WADA, AL VIA OGGI LO STUDIO SUGLI EFFETTI DOPANTI DEGLI SPRAY PER L'ASMA

DOPING | 12/09/2019 | 08:07

La WADA scende ufficialmente in campo per studiare gli effetti dopanti dei prodotti antiasmatici. Un nuovo studio sarà presentato oggi all'Università di Ulm: l’obiettivo dei ricercatori tedeschi è scoprire se gli spray per l'asma migliorano davvero le prestazioni.

Il numero degli sportivi che sono in possesso di certificati che attestano l’asma cresce, così come quello di coloro che assumono farmaci e recentemente un documentario dell’emittente tedesca ARD dal titolo “Secret Doping: The Greed for Gold" ha portato alla luce le rivelazioni di uno sciatore di fondo: «Sì, certo, ho preso lo spray per l'asma spray: non avevo l'asma, ma abbiamo provato di tutto! E siamo stati anche incoraggiati a richiedere e ottenere un'esenzione medica per l’utilizzo di questo farmaco».

Dati importanti arrivano dall’analisi delle statistiche: alle Olimpiadi invernali del 2006 il 7,7 per cento di tutti i partecipanti avevano un’esenzione e questi atleti hanno conquistato il 14,4 per cento di tutte le medaglie. E alle Olimpiadi invernali di quattro anni prima, il 5,2 per cento degli atleti che affermavano di avere l'asma hanno conquistato il 15,6 per cento delle medaglie in palio.

Ora l'Agenzia mondiale antidoping (WADA) ha deciso di scendere in campo finanziando uno studio dal costo di oltre 300.000 euro, condotto presso l'Università di Ulm, al quale parteciperanno anche scienziati di Colonia e Berlino.

«Esistono diversi approcci in cui i farmaci per l'asma possono svolgere un ruolo - spiega il professore associato di farmacia Maria Kristina Parr - : la dilatazione bronchiale e una migliore respirazione, un migliore assorbimento di ossigeno e prestazioni più elevate, ma questi farmaci per l'asma possono anche influire sulla crescita muscolare».

Lo studio nasce oggi, ci vorranno ovviamente dei mesi per avere una risposta alla domanda chiave: gli spray per l’asma hanno effetti dopanti - e se sì, quanto - sulle prestazioni agonistiche?

Copyright © TBW
COMMENTI
Studio inutile
12 settembre 2019 09:44 The rider
Secondo il mio punto di vista questo studio è inutile, visto che l'asmatico Froome è già stato assolto perchè il fatto non sussiste in DOPING.
Se invece lo studio invertirà il risultato, a quel punto il ciclismo moderno si rivelerà un grande CIRCO EQUESTRE!!!
Pontimau.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

La Deceuninck Quick Step ha reso noto che il danese Mikkel Honoré è stato vittima di un incidente durante l'allenamento oggi. Dopo essere stato trasportato al pronto soccorso, Mikkel è stato sottoposto a numerose scansioni e indagini accurate, che per...


Un nuovo territorio è pronto ad accogliere l'élite del ciclismo con la prima edizione del Saudi Tour che si terrà da martedì 4 febbraio a sabato 8 febbraio. Cinque tappe con l’obiettivo di mettere in luce la storia culturale e...


Fuga tutta africana nella quarta tappa della Tropicale Amissa Bongo, protagonisti il burkinate Abdul Aziz Nikiema, il camerunense Clovis Kamzong, il marocchino El Houcaine Sabbah ed il ruandese Joseph Areruya. Ad imporsi sul traguardo di Mouila, al termine di 190...


  Oggi, presso la sede della Regione Lombardia, Mapei riceve l’Alta Onorificenza di Bilancio nell’ambito della 4^ edizione del Premio Industria Felix – La Lombardia che compete, la ricerca condotta dal trimestrale Industria Felix Magazine, in collaborazione con l’Ufficio Studi...


Mentre la stagione su strada 2020 sta iniziando proprio in questi giorni, quella su pista si appresta alle battute finali. Da oggi a domenica 26 gennaio, infatti, il velodromo canadese di Milton ospiterà la sesta e...


«Dopo la tempesta arriva il sole», Tony Monti risponde al primo colpo e il suo eloquio si distende come un velocista lanciato verso il traguardo, solo che in questo caso non è nemmeno necessario tirargli la volata con una domanda,...


L'economia della bicicletta e della mobilità sostenibile cresce e sono sempre di più i benefici dei pedalatori che vanno al lavoro in bici. Come è facile intuire in primis si ha un vantaggio in ternini di salute e, fortunatamente, pure...


CINQUE. Come i marchi di casa nostra che equipaggeranno quest’anno cinque team di World Tour. Cinque aziende di casa nostra non sono poche e per noi dev’essere motivo di orgoglio, uno dei pochi in questo interminabile periodo di vacche magre....


Per il terzo anno consecutivo, De Rosa fornirà le sue biciclette al team Professional Caja Rural-Seguros RGA. E quest’anno ci sarà la novità dell'arrivo dei componenti Full Speed ​​Ahead e Vision che porteranno ulteriore qualità alle bici della squadra spagnola....


Richie Porte è al settimo cielo dopo la prima vittoria della stagione, ottenuta nella terza frazione del Tour Down Under: «In primo luogo, devo togliermi il cappello davanti ai compagni di squadra. Oggi hanno riposto tutta la loro fiducia in...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155