’orgoglio tipico dei lombardi, è stato un ciclista professionista e negli anni Ottanta a guidarlo c’era Giancarlo Ferretti: da anni però è lui che dall’ammiraglia conduce i corridori verso il successo. Valerio Piva classe 1958, da Ceresara...


La sfortuna ci vede benissimo anche se la stagione agonistcia è finita. Ne sa qualcosa Mikael Cherel, corridore della AG2R La Mondiale, che è rimasto vittima ieri di un brutto incidente. Mentre si allenava sulle strade del sud della Francia,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155