L'UCI APPROVA IL NUOVO REGOLAMENTO PER ATLETI TRANSGENDER

NEWS | 11/02/2020 | 12:41

L'UCI scende in campo per attualizzare e chiarire la sua regolamentazione circa la partecipazione alle corse di atleti transgender. Come aveva annunciato lo scorso 4 novembre, l’Uci ha approvato il 30 gennaio, in occasione del suo Comitato Direttivo, il nuovo regolamento che entrerà in vigore il 1° marzo 2020, Si tratta di un regolamento nato per favorire la partecipazione di atleti transgender nella categoria corrispondente al loro nuovo genere, garantendo ovviamente pari opportunità all’insieme degli atleti partecipanti.


Fino ad ora veniva applicato il regolamento stabilito dal Cio nel 2015 ma nuove conoscenze scientifiche hanno portato a rivedere i criteri di ammissione - in particolare per le donne transgender, maschi alla nascita - in una riunione di lavoro svoltasi il 19 ottobre scorso a Losanna alla quale l’UCI ha preso parte insieme ad altre Federazioni internazionali, ad esperti e ai rappresentanti degli atleti transgender e cisgender. Il nuovo criterio prevede che se una Federazione decide di utilizzare il testosterone come indicatore, l’atleta potrà gareggiare nella categoria d’elezione solo se la sua concentrazione di testosterone nel siero sarà inferiore a 5 nmol/L.


Ogni atleta che vuol gareggiare nella categoria corrispondente al suo nuovo genere dovrà indirizzare la domanda ad un responsabile medico indicato dall’UCI almeno sei settimane prima della prima gara. Il dossier dell’atleta sarà esaminato da una commissione di tre esperti indipendenti che stabiliranno se l’atleta può essere ammesso alla categoria indicata e informeranno il responsabile medico delle loro conclusioni.

L’atleta deve dimostrare che la concentrazione del testosterone nel siero sia inferiore a nmol/L per i 12 mesi precedenti alla richiesta. E una volta che avrà ottenuto la licenza, l’atleta si impegna a mantere il testosterone al di sotto di questa quota.

Una volta ottenuto il permesso di correre, il responsabile medico controllerà il rispetto delle regole per tutta la durata della sua carriera. In caso di mancato rispetto delle regole, il responsabile medico può sospendere l’atleta. In questo caso ci possono essere sanzioni che vanno dall’ammonizione alla squalifica e alla sanzione economica.

L’Uci ha chiesto a tutte le Federazioni Nazionali di inserire queste nuove direttive nei loro regolamenti.

David Lappartient, presidente dell’Uci, spiega: «L’adozione di queste regole da parte dell’Uci permetterà a tutta la comunità ciclistica di disporre di un quadro regolamentare definito e comunre. E con queste regole la nostra Federazione si dota ei mezzi necessari per prendere in considerazione, nel quadro dell’evoluzione della nostra società, il desiderio degli atleti transgender di gareggiare, garantendo al meglio l’uguaglianza delle possibilità di vittoria per ogni concorrente. È un passo importante verso l’inclusione degli atleti transgender nello sport di alto livello»
 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Dopo aver subito un test PCR nella giornata di riposo del Giro d'Italia di ieri, Fernando Gaviria dell'UAE Team Emirates è risultato positivo al COVID-19. Tutti gli altri corridori e lo staff hanno restituito un test negativo e oggi saranno...


In conformità con il protocollo sanitario del Giro d'Italia, sviluppato in accordo con le “Regole per la ripresa della stagione ciclistica su strada nel contesto della pandemia di coronavirus” dell'UCI (Union Cycliste Internationale) e in linea con le misure di contenimento...


È chiaro che in un momento come questo la priorità è la salute. Ed è altrettanto scontato che, se si parla di salute, non si può fare a meno di pensare all’emergenza pandemica che sta condizionando da mesi il mondo....


Dopo la grande vittoria del britannico Tao Geoghegan Hart a Piancavallo e la seconda giornata di riposo è ancora il territorio del Friuli alla ribalta esclusiva di questa 16a tappa con itinerario tutto in provincia di Udine e con due...


Chi meglio di Alberto Contador può “analizzare” la Vuelta che parte oggi? Ecco l’intervista che il grande campione spagnolo ha realizzato con Eurosport. Chi sono i favoriti per vincere La Vuelta?«I favoriti sono Roglic, Dumoulin, Froome, che affronta una gara molto...


Non ci fu, fra Coppi e Bartali, solo la borraccia. O le borracce. O le bottiglie. Ci fu molto di più. “Quei due” si guardavano, si temevano, ma si stimavano, si rispettavano. E si aiutavano. Non erano sempre contro, ma...


Nacer Bouhanni è risultato positivo al Covid19: l'esame, come da regolamento Uci, è stato effettuato tre giorni prima della Bruges-La Panne in programma mercoledì. La Arkea Samisic ha immediatamente fermato il corridore e ne ha cancellato l'iscrizione alla corsa belga.


Sarà una giornata speciale, quella di domani, per Oscar Gatto. Il trentacinquenne corridorveneto della Bora Hansgrohe, infatti, attaccherà per l'ultima volta il numero sulla sua maglietta e alla fine della Bruges-La Panne chiuderà la sua carriera. «Non ho più...


Ed ecco l’ora della Vuelta. Con sole diciotto tappe anziché 21 (a causa della pandemia sono saltate le prime tre frazioni, originariamente previste in Olanda), con la sovrapposizione deprecabile ma allo stesso tempo inevitabile con il Giro d’Italia, con le...


Mascherina e scaldacollo, un colpo solo e due bersagli centrati in pieno! Il governo ha messo le cose in chiaro, diversi paletti delimiteranno le nostre libertà ma nessuna di queste coinvolgerà i ciclisti in movimento! Una volta in sosta la...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155