PINOT. «UN GRAVE ERRORE, NON VEDO L'ORA DI RISCATTARMI»

TOUR DE FRANCE | 16/07/2019 | 14:00
di Guido La Marca

Rabbia. Frustrazione e rabbia. Thibaut Pinot non fa nulla per nasconderle, le sta elaborando e si prepara a trasformarle in cattiveria agonistica.

«Dire che sono arrabbiato è poco e non ho ancora accettato quel che è successo ieri. Eravamo stati perfetti, sempre nelle prime trenta posizioni del gruppo, poi arriva una rotonda, un minimo errore ed ecco il patatrac. In quel momento non abbiamo lavorato bene come squadra: non sono i nostri avversari che hanno guadagnato 1'40", siamo noi che glieli abbiamo regalati».

Il capitano della Groupama FDJ parla nel suo albergo di Albi e spiega: «Ho capito subito che rientrare sarebbe stato difficile, le cose si sono messe male per noi sin dal primo momento. In più, durante l'inseguimento, abbiamo sbagliato a prendere anche un'altra rotonda e quindi... Ieri sera c'era grandissima delusione, ho visto i miei compagni tristi quanto me, vuol dire che c'è spirito di gruppo ed è questo che mi fa ben sperare».

Quindi lei resta fiducioso?

«Sì, perché sto bene, ho la gamba buona. Devo solo gstire l'impazienza e la sete di riscatto. Fosse per me ripartirei subito... Non vedo l'ora che arrivi la tappa di sabato perché allora cominceremo a fare i conti. L'obiettivo del podio finale è ancora a portata di mano anche se c'è ancora una dozzina di uomini in lizza per raggiungerlo».

Il gruppo dice che quest'anno il Tour è ancora più faticoso ed esigente: lei che ne pensa?

«È vero, è un Tour che stranamente ricorda molto il Giro d'Italia e non capita sovente. C'è molta stanchezza ed è anche per questo che sono convinto di poter recuperare terreno. Ci saranno defaillances, piccole crisi, momenti difficili e noi dovremo essere bravi ad approfittarne. La Ineos? Sul piano è superiore ma in salita finora non sono stati al top, anche se penso che abbiano "programmato" qualche corridore per la terza settimana. In ogni caso anch'io posso contare su una formazione fortissima...».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Quella che avrebbe dovuto essere una grande festa per la ripartenza in Belgio, si è trasformata in una giornata di tragica tristezza. È accaduto a Wortegem-Petegem, dove la madre del campone del Belgio Tim Merlier ha organizzato una corsa amatoriale...


Il campione del Sudarica Ryan Gibbons ha vinto la prima tappa del Tour de France virtuale precedendo il canadese Pier-André Coté della rally Cycling e l'australiano Nick Schultz della Mitchelton-Scott, mentre Mathieu van der Poelè rimasto ai piedi del podio....


La neoprofessionista britannica April Tacey, portacolori della Drops, ha vinto la prima tappa del Tour de France virtuale precedendo in una ppassionante testa a testa la statunitense Kristen Faulkner (Tibco-SVB) e l'olandese Chantal van den Broek-Blaak (Boels-Dolmans). Tra le grandi...


Un filo di voce, ferma. Come una vita spezzata. «Sono a pezzi, non ho parole - spiega a tuttobiciweb Marco Velo -. Eravamo in mezzo alla campagna, dove il traffico in pratica non c'è. Avevamo proprio scelto la campagna per...


E' una di quelle decisioni che un organizzatore non vorrebbe mai trovarsi costretto ad assumere. Una scelta che diventa ancor più difficile e triste quando quell'organizzatore risponde al nome dell'appassionatissimo Giampietro Bonin e la corsa in questione è il 45° Gp Sportivi...


Il giovane talento belga Mauri Vansevenant ha firmato ufficialmente un contratto con la Deceuninck Quick Step fino alla fine del 2023 e dal 15 luglio sarà a tutti gli effetti un professionista. «Volevo concludere la scuola prima di questo salto,...


"Abbiamo appreso con sorpresa da fonti parlamentari del ritiro dell'emendamento al Decreto rilancio, depositato dall'On. Nobili in fase di conversione e finalizzato a introdurre alcune importanti modifiche al codice della strada: è una decisione che prende in contropiede il mondo delle...


Una tragedia, l'ennesima, che scuote il mondo del ciclismo tutto e va a toccare una delle figure più conosciute del nostro movimento, Marco Velo, braccio destro di Davide Cassani. Questa mattina ha perso la vita la compagna dell'ex professionista bresciano,...


Per il protocollo sicurezza varato dall’Uci e dal Direttore sanitario dell’organizzazione mondiale del ciclismo il Professor Xavier Bigard ai primi di maggio vale solo un punto: «il protocollo rimane dipendente dalle leggi e dalle misure locali e nazionali in vigore...


Nairo Quintana dovrà osservare due settimane di riposo assoluto dopo l'incidente di cui è stato vittima ieri, quando è stato investito da una vettura mentre si allenava insieme al fratello Dayer e a Cayetano Sarmiento. Colpito dallo specchietto retrovisore di...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155