MONDIALE 2020, LA NAZIONALE SVIZZERA HA SCOPERTO IL PERCORSO DI AIGLE MARTIGNY

MONDIALI | 03/12/2019 | 10:49

I corridori sviuzzeri hanno già cominciato a studiare il mondiale di casa. Ieri a Martigny, infatti, i corridori rossocrociati si sono radunati per effettuare la ricognizione di alcune parti del percorso, in particolare la scalata della Petite Forclaz.

Grégory Devaud, copresidente dell'Associazione per l'organizzazione degli UCI Road World Championships 2020, e Corinne Rimet-Baume, segretaria generale, hanno presentato le gare e i progressi dell'organizzazione meno di 300 giorni prima dell'inizio della competizione. Steve Morabito, ambasciatore e responsabile strategico dello sviluppo sostenibile dell'evento, ha guidato la ricognizione pedalando insieme agli ex compagni dle gruppo, ha condiviso con loro la sua esperienza e illustrato l'obiettivo del Comitato Organizzatore di offrire un magnifico spettacolo sportivo.

Marcello Albasini. tecnico svizzero, spiega: «Gareggiare in casa è un'opportunità eccezionale. Vogliamo arrivarci nelle migliori condizioni possibili per ottenere un buon risultato. L'entusiasmo degli spettatori sarà un'ulteriore motivazione per noi. La scalata della Petite Forclaz è davvero difficile e porterà sicuramente ad una selezione importante, ma ci sarà da soffrier anhe dopo per raggiungere il traguardo di Martigny».

Sébastien Reichenbach, ciclista della Groupama FDJ, aggiunge: «Conosco molto bene il percorso. È stato importante per me venire con la squadra nazionale e non vedo l'ora che arrivi il prossimo anno. La parte finale della gara sarà molto selettiva. Non ricordo di aver visto percorsi così impegnativi in ​​un mondo Campionato: lo scenario sarà unico, con una selezione nelle prime fasi della gara e poi un grande spettacolo per il finale. Partecipare ai Campionati del mondo in casa ci darà anche una motivazione in più. Sarà fantastico gareggiare di fronte alla mia famiglia, sulle strade che da bambino percorrevo per tornare a casa da scuola».

Michaël Schär, atleta della CCC, riflette: «È un percorso molto bello, davvero difficile. La gara sarà molto interessante e aperta. I leader resteranno isolati molto presto e noi svizzeri avremo l'opportunità di brillare. È un grande orgoglio ospitare questi campionati del mondo nel nostro Paese».

Infine ecco le parole di Grégory Devaud, copresidente dell'Associazione per l'organizzazione degli UCI Road World Championships 2020: «Siamo lieti di accogliere i nostri corridori perché per noi è motivo di orgoglio sentire il sostegno di tutto il movimento ciclistico svizzero. Abbiamo lavorato sodo per proporre un percors in cui i corridori possano esaltare il loro talento. Il loro feedback molto positivo conferma la bontà del lavoro svolto dai nostri team».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Ancora una volta sotto i ferri: Alex Zanardi è stato operato per la terza volta dopo il terribile incidente in cui è rimasto coinvolto il 19 giugno scorso mentre partecipava ad una delle tappe di Obiettivo Tricolore, la staffetta...


Aspettando il Campionato Italiano di Ciclismo Professionisti, che si correrà nel weekend del 21-23 agosto 2020,  è già tempo di test. Il primo riscontro è di Alessandro De Marchi del CCC Team, convinto del percorso a cronometro: «Classico e sfidante - lo...


La pandemia ci ha abituato, purtroppo, a fare i conti anche con le incongruenze, le cose incomprensibili, i fatti inaccettabili. È una costante, del nostro Paese, purtroppo. Il fatto minimo che vi raccontiamo arriva da Dalmine, raccontato da un anonimo...


«Non si riparte. Organizzare eventi è praticamente impossibile». Questo, in sintesi, l'allarme lanciato questa mattina dal commissario provinciale della Federazione Ciclistica Italiana Christian Rigamonti attraverso il Corriere di Como. La preoccupazione è rivolta soprattutto alle categorie giovanili, nelle quali tutto...


Sarà la città di Plouay(Francia) ad ospitare, dal 24 al 28 Agosto 2020, i Campionati Europei su strada 2020. La decisione è stata presa nelle scorse ore al termine di una serie di contatti preparativi con la Federazione Ciclistica Francese,...


"Ho rilanciato Gilberto Simoni che aveva già 28 anni e siamo saliti sul podio del Giro, da lì è ripartita una carriera che lo ha visto salire per altre 6 volte a podio, 2 primi". Così Flavio Miozzo ai microfoni...


Inizia la nuova settimana all'insegna del buonumore, Vincenzo Nibali, e ci regala una foto davvero divertente con il commento «Iniziamo la settimana con un po' di dietro motore. Buon lunedì» accompagnato dalle tradizionali emoticon. Un piccolo segnale, che conferma come...


arrivano buone notizie da Pescara dove migliorano le condizioni di Nicolas Chiola, il ciclista 19enne di Cepagatti rimasto gravemente ferito dopo essere stato travolto da un fuoristrada davanti all’ospedale di Chieti mentre si stava allenando. Il giovane Under 23, tesserato...


L’industria ciclistica italiana piange uno dei suoi pionieri. Nella notte fra venerdì e sabato scorsi è mancato all’età di 77 anni Paolo Fontana, co-fondatore del marchio Cicli Olympia di Piove di Sacco, un uomo che ha legato la sua vita...


Ciclismo giovanile comasco fermo fino al 2021. Niente gare e dispersione di corridori che, fermi da marzo e senza la prospettiva di competizioni, non si stanno più ripresentando agli allenamenti. È un quadro a tinte fosche quello che riguarda l’attività...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155