BUGNO: «SICUREZZA E PROTOCOLLO, NO A FIGLI E FIGLIASTRI»

PROFESSIONISTI | 11/08/2018 | 07:12
di Pier Augusto Stagi

Sono figli di un Dio minore, in questo caso di un ciclismo sicuramente più piccolo, modello bonsai, ma non per questo i ragazzi di questa “terza fascia” del ciclismo devono essere considerati carne da macello.

Fa caldo, il sole picchia feroce e sono in tanti a correre in questo periodo in bicicletta. Tante corse, molte manifestazioni, di tutti i tipi. In Portogallo si è corso recentemente in condizioni estreme, ma certe regole valgono e sono rispettate dagli organizzatori solo per i corridori di “world Tour”. Poi però c’è chi si lamenta, e chi raccoglie il lamento, anche se a livello statutario – per usare un linguaggio burocratese – certe rogne potrebbe anche lasciarle fuori dall’uscio.

Non Gianni Bugno, che come corridore si è fatto amare da una vasta schiera di aficionados, e oggi da presidente del CPA, il sindacato mondiale dei corridori, è solito fare tante cose, con il suo stile, che è quello di sempre: basso profilo e pedalare.

In questo caso siamo noi di tuttobiciweb a stanarlo, a provocarlo, a chiedergli un parere, un pensiero e un’opinione su questo ciclismo da “girarrosto”. Su questi corridori che in questo periodo sono sempre sulla graticola, e sotto la canicola ferragostana. E Gianni Bugno, fa Gianni Bugno. Nel senso che lui starebbe volentieri nel suo brodo, rintanato nella sua tana da lupo solitario, ma se lo vai a stuzzicare, beh, Gianni a quel punto parte, come se dovesse nuovamente fare la volata di Benidorm: da indolente a inarrestabile. Per lui il colpo di pedale è davvero breve.

«Guarda, sai che sono felice che tu mi abbia chiamato – esordisce il due volte campione del mondo degli Anni Novanta -. Devi sapere che in occasione della Volta a Portugal non ce l’ho fatta a stare fermo. Quando ho saputo in quali condizioni quei ragazzi delle categorie Continental erano costretti a correre, abbiamo deciso di contattare immediatamente l’organizzatore della corsa, al quale abbiamo espressamente chiesto che applicasse il protocollo condizioni meteo estreme (anche se non previsto dai regolamenti). Inizialmente, nonostante il caldo, questi si è mostrato piuttosto freddino. Ci ha risposto che la loro macchina organizzativa era pronta ad intervenire in ogni momento in caso di problemi per i corridori (staff medico, pompieri,  idranti etc..). Inoltre che i team erano d’accordo nel proseguire la corsa. A quel punto abbiamo insistito sul fatto che fossero i corridori a dover essere ascoltati e non i teams e che l’organizzatore era responsabile della loro salute e della loro sicurezza sulle strade, facendo loro presente che non erano importanti solo le misure di pronto intervento, ma fondamentale era prevenire i problemi, per l’incolumità dei corridori. Abbiamo chiesto che se la temperatura fosse stata superiore ai 40 gradi era necessario anticipare la corsa e fare tappe più brevi. Il risultato è stato che diverse tappe, compresa quella “regina”, sono state accorciate, e gli orari anticipati. L’organizzatore ha davvero cambiato passo, ha risposto positivamente alle nostre istanze, e da quel momento in poi ci ha inviato le comunicazioni di ogni tappa e l’aggiornamento della situazione».

Una risposta incoraggiante, che gratifica il CPA, ma segna un punto a favore anche agli organizzatori.
«In questo caso un grazie dobbiamo dirlo a questi signori della Volta Portogallo, ma ancora tanto va fatto. La cosa confortante – aggiunge Bugno – è che da quando ci siamo mossi anche per questi ragazzi che spesso sono figli di nessuno, e si è sparsa la voce che il CPA può essere per loro un’importante opportunità, ogni giorno riceviamo richieste di aiuto e segnalazioni di ogni tipo. Per questo motivo il CPA ha deciso di creare una divisione che si occuperà anche di queste categorie (le Continental) seppur non previsto – al momento - dal nostro Statuto».

