LOTTA AL DOPING, L'UCI STUDIA NUOVE STRADE

DOPING | 18/10/2019 | 16:53

In qualità di firmatario del Codice Mondiale Antidoping, l’UCI è responsabile della lotta al doping nel ciclismo e mette in atto tutte le misure necessarie per assicurare e rafforzare la protezione dei ciclisti puliti.
La recente attualità, nello specifico l’operazione Aderlass, dimostra che il doping non conosce confini né tra gli sport né tra gli Stati.

In questo contesto, il Comitato Direttivo dell’Uci ha deciso di studiare l’opportunità di una futura collaborazione con l’International Testing Agency (ITA). Questo organismo è stato lanciato nel 2018 dal Movimento Olimpico con il sostegno della Wada e gestisce attualmente i programmi antidoping di oltre 40 organizzazioni, tra le quali Federazioni Internazionali di Sport Olimpici e organizzatori di grandi eventi.

L’Uci sta valutando se una collaborazione stretta con l’ITA, a partire dal 2021, potrebbe portare benefici al mondo del ciclismo. Detto questo, l’Uci ribadisce il proprio apprezzamento per il lavoro della CADF, la Fondation Antidopage du Cyclisme, che dal 2008 permette al ciclismo di essere all’avanguardia nella lotta al doping. Quale che sia la decisione che prenderà l’Uci, il CADF conserverà la responsabilità del programma antidoping del ciclismo nel 2020.

L’Uci ribadisce che la decisione non ha alcun legame con la partenza di Francesca Rossi, attuale direttrice della CADF (andrà a guidare l’Agenzia Antidopingt Francese, ndr). L’Uci comunicherà le discussioni sull’ITA nel prossimo Comitato Direttivo che si svolgerà a Dübendorf, in Svizera, in occasione dei mondiali di ciclocross 2020.

comunicato stampa Uci

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
È una classifica soggettiva, ancorché ragionata, e come tale destinata a far discutere. Ed il suo fascino, in fondo, è proprio questo. Gli amici di Cyclingnews hanno chiesto ad alcune delle loro firme di punta - vale a dire Daniel...


  Che cosa farai dopo il Giro d’Italia?, domandai a Michele Scarponi. So che gli altri si prepareranno per il Giro di Svizzera o per il Tour de France, rispose, invece io mi dedicherò al giro degli ombrelloni. Sarebbe piaciuto,...


Gli appassionati della leggerezza sono in grado di pesare tutto, una mania che colpisce spesso e volentieri gli appassionati di salita. Ruote leggere, selle leggere, teli leggeri, guaine leggere, insomma, un elenco lungo che potrebbe continuare per diverse righe. Spesso,...


  Daniel Zanta è un combattente. È lui stesso ad usare questa parola quando gli chiediamo di descrivere il suo carattere usando un solo termine. Nato a Palmanova, in provincia di Udine, alla fine del mese di gennaio del 2004,...


  Conclusasi l'epopea pionieristica del Diavolo Rosso, che con le sue imprese a volte rocambolesche aveva dominato la scena ciclistica nel primo decennio del XX secolo, negli anni Venti salirono alla ribalta i fratelli Battista (nella foto) e Marco Giuntelli,...


«Voglio giocare a carte scoperta: una squadra così vincente non si cambia». Patrick Lefevere spiega a chiare lettere le strategie di mercato della Deceuninck Quick Step dedicando alle trattaive la rubrica settimanale che tiene su Het Nieuwsblad. Il manager della...


Ve ne avevamo già dato contezza: il Giro dovrebbe effettivamente partire da Palermo. Oggi anche l’ottimo Cosimo Cito su “La Repubblica” ha riportato questa nostra anticipazione arricchendola di qualche particolare molto interessante. Intanto lo scambio di Grandi Partenze o Grand...


Grazie all'impegno e alla disponibilità della famiglia di imprenditori Pedron, grande amica del ciclismo, il Reparto di Terapia Intensiva e Patologia Neonatale dell'Azienda Ospedaliera dell'Università di Padova potrà disporre di una preziosa apparecchiatura ad ultrasuoni necessaria a monitorare le funzioni...


La diciasettesima tappa della HTV Cup . la Da Lat - Bao Loc di 110 km - ha visto l'ennesima volata sulle strade del Vietnam ed il successo è andato a Le Nguyet Minh (Ho Chi Minh City - MM...


«Dopo tre mesi di stop, comincio ad accusare l'astinenza da corse, ho bisogno dell'adrenalina da competizione...». Gianni Savio scalpita, non vede l'ora di tornare in ammiraglia, anche se ovviamente in questi mesi di pandemia non è mai stato fermo. «È...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155