GRAVE INCIDENTE IN BICI PER NATALE BELLOTTI

PROFESSIONISTI | 08/11/2019 | 10:51
di Pietro Illarietti

Grave incidente in bici per Natale Bellotti, imprenditore canturino conosciuto nel mondo del ciclismo per aver sponsorizzato diversi team ad ogni livello: dal World Tour con Lampre NGC, professional, con Carmiooro NGC, dilettanti con Pool Cantù, Pagnoncelli e Mastromarco, oltre ai tanti altri gruppi giovanili e gare. Terminata questa esperienza ha dato vita al marchio di abbigliamento La Classica.

Bellotti (64 anni splendidamente portati), era in sella alla sua bici a Coldrerio, nel Canton Ticino, quando ha perso il controllo del mezzo. Dopo un grandissimo spavento inziale le cose ora sembrano essere in miglioramento ed è lo stesso Bellotti che ce lo spiega direttamente dall'ospedale Civico di Lugano.

"Sono passati quattro giorni dal mio incidente e, poco per volta, le situazioni si stanno schiarendo. Ringrazio tutti gli amici e conoscenti che si sono preoccupati".

Questa la dinamica dell'incidente: "Stavo percorrendo un tratto di strada rettilineo in leggera discesa e, visto l’inizio di una pista ciclabile, mi sono portato sulla destra per imboccarla. Purtroppo non mi sono accorto di un piccolo gradino fra carreggiata e ciclabile e l’ho preso con poco taglio facendo sbandare la bicicletta.  Ho cercato di riprendere subito il controllo, ma sono andato a impattare violentemente contro un paletto posizionato sulla ciclabile poco più avanti". 

"Non ricordo poi niente perché ho perso conoscenza per diversi minuti ma sono sicuramente caduto picchiando la testa e il fianco destro. Ci sono infatti segni dell’impatto sul casco all’altezza della tempia destra, ho rotto gli occhiali riportando abrasioni sulla parte destra del volto e le fratture e la maggior parte dei danni fisici sono nella parte destra del corpo". 

La diagnosi: "Ho subito le fratture di clavicola, due costole, due vertebre cervicali, disseccamento dell’arteria vertebrale, ematomi con sanguinamento in testa e nella milza e qualche escoriazione al ginocchio e alla parte superiore della gamba destra. I medici hanno fortunatamente accertato l’assenza di danni al midollo, tuttavia ho un problema al braccio destro che non riesco a muovere bene (le dita e la mano per fortuna invece sì). Sono in corso ulteriori accertamenti ma il problema dovrebbe derivare da una lacerazione o compressione di fasci nervosi". 

Il recupero: "Sarà pertanto necessario effettuare una riabilitazione in un centro specializzato di Brissago con tempi di recupero che potrebbero superare il mese.  Non ci voleva ma purtroppo è successo".

Ti rivedremo al 100%? : "Sono positivo e cercherò di farcela".

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

L'eritreo Mulu Hailemichael ha vinto a Huye la seconda tappa del Tour du Rwanda. Il portacolori della Nippo Delko Provence, classe 1999, ha preceduto allo sprint il colombiano Restrepo della Androni Giocattoli - Sidermec e l'eritreo Biniam Girmay Hailu, anche...


Un altro podio in stagione e una vittoria sfiorata per l’Androni Giocattoli Sidermec che nella seconda tappa del Tour du Rwanda ha visto chiudere al secondo posto Jhonatan Restrepo. Il colombiano dei campioni d’Italia conferma così il suo brillante inizio...


Sotto il sole degli Emirati, Mauro Vegni divide i suoi pensieri fra la corsa - della quale è direttore - e l'Italia. Stamane, prima della partenza della seconda tappa del Tour, il dirigente del RCS Sport ha spiegato: «La situazione...


Un cambio netto per lasciarsi alle spalle un 2019 avaro di soddisfazioni. Romain Bardet, dopo sette anni in cui si è concentrato esclusivamente sul Tour de France, ha deciso di puntare per la prima volta sul Giro d’Italia. Ecco perché il Tour...


Operazione antidoping dei Carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria: fatta luce su una morte sospetta e smantellato un ingente traffico di anabolizzanti in palestre e nelle competizioni sportive; nove le misure cautelari personali, tra cui un forestale, e 20...


«Non è sempre facile essere me, ma i ciclisti... so­no masochisti». La bici è sofferenza, anche se sei un fenomeno. An­che se sei passato professionista a 18 anni e pronti-via hai sorpreso il mondo e te stesso vincendo fior di...


Una settimana di riposo forzato, la conseguente rinuncia alla Volta ao Algarve e poi finalmente Davide Ballerini ha potuto tornare in sella e riprendere ad allenarsi. A conclusione di un allenamento sulle strade svizzere, il portacolori della Deceuninck - Quick-Step...


Alla vigilia della stagione 2020, il BEAT Cycling Club si rafforza con l’arrivo di Stefano Museeuw, 22 anni. Il figlio minore di Johan Museeuw è l'undicesimo corridore della squadra. Non è un segreto che il BEAT Cycling Club intenda utilizzare...


È stata la suggestiva location del Palazzo della Regione Lombardia a fare da sfondo alla presentazione della Ktm Protek Dama, uno dei team lombardi di spicco del panorama del fuori strada. per leggere l'intero articolo e sfogliare la Gallery vai su...


Dal lunedì al sabato si allena come se la domenica potesse correre. Lavori, distanza, scarico, dietro moto. Poi, però, la domenica rimane a casa: niente numero dorsale, niente foglio firma, niente pronti via. Da venti mesi Andrea Innocenti è un...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155