In questi anni, comunque, di cose in nome della sicurezza ne avete fatte tante…
«Tantissime. Vado per sommi capi. Nel 2015 abbiamo lanciato il progetto “delegati del CPA a tutte le corse WT”: un membro del CPA è presente a tutte le corse WT per farsi portavoce dei bisogni dei corridori. Nello stesso anno il CPA ha lavorato per la messa in opera del “Protocollo in caso di condizioni meteo estreme” in base al quale, in caso di avversità climatiche, un rappresentante dei corridori può intervenire per modificare, interrompere o sospendere la corsa. Da quando il protocollo condizioni meteo è entrato nei regolamenti UCI, il CPA si preoccupa di comunicare ad ogni corsa UWT, 1.hc, 2.hc, il nome di un rappresentante corridori in caso di protocollo condizioni meteo estreme. Nel 2016 il CPA ha presentato un piano di sicurezza per migliorare ulteriormente le misure preventive di sicurezza nelle corse WT. Questo lavoro ha dato origine alle “Specificazioni per gli Organizzatori” ora in vigore, che prevede la messa in opera di misure per la sicurezza delle corse molto precise, che il delegato del CPA si preoccupa di far rispettare. Tra i nostri prossimi obiettivi sul miglioramento della sicurezza ci sarà la richiesta di applicare il protocollo “condizioni meteo estreme” anche nelle corse minori. La sicurezza è un diritto di tutti i corridori, non può essere “riservata” solo ad una certa elite. Chi corre in bicicletta deve farlo nel rispetto della salute, e questo principio deve valere per Nibali, Sagan o Froome, così per il più umile dei gregari di terza divisione».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

E’ finlandese, anzi, lappone di Rovaniemi, ma c’è chi dice che venga dalla Turchia, e comunque sa parlare qualsiasi lingua, volendo anche i dialetti. Ha un’età imprecisata e imprecisabile, a occhio potrebbe essere un’ottantina di anni, ma all’anagrafe potrebbe anche...


Sono Dario Belingheri e Stephane Mantey i vincitori del concorso fotografico “The Best of Cycling 2018”, dedicato ai fotografi di ciclismo professionisti o che seguono da vicino il mondo del ciclismo e organizzato da Sprint Cycling. Nella categoria Scenery ha...


Impegno, moralità e solidarietà gli ideali del Premio Internazionale Le Velò, istituito e portato avanti dal senatore Riccardo Nencini, giunto alla 22^ edizione, la cui cerimonia di premiazione si è tenuta alla Fattoria Il Palagio a Scarperia, ospiti di Leonardo...


Come un videogame: ci si fa incuriosire dall'amico che gioca, si scarica l'app, si fa qualche partita per provare, tanto cosa vuoi che mi interessi e poi si finisce per non smettere più e farsi travolgere dalla passione. Silvano Rodella...


Premi, riconoscimenti e onoreficenze sono sempre importanti per chi li riceve ma quando si trasformano nell’apprezzamento di una nazione e del suo popolo diventano un segno dal valore inestimabile.Nel 2018 la Polonia ha festeggiato i 100 anni dalla riconquista dell’...


Due giorni orsono vi abbiamo presntato la prima iniziativa del Gruppo Sportivo Sprint Ghedi che per celebrare il 46°anno di fondazione ha scelto la strada della solidarietà. Il sodalizio bresciano, guidato dallo storico presidente Luciano Grillo, ha deciso infatti di...


Si è chiuso oggi il secondo training camp del team NIPPO Vini Fantini Faizanè in vista della stagione 2019. La sei giorni alla Spezia, presso l’Hotel Il Gabbiano si è conclusa con un momento conviviale, una cena aperta ai fan...


Nella presentazione di questa mattina a Milano, Guerciotti, oltre a presentare i modelli E740 ed Eureka Air che utilizzeranno i corridori della Bardiani CSF su strada, ha illustrato tutti i suoi progetti legati al mondo del fuoristrada, nel quale la...


È iniziata ufficialmente la nuova stagione anche per la Bardiani CSF: stamane al Novotel di via Mecenate a Milano è andata in scena la presentazione del #greenteam della famiglia Reverberi. La formazione Professional che vanta, come da tradizione, solo corridori...


Guardateli bene perché difficilmente vi capiterà l'occasione di vederli ancora una volta vestiti così... Sono i nuovi acquisti della UAE Emirates accolti in maniera decisamente colorata dai loro nuovi compagni di squadra. Da Gaviria a Henao, passando per i fratelli...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy