GIRO U23. DA CASA MARTINI AL CUORE DEL CHIANTI. LIVE E IMMAGINI

DILETTANTI | 16/06/2019 | 07:49
di Giuseppe Figini

Parla solo inglese, finora, il Giro Under 23: due vittorie di Ethan Hayter, che si porta sulle spalle la maglia rosa, e una per Matthew Walls, che si è imposto allo sprint ieri in quel di Pescia.

 

per seguire la cronaca diretta alle 11.50 e le immagini streaming della tappa a partire dalle 16.45 CLICCA QUI

 

È disegnata tutta in Toscana, fra i suoi più conosciuti e suggestivi scenari, questa terza tappa da Sesto Fiorentino a Gaiole in Chianti. La grande figura di Alfredo Martini, l’amato Commissario Tecnico azzurro, sarà da tutti ricordata nella sua città.
Sesto Fiorentino è un importante comune con 50.000 abitanti, nell’area urbana di Firenze, in pianura ma che si estende pure sul rilievo di monte Morello che offre piacevole vista del paesaggio sottostante. Soprattutto a partire dal secondo dopoguerra il territorio è stato interessato da una rapioda espansione urbanistica accompagnata da un notevole sviluppo economico in vari settori.

Diverse sono le architetture religiose e fra queste la Pieve di San Martino, la chiesa di Santa Maria a Quinto e numerose altre mentre, nel comparto architetture civili, sono presenti, soprattutto sulle alture dei colli, numerose ville e parchi fatte erigere da aristocratici fiorentini, il palazzo Comunale, il palazzo Pretorio e moderni complessi commerciali. Di specifico interesse è il museo Richard-Ginori, azienda storica nel campo della ceramica. La Ciclistica Sestese ha avuto nelle sue file, oltre all’icona Alfredo Martini, corridori poi pssaati con successo al professionismo quali Faliero Masi, nato a Sesto Fiorentino (1908-Milano 2000)– poi famoso costruttore di bici – e Nedo Logli.

La corsa, con tracciato notevolmente mosso, s’indirizza verso San Piero a Ponti, frazione  di Campi Bisenzio e quindi Lastra a Signa, indicata anche come “città della pietra” per la presenza di cave di pietra arenaria, soprattutto nel passato, con diversi laghetti artificiali sparsi nelle sue numerose frazioni, con vigne che producono Chianti nella declinazione della sottozona dei Colli Fiorentini. E’ zona di produzione dei famosi cappelli di paglia di Firenze. La Villa Caruso di Bellosguardo di fine 1500, con splendido giaardino, fu acquistata dal grande tenore Enrico Caruso agli inizi del 1900 che la arricchì con varie opere. Sono comunque numerosi gli edifici di vario tipo che sorgono nel territorio comunale che conserva anche tratti delle antiche mura.

Si superano le sue frazioni di Quattro Strade e Ginestra Fiorentina per raggiungere poi Cerbaia in Val di Pesa e Chiesanuova, frazioni di San Casciano in Val di Pesa, zona di produzione di vini, olio e vari prodotti agricoli di pregio con diverse chiese, pievi, ville di pregio, castelli che sorgono nell zona. Si prosegue per Falciani, frazione del comune di Impruneta, percorrendo la strada in Chianti e toccando Spedaluzzo, frazione di Greve in Chianti, sulla via Chiantigiana che unisce Firenze a Siena e che offre lo splendido spettacolo collinare naturale ma di grande impatto e suggestione delle vigne del Chianti inframmezzate da suggestive costruzioni di vario tipo, tipiche della zona, sia civili, sia religiose, disposte nelle numerose località e borghi del comune. E’nato qui, nel castello omonimo, Giovanni da Verrazzano (1485-1528) - date incerte – esploratore e navigatore di molte zone della costa atlantica del nord America al quale è dedicato il noto ponte sospeso di New York.

Anche Simone Borgheresi, corridore professionista dal 1992 al 2002, è nato qui nel 1968. Si supera l’altra frazione di Panzano in Chianti, con il noto castello e la pieve di San Leolino. La corsa prosegue e passa nella provincia di Siena, nel tratto iniziale delle valli dell’Arbia e della Pesa, per Lucarelli, frazione di Radda in Chianti, capoluogo comunale con l’abitato racchiuso all’interno della cerchia muraria con nel centro il palazzo del Podestà, la chiesa propositurale di San Niccolò di origine romanica, la pieve di Santa Maria Novella, quella di Santa Maria in Colle a Badiola, la villa di Albola. E’ zona, un po’ come tutto il Chianti, con edifici e casolari ristrutturati ma conservando le impronte originali che ospitano agriturismi e aziende agricole con vino e olio quali principali attrattive, oltre all’eccellente, tipica, offerta gastronomica e al richiamo, unico, del paesaggio.

Il tracciato della tappa è mosso, nervoso e prevede il passaggio da Castellina in Chianti, dopo avere raggiunto quota m. 578 del centro storico. Il territorio comunale rientra per intero in quello conosciuto come “Chianti classico”. E’ zona ricca di testimonianze archeologiche etrusche. Gli edifici religiosi di maggior valore sono la chiesa di San Salvatore, la chiesa d’origine romanica di San Giorgio alla Piazza, la pieve di Santa Cristina, quella di San Leonino e altre ancora.

