SOFFI AL CUORE. BARTALI MI HA RIPORTATO IN TEMA

SOCIETA' | 20/06/2019 | 07:41
di Gian Paolo Porreca
Mi ha ovviamente emozionato leggere di un Bartali, non di un Coppi, come riferimento per la Maturità. Tempo di un paio di flashback mentali e poi, una volta ancora - ma dubito che interessi tanto a me, quanto ad altri -  mi è sovvenuto di come passi struggente il tempo.
In assoluto, penso che esso trascorra in peggio, però però però...  può capitare sempre una eccezione. Con Bartali alla Maturità, Bartali non Coppi, mi è tornato in mente infatti di quando stavo per essere bocciato - io, il più bravo, o giù di lì, della classe -, agli esami di ammissione al Liceo Classico. Dal V Ginnasio al  I Liceo, sez. B, 'Umberto', fucina di talenti di una Napoli talora snob, più che perbene.
Il tema di allora, vagamente, era 'parlate da giovani di oggi delle vostre idealità di vita...'. Ed io, 1965, avrei scritto colonne su colonne - anzi, mezze colonne, come si usava, di foglio protocollo - che la mia idealità altro non era che il ciclismo, la sua solitudine, la sua sfida infinita di strada e per icona un umile corridore francese che si chiamava Le Dissez, ed aveva il gusto irrisolto della fuga.
La professoressa Biondi, o anzi  si chiamava Bartoli, ma era certo bionda e saccente come in genere le docenti di lettere di quella lontana stagione, si sarebbe chiesto cosa volesse mai annunciare per la vita ed il futuro quel ragazzo biondo che aveva scritto tanto. Il ciclismo come idealità, parvenu, al giudizio severo della Bartoli, scritta a lettere quasi ma non come Bartali.
E mi giudico’ lucidamente 'FUORI TEMA'. Ce la feci a stento ad essere promosso, scalando Foscolo come fossi stato Gaul, solo con la prova orale.
Ma oggi che alla Maturità del 2019 scoprono la lezione morale di Bartali - Gino 'il pio', che ci strinse la mano nel 1992 - mi sento tornato nelle righe del tema, riabilitato dopo l’ ostracismo di tanti decenni, anche io. E lo devo assolutamente raccontare, ma non c'è più spazio, e forse non c'è più tempo, ad Andre Le Dissez. Prima che sia dimenticato il suo trionfo.
Copyright © TBW
COMMENTI
Splendido articolo.
20 giugno 2019 10:03 gianni
...ma come scrive bene il dottor Porreca!
Gianni Cometti

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Festa grande ieri a casa di Pippo Pozzato: mamma Vittoria ha dato infatti alla luce Giacomo. E papà su Instagram ha scritto queste righe per presentare il suo primogenito al mondo: «Senza dubbio il giorno più bello della nostra vita....


Qualcuno ha notizie di Carapaz? Dice niente questo nome? Per chi faticasse a ricordare, confermo che si tratta dell’ultimo vincitore a casa nostra, al Gi­ro d’Italia. È passato un me­se, poco più, ma sembra già di parlare dei Gutemberg e...


Il Tour riparte dopo il secondo giorno di riposo con quella che, sulla carta è la tappa più semplice. Sono 177 i chilometri da percorrere con partenza e arrivo a Nimes, un lungo giro da affrontare sulle strade dellaProvenza, un...


Un applauso. Lo merita Romain Bardet per l’onestà con cui analizza il suo Tour de France, per come ci ha messo la faccia sulle strade e per come ce la metterà sicuramente nei prossimi giorni. «Non voglio essere solo spettatore...


L’ultima tappa pirenaica, vissuta ieri, consegna all’ultima settimana di corsa un Tour de France incerto e avvincente come non si vedeva da almeno trent’anni. Sei uomini sono ancora racchiusi in poco più di due minuti, con Alaphilippe che è riuscito...


Domenica scorsa ho avuto la fortuna (e la grinta) di scalare una salita mito come il Colle delle Finestre. Partecipando alla seconda edizione della Gran Fondo Sestriere insieme ad altri 2.000 ciclisti di ogni età e forma fisica mi sono messa alla prova,...


Il Tour de France è arrivato al secondo giorno di riposo prima di affrontare le Alpi e il gran finale verso Parigi. Ma la strada è ancora lunga. Fino ad ora le emozioni non sono mancate. Tra i protagonisti ci...


Jesus Herrada sarà il capitano della Cofidisalla Vuelta España che scatterà il 24 agosto. Accanto a lui altri due spagnoli: suo fratello José Herrada e Luis Angel Maté. Te anche i francesi: Nicolas Edet, Mathias Le Turnier e Damien...


È stata presentata ieri all’hotel Four Points Sheraton di Padova la collezione 2020 di Cicli Olympia, una gamma  diventata ancora più ricca grazie a nuovi modelli  ma anche grazie ad alcuni upgrade che rendono ancora più interessanti i modelli esistenti. Olympia...


Manca solo una settimana all’appuntamento clou della stagione per il ciclismo femminile italiano. Domenica prossima, 28 luglio, a Notaresco e Castellalto in provincia di Teramo, saranno assegnati i titoli nazionali su strada per le categorie Elite (professioniste) e juniores (classi...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy