L'UCI APPROVA IL NUOVO REGOLAMENTO PER ATLETI TRANSGENDER

NEWS | 11/02/2020 | 12:41

L'UCI scende in campo per attualizzare e chiarire la sua regolamentazione circa la partecipazione alle corse di atleti transgender. Come aveva annunciato lo scorso 4 novembre, l’Uci ha approvato il 30 gennaio, in occasione del suo Comitato Direttivo, il nuovo regolamento che entrerà in vigore il 1° marzo 2020, Si tratta di un regolamento nato per favorire la partecipazione di atleti transgender nella categoria corrispondente al loro nuovo genere, garantendo ovviamente pari opportunità all’insieme degli atleti partecipanti.


Fino ad ora veniva applicato il regolamento stabilito dal Cio nel 2015 ma nuove conoscenze scientifiche hanno portato a rivedere i criteri di ammissione - in particolare per le donne transgender, maschi alla nascita - in una riunione di lavoro svoltasi il 19 ottobre scorso a Losanna alla quale l’UCI ha preso parte insieme ad altre Federazioni internazionali, ad esperti e ai rappresentanti degli atleti transgender e cisgender. Il nuovo criterio prevede che se una Federazione decide di utilizzare il testosterone come indicatore, l’atleta potrà gareggiare nella categoria d’elezione solo se la sua concentrazione di testosterone nel siero sarà inferiore a 5 nmol/L.


Ogni atleta che vuol gareggiare nella categoria corrispondente al suo nuovo genere dovrà indirizzare la domanda ad un responsabile medico indicato dall’UCI almeno sei settimane prima della prima gara. Il dossier dell’atleta sarà esaminato da una commissione di tre esperti indipendenti che stabiliranno se l’atleta può essere ammesso alla categoria indicata e informeranno il responsabile medico delle loro conclusioni.

L’atleta deve dimostrare che la concentrazione del testosterone nel siero sia inferiore a nmol/L per i 12 mesi precedenti alla richiesta. E una volta che avrà ottenuto la licenza, l’atleta si impegna a mantere il testosterone al di sotto di questa quota.

Una volta ottenuto il permesso di correre, il responsabile medico controllerà il rispetto delle regole per tutta la durata della sua carriera. In caso di mancato rispetto delle regole, il responsabile medico può sospendere l’atleta. In questo caso ci possono essere sanzioni che vanno dall’ammonizione alla squalifica e alla sanzione economica.

L’Uci ha chiesto a tutte le Federazioni Nazionali di inserire queste nuove direttive nei loro regolamenti.

David Lappartient, presidente dell’Uci, spiega: «L’adozione di queste regole da parte dell’Uci permetterà a tutta la comunità ciclistica di disporre di un quadro regolamentare definito e comunre. E con queste regole la nostra Federazione si dota ei mezzi necessari per prendere in considerazione, nel quadro dell’evoluzione della nostra società, il desiderio degli atleti transgender di gareggiare, garantendo al meglio l’uguaglianza delle possibilità di vittoria per ogni concorrente. È un passo importante verso l’inclusione degli atleti transgender nello sport di alto livello»
 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Volata a due nella Vicenza-Bionde e successo del russo Gleb Syritsa che evidentemente ha un feeling particolare con la classica veneta, giunta alla sua 77a edizione. Syritsa, che quest'anno ha avuto la meglio su Andrea Pietrobon del Cycling Team Friuli,...


Vincenzo Russo corona il bel lavoro di squadra della Work Service Speedy Bike con la vittoria nel 10° Giro di Primavera per juniores, che si è svolto a San Vendemiano nel Trevigiano. Nella volata finale Russo ha superato il friulano...


Cancellata la prima tappa prevista a causa delle forte nevicate, il Giro di Turchia è partito con una “tappetta” di 72, 4 km con partenza e arrivo a Konya, la stessa città che ospiterà la corsa domani. Un grado centigrado...


Un dettaglio da molti ingnorato, ma che lo stesso Vincenzo Nibali ha sottolineato nel suo intervento a Bla Bla bike «La mia fu una sanremo lunghissima, più del normale. Parlo del tempo di percorrenza: 7h:18". Quei 40' in più rispetto...


L’estone Karl Patrick Lauk, che difende i colori del Team Pro Immo Nicolas Roux, ha vinto allo sprin la terza e ultima tappa del Tour of Rodes. Alle sue spalle nell’ordine il norvegese Fredrik Dversnes e il belga Stan Van...


Martina Fidanza ha messo a segno oggi, a Civitanova Marche (Macerata) la sua prima vittoria stagionale con la nuova casacca della Isolmant Premac Vittoria nella prima edizione del Trofeo Born To Win gara Open sulla distanza di 91 chilometri.La velocista...


Davide Persico concede il bis stagionale. Dopo il successo nella Coppa San Geo, il bergamasco della Colpack Ballan si ripete nel Gran Premio dell'Industria di Civitanova Marche (Macerata) in cui ha preceduto Gregorio Ferri, della Petroli Firenze Hopplà Don Camillo,...


Momento magico per Dario Igor Belletta. Il corridore milanese, della formazione GB Junior Team dell'ex professionista Gianluca Bortolami, centra la sua terza affermazione consecutiva (già si era imposto il 28 marzo ad Ancarano e a Pasquetta nella Coppa Dondeo) conquistando...


Martin Svrcek si presenta al pubblico italiano firmando la doppietta stagionale. A Santa Lucia di Pescantina nel Veronese, dove questa mattina si è disputato il Trofeo Salumificio Pavoncelli per juniores, il portacolori del Team Franco Ballerini, 18 anni originario di...


La pistard azzurra Sara Fiorin è sfrecciata vittoriosa a Civitanova Marche (Mc) nella prima edizione del Trofeo Born To Win per donne juniores. La brianzola, che difende i colori del team Gauss-Fiorin, allo sprint ha prevalso nei confronti della pavese...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155