Il centro storico, interamente restaurato in tempi recenti, propone nella piazza principale la Rocca, con torrione trecentesco, sede del museo archeologico del Chianti senese e tratti delle antiche mura. Si scende al bivio di Lilliano, frazione di Castellina in Chianti, per affrontare il primo “sterro”, termine che indica nel senese i tratti sterrati, che conduce alla località di Quattrostrade, quindi Quercegrossa, Pietralta, Vagliagli, nel territorio comunale di Castelnuovo Berardenga, in un succedersi di tratti non asfaltati per raggiungere Pievescola, nel comune di Casole d’Elsa e quindi Pianella, ritrovando il territorio del comune di Castelnuovo Berardenga nell’ampio “ricciolo” che disegna il tracciato finale  della tappa  che comprende otto tratti di “sterro”. L’ultimo, il n. 8, conduce al noto Castello di Brolio, già nel comune d’arrrivo di Gaiole in Chianti. E’ un imponente edificio, nell’omonima località, nei pressi di San Regolo, praticamente da sempre possedimento dell nobile famiglia fiorentina Ricasoli, trasformata d Giuliano di Sangallo (Firenze 1445-1516),  verso la fine del 1400, in prestigiosa residenza signorile abbinata a estesaa azienda agricola, soprattutto vinicola mentre nel 1835 il castello fu oggetto  di restyling in gusto revival gotico d’impronta inglese. La famiglia fiorentina dal 1993 è tornata alla testa dell’azienda dopo un trentennio circa di proprietà straniera.

Lo splendido borgo di Gaiole in Chianti, in tema di ciclismo, ciclismo storico, richiama alla mente e al cuore gli straordinari valori unici dell’Eroica, ora esportati con successo in varie parti del mondo da una nuova società di gestione, e pure con versioni modernizzate, nata da un’idea di Giancarlo Brocci, eclettico e appassionato personaggio, alla testa di un affiatato gruppo di validi collaboratori, che condividevano gli ideali, nati con l prima edizione nel 1997. L’Eroica è stata inizialmente organizzata dall’Associazione parco ciclistico del Chianti che si è occupata di valorizzare le strade rurali sterrate, gli “sterri”, realizzando anche la segnalatica  e favorendo la manutenzione  permanente dei percorsi.

Tutti gli appassionati del settore conoscono le regole del gioco che vanno dal mezzo meccanico che deve rispettare certi dettami tecnici codificati e severamente controllati, all’abbigliamento che deve essere d’epoca secondo i canoni tradizionali, storici, per affontare i percorsi proposti, di varia lunghezza, sempre e comunque con punti di rifornimento gustosi con specialità locali.
Nel 2007 è stata disputata l prima Montepaschi Eroica, aperta ai professionisti, subito entrata con immediatezza nel cuore dei corridori, a testimonianza della sua attraente unicità con partenza da Gaiole in Chianti e arrivo nell’unico, storico, scenario di piazza  del Campo. Dal 2013 la gara, organizzata da RCS Sport,  è stata denominata “Strade Bianche” con partenza e arrivo, nelle ultime edizioni, sempre da Siena. Molti sono i differenziati motivi di pregio architettonico che sono poposti nel territorio di Gaiole in Chianti.

per seguire la cronaca diretta alle 11.50 e le immagini streaming della tappa a partire dalle 16.45 CLICCA QUI

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

L'irlandese Rory Townsend della Canyon DBH - che ha anche la nazionalita britannica grazie a suo padre proprio come Dan Martin - ha vinto in volata la seconda tappa del Tour of Fuzhou davanti al promettante australiano Blake Quick, campione...


Team Cinelli, che peccato: dopo una sola stagione, ma che avrebbe decisamente meritato un prosieguo, la società ciclistica della categoria Under 23 ha deciso di cessare l'attività. C'è rammarico nella parole di Roberto Portunato, presidente del Velo Val Fontanabuona, che...


Da pochi giorni, il 6 novembre, ha compiuto 26 anni. E’ ancora giovanissimo Fausto Masnada, il bergamasco di Laxolo di Brembilla, che in questa stagione con la casacca dell’ Androni Giocattoli-Sidermec ha più volte “incendiato” le corse: dalle Classiche al...


Hanno risposto più di 1500 appassionati al richiamo della Sagan Fondo Colombia che si è disputata nella città di Barranquilla. Il tre volte campione del mondo è stato il protagonista numero uno della prova che si è svolta sulla città...


Splendida doppietta, quella firmata da Marta Bastianelli nell'Oscar tuttoBICI Gran Premio Alé. Lo scorso anno la laziale ha trionfato in maglia di campionessa europea e quest'anno si ripete - lei che a fine stagione è la numero 4 della classifica...


Caro Direttore, la lettura dell'articolo di Mariagrazia Nicoletti ieri su tuttobiciweb mi ha spinto ad una riflessione che le voglio proporre. Un noto attore e teatrante figlio di Romagna qualche annetto fa mise sulle scene un personaggio, genuino e ruspante ancorchè...


  Se ne parla, e non da oggi. Purtroppo o per fortuna se ne parla da anni. Da diversi anni. E anche quest’anno se ne è parlato troppo. Non mi riferisco al fatto che se ne sia parlato troppo di...


Sono le quattro di mattina quando mi sveglio per bere e sento Giorgio che mi dice: «Paolo, mi sa che ho la febbre… Dalle nove di ieri sera non ho ancora chiuso occhio…». Prendo il termometro (ecco il motivo per...


Dire Movistar Team vuole dire uno dei team più blasonati di tutto il circuito World Tour: 7 Tour de France, 4 Giri d’Italia, 4 Vuelta a España, 4 Campionati del Mondo, oltre 583 tappe vinte e 930 vittorie riportate dalla squadra...


  Non poteva essere altrimenti. 40 anni dopo il grande fango che incoronò Vito di Tano Campione del Mondo nel 1979, il grande ciclocross è ritornato a Saccolongo, nella settimana del ciclismo padovano. Dopo i fasti dell’Europeo di Silvelle, tutti...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy