«L'UOMO E' UNA BESTIA»

LETTERA APERTA | 17/01/2020 | 07:55
di Fiorenzo Alessi

Caro Direttore,

ricordo con simpatica nostalgia una trasmissione radiofonica della mia (nostra ?) gioventù: portava il nome di Alto Gradimento ed era condotta da due altrettanto giovani Renzo Arbore e Gianni Boncompagni. Uno dei bizzarri personaggi che la animavano usava presentarsi lanciando un urlo che era, al contempo, una constatazione e un monito: "L'uomo è una bestia!".

All'apprendere che, proprio nel tempo in cui si ricorda la nascita e, a breve, l'eterna fuga di un Campione Formidabile e Inimitabile del Ciclismo com'è Marco Pantani (sì, uso il tempo presente perchè lui resta e rimarrà negli occhi e soprattutto nel cuore di chi lo ha ammirato ed amato), è stato oggetto di sfregio un suo "ricordo",  nella "sua" Romagna e su una delle "sue" salite quasi quotidiane alle quali affidava l'onere e l'onore di testare la condizione agonistica, provo un turbinio di sentimenti che non è facile elencare. Dallo sconcerto all'odio più viscerale, passando per una mestizia profonda e fino ad una rabbia incontenibile. 

Lascio spazio ad ogni reprimenda nei miei riguardi, di ogni ordine e derivazione, ma non accetto da nessuno lezioni di ipocrita perbenismo e, meno ancora, di moralistico perdonismo: le emozioni e le passioni esulano da contesti asetticamente razionali. Chi ama il ciclismo, di un amore forte ed irriducibile  come può essere quello per una donna o per un figlio, non potrà mai accettare con bonaria pacatezza, e men che mai pavida rassegnazione, qualsivoglia insulto o affronto alla permanente tragedia per la perdita di una sorta di... stella polare.

Certo è che, stando così le cose, trova spazio l'urlo a cui sopra ho accennato: solo delle bestie - e di certo manco di riguardo alla specie animale - hanno potuto oltraggiare, per di più proprio nella sua terra, quello che è - tra tanti, pur nella sua semplicità - un "monumento alla memoria" del Pirata di Cesenatico.

Altrettanto indubitabile che i tempi che viviamo, sovente senza il fascino e il conforto degli affetti veri e delle amicizie disinteressate, conducono a fare scempio  dei sentimenti e delle emozioni. Quello che aveva nome "culto dei defunti", e che ancor'oggi parrebbe avere seguito, per molti non significa nulla. Con un simile andazzo, non so fino a che punto si riesca a concepire o a comprendere il valore - proprio così! - dell'invettiva, vale a dire delle parole violente destinate a riprendere una condotta indegna e spregevole, denunciandola con sdegno e ira.

Sperando di poter essere esaudito, un augurio per voi, che avete vigliaccamente vilipeso la memoria di Marco Pantani: prima della manchevole giustizia dell'uomo, vi raggiunga la maledizione di Dio.  Francamente, se foste inceneriti, non la riterrei una gran mancanza. Nè proverei pietà o compassione.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Baby Evenepoel continua a sorprendere. Il giovane talento belga della Deceuninck Quick Step mette il sigillo sulla Volta ao Algarve vincendo anche la crono finale di Lagoa. Sui 20, 7 km del percorso, Evenepoel si è preso il lusso di...


Sprint a due nella 61sima Coppa San Bernardino di Lugo (Ra) e successo di Davide Bauce. Il portacolori della Delio Gallina Colosio Eurofeed, protagonista di un bel finale di corsa, allo sprint ha regolato Stefano Alberti del team Aries Cycling,...


Jakob Fuglsang ha vinto la 66sima Vuelta a Andalucia-Ruta del Sol che oggi si è conclusa con la cronometro individuale di 13 km a Mijas dove invece si è imposto il belga Dylan Teuns, della Bahrain McLaren, che ha preceduto...


Continua il buon momento di Nairo Quintana che mette a segno la quarta vittoria di questa stagione conquistando anche la classifica finale del Tour des Alpes Maritimes et du Var che stamane si è conclusa con il successo del francese...


Che splendido fine settimana e che esaltante doppietta nel giro di 24 ore per Leonardo Marchiori, velocista principe del ciclismo dilettanti nazionale. Marchiori ha portato la sua maglia blu, quella del Team NTT Continental Cycling Team davanti a tutti anche...


Si chiude con un quinto e un secondo posto di tappa il Tour of Antalya di Filippo Fortin. Certo, un velocista corre sempre per vincere, ma viste le circostanze di corsa si può dire siano stati quattro giorni positivi per...


L'ex ciclista svizzero Pirmin Lang ha confessato di aver fatto parte della rete di doping venuta a galla in occasione dei Mondiali di sci nordico dello scorso anno grazie all'Operazione Aderlass. Messo alle strette dalle rivelazioni della Neue Zürcher Zeitung,...


Pascal Ackermann conferma tutto il bene che si dice di lui e vince una volta di gran classe, imponendosi nella prima tappa dell'UAE Tour. Nel cuore di Dubai, il portacolori della Bora Hansgrohe ha messo in fila Ewan, Barbier, Groenewegen...


Era il grande favorito per le volate di questo Tour of Antalya, ma Tim Merlier è riuscito a lasciare il suo sigillo solo all'ultima tappa. Il campione belga della Alpecin-Fenix è riuscito ad anticipare Filippo Fortin (Felbermayr-Simplon Wels), che aveva...


Il kazako Yevgeniy Fedorov (Vino-Astana Motors) ha vito per dustacco la prima tappa del Tour du Rwanda. Alle sue spalle, nell'ordine, gli eritrei Mulueberhan e Girmay Hailu. Fedorov indossa ovviamente la prima maglia di leader della classifica generale. ORDINE D'ARRIVO...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155