PELUCCHI: «IN CERCA DI UN CONTRATTO PER IL 2019». AUDIO

PROFESSIONISTI | 13/10/2018 | 11:30
di Diego Barbera

Matteo Pelucchi è l’unico italiano della Bora Hansgrohe presente al Tour of Turkey e sta lavorando duro per il proprio capitano Sam Bennett. Un impegno che si è dimostrato vincente dato che il team ha già portato a casa due vittorie e un secondo posto. Lo sprinter originario di Giussano è in cerca di contratto per il prossimo anno.

Il 29enne non ha corso molto ma quando ha avuto le proprie opportunità le ha sapute cogliere con una vittoria in Slovacchia e numerosi piazzamenti nelle top 3 e top 10 durante l'anno. Ricordiamo che l’anno scorso aveva avuto un ottimo finale di stagione con un quinto e secondo posto proprio in Turchia e tre top ten (due settimi e un quarto posto) nell’impegnativo parterre del Tour of Guangxi in Cina.

Ecco le sue impressioni alla partenza della quinta tappa da Selcuk a Manisa. A fondo pagina il file audio da ascoltare.

Come sta andando questo Tour of Turkey?
«Sta andando bene, abbiamo già vinto due tappe con Sam Bennett. Io sono a disposizione della squadra e ci stiamo sacrificando per lui, ma abbiamo raccolto due vittorie e un secondo posto quindi siamo contenti».

Rispetto all’anno scorso la tua mansione è diversa, dal lavorare nel finale a prima
«La squadra ha deciso di avere soltanto uno sprinter e puntare su di lui. Forse oggi potrei avere un po’ più di spazio e provarci. Vediamo come va e come sarà la situazione in corsa. Quando c’è la possibilità naturalmente le volate le faccio».

Come valuti la tua condizione?
«Sto bene. Già nell’ultima corsa ho ottenuto una vittoria e un secondo posto (alla Okolo Slovenska, con secondo posto nella classifica a punti ndr). Quindi sono in crescita di condizione. Non ho corso tanto quest’anno ma quando ho avuto l’occasione sono andato bene».

Hai raggiunto diversi buoni piazzamenti.
«Non è mai facile, ero un mese a casa senza gare. Ho dimostrato anche di sapermi allenare bene a casa lontano dalle corse per presentarmi pronto all’appuntamento».

Cosa ci puoi dire del tuo futuro prossimo e sulla tua situazione?
«Il mio futuro per adesso è ancora incerto perché sono senza contratto. Sto cercando, ma la situazione non è per niente facile e a essere sincero sono un po’ preoccupato. So che è così per tanti corridori, ma stiamo a vedere».

Una vittoria potrebbe un po’ aiutare in questo senso
«Sì, anche se a essere sincero tanti mi dicono che non cambierebbero le cose. Di sicuro però farebbe molto bene per il morale».


Copyright © TBW
COMMENTI
Direct Energy
13 ottobre 2018 14:00 fix1963
Grave errore lasciare il gruppo Europcar a fine 2012. L'avrebbero tenuto ma chiedeva troppo, peccato..Sicuramente sarebbe ancora con Bernadeau. Ale

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
L’industria ciclistica italiana piange uno dei suoi pionieri. Nella notte fra venerdì e sabato scorsi è mancato all’età di 77 anni Paolo Fontana, co-fondatore del marchio Cicli Olympia di Piove di Sacco, un uomo che ha legato la sua vita...


Ciclismo giovanile comasco fermo fino al 2021. Niente gare e dispersione di corridori che, fermi da marzo e senza la prospettiva di competizioni, non si stanno più ripresentando agli allenamenti. È un quadro a tinte fosche quello che riguarda l’attività...


Le abbiamo viste i piedi di Gilbert in mezzo alla polvere della Roubaix, ma anche osservate bene indossate da Geraint Thomas e Carapaz, vincitori rispettivamente di Tour de France 2018 e Giro d’Italia 2019. Insomma,  le Infinito R1 di Fi'zi:k...


Manca meno di un mese alla tanto attesa quanto desiderata ripartenza, con il WorldTour che scatterà il primo di agosto con la “Classica del Nord più a Sud d’Europa”, vale a dire le Strade Bianche. Ed è proprio da Siena...


Anche in Franci a ieri si è ricominicato a gareggiare ed è stato Thibault Guernalec, portacolori del Team Arkéa-Samsic, a conquistare il successo nella crono SportBreizh di Plouhinec. La prova, aperta a professionisti e dilettanti epoi alle categorie giovanili, si...


E’ il 3 giugno 1990, si corre la Moena-Aprica, sedicesima tappa del Giro d’Italia. Per la prima volta la corsa rosa affronta il Mortirolo, seppur dal versante di Monno, il meno ripido. All’inizio della salita un ragazzino romagnolo classe ’77...


Il cognome Bergamo, nel ciclismo professionistico, si declina con i nomi propri si Marcello, Emanuele – due fratelli – e Marco, professionista trentino della Val di Non, per quattro anni, nella seconda metà del decennio 1980. Per spessore e rilevanza...


L'ispirazione l'ha avuta dal fratello Marco, ma il suo modello è Tom Dumoulin. Nicola Plebani, fino allo scorso anno juniores nel Team F.lli Giorgi, fa parte della nuova generazione di giovani talenti del bergamasco. Classe 2001, diciannove anni a ottobre,...


Quando ripartiremo? Una domanda che anche il mondo del ciclismo, tecnici, atleti e appassionati si sono ripetuti ossessivamente per mesi. Oggi questa domanda ha finalmente una risposta: si ripartirà mercoledì 9 luglio con la prima prova del Master delle Piste che...


  L’intervista. Ilaria Sanguineti, “Sono pronta per il rientro in Spagna”Dopo due anni in maglia Valcar-Travel & Service (e altrettanti quando era ancora una junior) Ilaria Sanguineti si appresta a vivere una stagione spartiacque della sua carriera. Sì, perché il...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155