SOFFI AL CUORE. BARTALI MI HA RIPORTATO IN TEMA

SOCIETA' | 20/06/2019 | 07:41
di Gian Paolo Porreca
Mi ha ovviamente emozionato leggere di un Bartali, non di un Coppi, come riferimento per la Maturità. Tempo di un paio di flashback mentali e poi, una volta ancora - ma dubito che interessi tanto a me, quanto ad altri -  mi è sovvenuto di come passi struggente il tempo.
In assoluto, penso che esso trascorra in peggio, però però però...  può capitare sempre una eccezione. Con Bartali alla Maturità, Bartali non Coppi, mi è tornato in mente infatti di quando stavo per essere bocciato - io, il più bravo, o giù di lì, della classe -, agli esami di ammissione al Liceo Classico. Dal V Ginnasio al  I Liceo, sez. B, 'Umberto', fucina di talenti di una Napoli talora snob, più che perbene.
Il tema di allora, vagamente, era 'parlate da giovani di oggi delle vostre idealità di vita...'. Ed io, 1965, avrei scritto colonne su colonne - anzi, mezze colonne, come si usava, di foglio protocollo - che la mia idealità altro non era che il ciclismo, la sua solitudine, la sua sfida infinita di strada e per icona un umile corridore francese che si chiamava Le Dissez, ed aveva il gusto irrisolto della fuga.
La professoressa Biondi, o anzi  si chiamava Bartoli, ma era certo bionda e saccente come in genere le docenti di lettere di quella lontana stagione, si sarebbe chiesto cosa volesse mai annunciare per la vita ed il futuro quel ragazzo biondo che aveva scritto tanto. Il ciclismo come idealità, parvenu, al giudizio severo della Bartoli, scritta a lettere quasi ma non come Bartali.
E mi giudico’ lucidamente 'FUORI TEMA'. Ce la feci a stento ad essere promosso, scalando Foscolo come fossi stato Gaul, solo con la prova orale.
Ma oggi che alla Maturità del 2019 scoprono la lezione morale di Bartali - Gino 'il pio', che ci strinse la mano nel 1992 - mi sento tornato nelle righe del tema, riabilitato dopo l’ ostracismo di tanti decenni, anche io. E lo devo assolutamente raccontare, ma non c'è più spazio, e forse non c'è più tempo, ad Andre Le Dissez. Prima che sia dimenticato il suo trionfo.
Copyright © TBW
COMMENTI
Splendido articolo.
20 giugno 2019 10:03 gianni
...ma come scrive bene il dottor Porreca!
Gianni Cometti

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Il Giro d'Italia di "Gambe, la strada è di tutti" continua. Lunedì prossimo la Fondazione Michele Scarponi porterà a Pinerolo (TO) il documentario che racconta, a partire dalla storia di Michele, ucciso nell'aprile del 2017 mentre si stava allenando in...


Continua a essere versato sangue sulle strade del mondo. Continuano a morire ciclisti, spesso giovanissimi. Ieri in Bretagna, a margine del ciclocross organizzato a Pleumeur-Bodou, ha perso la vita un ragazzo di 16 anni. Poco prima delle 15, l'adolescente originario di...


Ragazzi, ci siamo! Abbiamo spento presto la luce ieri sera, chiudendo Katmandu fuori dalle finestre. Ma addormentarsi non è stato facile, adrenalina a mille in corpo, anche se dovrei esserci abituato… Ma è così, ogni vigilia porta emozioni diverse e...


  Il suo nome è Beatrice Roda, ha compiuto quattordici anni lo scorso 4 novembre e nella stagione agonistica che si è conclusa a fine settembre, assieme a Marta Vergobbi e Michelle Di Paolantonio, ha difeso i colori di Bike...


Per quanto riguarda la categoria Allievi gli applausi sono tutti per Edoardo Zamperini. Il veneto della Officine Alberti Val d'Illasi si è imposto nell'Oscar tuttoBICI Gran Premio Nove Colli precedendo nell'ordine il toscano Ludovico Crescioli dell'Uc Empolese e l'altro veneto...


Un po' d'Italia al fianco di Mathieu Van der Poel: il prossimo anno, infatti, la Corendon Circus potrà contare su Kristian Sbaragli. Il toscano, classe 1990, ha firmato infatti un contratto biennale con il team belga, come ha anticipato il...


Tappa Olimpica e pista ciclabile più alta d’Europa. Cosa significa questa frase? In vista delle Olimpiadi del 2026 la Valtellina si prepara ad allestire una tappa del Giro d’Italia affascinante e su un tracciato inedito con possibile arrivo a Livigno....


  Negli ultimi 6 mesi, la tematica relativa alla mobilità sostenibile ha preso sempre più piede nelle città italiane tra decreti approvati, sperimentazioni, limitazioni e sharing. I cittadini italiani stanno rivolgendo grande attenzione verso questa soluzione che permette di non...


  Trecento chilometri, da Piacenza a Rimini, sola andata. La via Emilia, la statale 9, la route 77. Un uomo solo in bicicletta, e c’è da scommetterci, con il cappello. E’ il 1941, piena Seconda guerra mondiale. Giovanni Guareschi cavalca...


Sarà una "proma volta" carica di emoziuone. Scatta stasera la Sei Giorni di Gand e sarà la prima volta senza Patrick Sercu. Il re delle Sei Giorni e per lunghissimi anni organizzatore dell'appuntamento più atteso della stagione belga dei velodromi...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy