MATTIA FRAPPORTI. «PER ORA MI DIVERTO CON IL DRONE...»

PROFESSIONISTI | 05/04/2020 | 08:10
di Valerio Zeccato

Mattia Frapporti, ventisei anni il prossimo 2 luglio, è un altro dei professionisti che vivono nella provincia di Brescia, una delle più colpite dalla pandemia Coronavirus. E’ passato tra i prof nel 2017 ed è sempre rimasto alla corte del “principe” Gianni Savio nell’Androni Giocattoli-Sidermec. Il ciclismo è un “vizio di famiglia” in casa Frapporti: Marco il più grande (ha appena compiuto trentacinque anni il 30 marzo) gareggia nella Vini Zabù KTM, la sorella Simona (31 anni), che quest’anno ha già vinto in Australia la quarta ed ultima tappa del Tour Down Under difende i colori della Be Pink. Mattia ha il diploma di operatore meccanico su macchine utensili, è nato a Gavardo, e vive con la compagna Sabrina a Idro, bellissimo paesino di meno di 2000 abitanti sul lago omonimo, in Valsabbia ai confini con il Trentino.

Come il Coronavirus ha cambiato le tue abitudini?

«Visto che non si può uscire in bicicletta per strada mi alleno come posso in casa. Non è la stessa cosa ovviamente, diciamo che serve per mantenere la forma, ma è un po’ come se fossimo ripartiti da zero visto il tempo che non ci alleniamo più regolarmente. Seguo la tabella del preparatore e faccio i rulli alternando i vari lavori, e poi faccio esercizi vari di allenamento come il core stability e altri, il tutto per massimo due ore, due ore e mezza al giorno, sei giorni su sette. Sui rulli allenarsi è noioso, sto utilizzando la piattaforma zwift e avendo il rullo smart (all’interno ci sono dei sensori che misurano e inviano i dati dell’allenamento potenza, cadenza e velocità, ndr) l’allenamento è davvero molto realistico e quando la strada sale fai più fatica e quando fai la discesa va meglio e puoi recuperare. Ci divertiamo spesso ad allenarci insieme, naturalmente ognuno da casa sua, con mio fratello Marco e nostra sorella Simona, poi con altri professionisti come Colbrelli ed altri. E così parte la competizione e si fa ancora più fatica...».

Oltre agli allenamenti come passi la tua giornata?

«Non ho hobby particolari. Mi piacciono i videogiochi, l’Xbox, ma non sono un fissato. Mi piace molto di più dedicarmi alla fotografia che mi appassiona moltissimo, oppure mi metto nel giardino di casa e piloto il mio drone col quale faccio foto o video, vivendo sul Lago d’Idro ci sono bellissimi panorami da immortalare».

Mattia in questi brandelli di stagione agonistica ha disputato in Argentina a fine gennaio inizio febbraio la Vuelta a San Juan Internacional, e poi è riuscito a fare l’esordio in Italia il 16 febbraio in Liguria nel Trofeo Laigueglia. Poi tutto è stato stravolto.

«Dovevo fare le Strade Bianche e da lì poi c’era in ballo il posto in squadra per la Tirreno-Adriatico e le altre corse. Purtroppo tutto è saltato e praticamente da quando hanno ufficializzato lo stop ho staccato per una settimana e poi ho ripreso gli allenamenti. Sono uscito, da solo naturalmente, fino a quando noi professionisti potevamo farlo e devo dire che nella mia zona non ho avuto problemi. So che altri, ad esempio il mio compagno di squadra Belletti in Romagna che ha avuto problemi per strada, con la gente gli urlava contro e lo insultava. Per fortuna io non ho subito nulla di tutto questo: uscivo con la mia autorizzazione e non ho avuto problemi di sorta».

Normalmente per gli allenamenti dove vai e con chi li fai?

«Mi piace molto variare, fare le stesse strade mi annoia. In estate quando faccio distanze più lunghe e percorsi più impegnativi vado spesso sulle strade dove si corre il Tour of the Alps in Trentino. Ci troviamo spesso noi professionisti sul Lago di Garda e da lì partiamo per l’allenamento: c’è mio fratello Marco che parte da Peschiera, poi Colbrelli, Bisolti, i fratelli Cima, Scaroni, Mareczko e qualche altro».

Prima di iniziare la stagione avevi detto che il 2020 era l’anno cruciale per fare il salto di qualità, con in testa il sogno di esordire al Giro d’Italia. E adesso…

«Il mio sogno resta la corsa rosa. Ce l’ho e finché non si avvera non sono soddisfatto: è come avere un sassolino nella scarpa, fino a quando non lo togli senti che ti dà fastidio… Speriamo che si possa ripartire il più presto possibile e che il Giro venga disputato quando tutto sarà tornato nella normalità. Se ne sentono tante e tutti i giorni, io resto fiducioso e come si dice la speranza è l’ultima a morire. Quindi bisogna sperare che tutto vada bene e penso che questa estate noi in Italia saremo i primi a riprendere le corse, all’estero credo che sarà un po’ diverso perché l’emergenza Coronavirus è arrivata dopo. Per il resto questa stagione volevo provare ad alzare l’asticella, nel finale del 2019 sono andato abbastanza bene e mi piacerebbe puntare un po’ più in alto. Una vittoria? Firmerei subito!».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La lunga pausa dalle gare sembra ormai volgere al termine per i ragazzi della Sangemini Trevigiani Mg.Kvis VPM, che conoscono finalmente la data per il loro rientro alla attività agonistica_ avverrà in Romania, al Sibiu Tour dal 23 al 26...


Le tappe di UCI Trials World Cup (24-26 luglio 2020) e di Mercedes-Benz UCI Mountain Bike World Cup (11-13 settembre 2020) ed i Campionati del Mondo di 4Cross (10-11 Settembre 2020) in programma in Val di Sole non potranno svolgersi in questa stagione a seguito dei provvedimenti della Provincia Autonoma...


Viborg, 3 giugno 1970: luogo e data di nascita di Eugenio Berzin, scritto all’italiana perché è proprio nel nostro Paese che il corridore russo ha deciso di vivere anche al termine della carriera e poi perché fu Candido Cannavò, indimenticato...


La notizia è apparsa ieri su Radsport-news.com come anticipazione e trova oggi conferma nella comunicazione ufficiale che hanno ricevuto le squadre invitate: il Sibiu Tour cambia data. Adrian Aldea, resposnabile dell'organizzazione della corsa a tappe rumena, ha infatti ufficializzato che...


Briko®, storico brand italiano di attrezzatura e accessori sportivi, ha stretto un accordo con Aon, primo gruppo in Italia e nel mondo nella consulenza dei rischi e delle risorse umane, nell’intermediazione assicurativa e riassicurativa, offrendo a coloro che acquisteranno un nuovo...


Oggi, mercoledì 3 giugno, è la Giornata Mondiale della Bicicletta, istituità dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 12 aprile 2018, riconoscendo l'unicità, la longevità e la versatilità della bicicletta, che è stata in uso per oltre...


Si celebra oggi la Giornata Mondiale della Bicicletta. Una giornata carica di significato in tutto il pianeta, più che mai in questo momento di ripartenza dopo il lockdown e la più imprevedibile e imprevista delle crisi che abbiamo dovuto affrontare....


Ci sono mille modi per celebrare un anniversario e Richard Carapaz ha scelto di avvicinarsi al cielo… Ieri, per festeggiare un anno dalal conquista del successo nel Giro d’Italia, il corridore ecuadoriano si è regalato un bell’allenamento di oltre 200...


Ancora una vittoria per distacco sulle strade della HTV Cup, la corsa a tappe che si sta disputando sulle strade della penisola vietnamita. A cogliere il il successo nella quattordicesima frazione, la Nha Trang - Phan Rang di 135 km,...


Nel giorno della Giornata Mondiale della Bicicletta la Scuola Handbike Cooperatori ci regala un video che celebra la ripartenza, dopo quasi tre mesi di covid lockdown, degli allenamenti degli handbikers presso la Pista di Avviamento al Ciclismo Giannetto Cimurri di...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155