I VOTI DI STAGI. GLI SKY GIOCANO TRA LORO E SI DIVERTONO UN SACCO

TOUR DE FRANCE | 18/07/2018 | 20:30
di Pier Augusto Stagi

Geraint THOMAS. 10. Impressionante. Fa quello che vuole come vuole. Parte e va a prendere in un amen due signori che si chiamano Tom Dumoulin e Mikel Nieve, come si va a prendere due cicloamatori stanchi. Gioca e si diverte. Gli altri un po’ meno.

Tom DUMOULIN. 9. Si muove da grande campione e fa cose da fuoriclasse assoluto. Altro che uomo del tempo: è un uomo in grado di mandare fuori tempo chiunque. Se non ci fossero gli Sky sarebbe un gigante. Al loro cospetto è semplicemente un grande.

Chris FROOME. 8. Frulla solo quando gli dicono di farlo. Prima lascia fare a Thomas, poi parte lui e sistema diverse cose. Rammentatelo bene: domani, forse un giorno, fermeranno Geraint Thomas, ma oggi è stato lui a rallentare e attendere.

Damiano CARUSO. 8. Fa un corsone, tutto all’insù, tutto controvento, tutto sotto il sole, tutto d’un fiato. Porta a casa un quarto posto che forse gli lascia l’amaro in bocca, però gli consiglio di guardare chi l’ha preceduto e chi si è lasciato alle spalle: si potrebbe rincuorare.

Mikel NIEVE. 7,5. Sembra fatta, sembra lanciato, ma in queste corse e su certe salite maligne e ingannevoli può succedere di tutto. A lui succede che all’improvviso si spenga la luce. Ma si riaccenderà, presto.

Daniel MARTIN. 7. Ci prova, con coraggio e determinazione. Non è facile accelerare dove tutto è accelerato. Non è facile far distacco dove tutti sono già al gancio. Lui ci prova, ed già tanto, molto.

Romain BARDET. 6. Dal gruppetto dei big è uno dei primi a muoversi, per provare a muovere le acque, ma poi si trova con l’acqua alla gola e pensa a non bere troppo.

Vincenzo NIBALI. 6. Lo Squalo ad un certo punto sembra un pesciolino rosso, in affanno, in mezzo a tutta quella corrente. Ha il grande merito e la grande intelligenza di capire la situazione e gestire lo stato d’emergenza. Potrebbe precipitare, perdere il treno, invece il treno lo prende e arriva in stazione: solo un po’ di ritardo.

Nairo QUINTANA. 5,5. Fa quello che può, su una salita esplosiva, di velocità e di rapporto, da frequenze folli. Il colombiano ha bisogno di pendenze più accese, di velocità più rallentate. Oggi però è un po’ troppo lento.

Primoz ROGLIC. 6. Lo sloveno ha solo un obiettivo: stare lì il più possibile. E ci resta.

Steven KRUIJSWIK. 5,5. Salta proprio sul più bello, quando ormai è lì con i migliori. Perde qualcosa, ma non tantissimo.

Mikel LANDA. 5,5. Non sta bene, è chiaro. Le botte del pavé sono restate sullo stomaco e nelle gambe. Oggi si va a tutta e lui non può dare tutto.

Ilnur ZAKARIN. 5. Scivola solo all’indietro, su un piano inclinato. Si fermerà?

Egan BERNAL. 5,5. È giovane, molto giovane, e deve prendere le misure. Oggi, probabilmente, avrà anche pensato: ma questi sono tutti matti. In ogni caso non perde un’eternità: 14° a 1’47”.

Pierre LATOUR. 5. È una delle grande speranze di Francia, oggi capisce che il cammino per risalire verso le zone nobili è lungo e lastricato di sofferenza. Perde quasi 3’, Martin incalza e all'orizzonte c'è Bernal...

Bauke MOLLEMA. 4. Lo rivedremo sicuramente nell’ultima settimana, quando il disastro sarà compiuto.

Alejandro VALVERDE. 6. Fa il suo, cercando di muoversi per mettere pressione agli Sky, ma alla fine la pressione la devono provare al murciano.

Jakob FUGLSANG. 4. Ha una squadra a disposizione, e francamente anche una grande squadra. Lui per la prima volta ha i gradi del capitano: ma questo è.

Bob JUNGELS. 4. Uomo per i Grandi Giri? Sì, certo.

Adam YATES. 4. È il gemello: oggi però sembra Simon nell’ultima settimana del Giro. Magari dalla prossima settimana Adam migliora.

Peter SAGAN. 7. Pronti, via e dopo soli 11 km ecco un traguardo volante. Il campione del mondo è il più lesto, il più veloce e porta a casa altri 20 punti in chiave maglia verde. Poi, fatto il gatto, fa l’indiano e lascia che il gruppo lo riassorba. Il suo l’ha fatto anche oggi. Come sempre.

Kristijan KOREN. 8. Koren koren tutti, dal mattino alla sera. Al Tour, come al Giro è tutto un koren di qui e un koren di là. Lui, Kristijan ha un piede livido color melanzana. Da domenica sera, dopo la tappa del pavé, il dottor Emilio Magni si raccomanda: «Kristijan, se te la senti prosegui, ma non esagerare: non è il caso di fare l’eroe». Lui, saltellando su un piede solo, fa finta di non sentire. Non sente il dolore, figurarsi le parole di un medico.

Greg VAN AVERMAET. 9. Onore a questo ragazzo, che ieri ha stupito tutti per la sua condotta di gara, per la sua tenacia e forza. Oggi, però, può far ben poco. Si parte in salita e si arriva in salita. «Oggi il mio destino è segnato». Ma è lui ad aver lasciato il segno.

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Non ci credo
19 luglio 2018 11:02 Rocco toti
Non puo essere che thomas scatti in faccia e stacchi con disinvoltura gente come nibali, quintana ecc..
Oppire kwiatoski che tira il collo a tutto il gruppo in salita??
Io agli sky non ci credo..

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Si è riunita l'apposita commissione per assegnare il «Calice d'Oro» l'ambito riconoscimento che la Ciclistica Trevigliese indice ogni anno. Per il 2018 il premio alla «Promessa dell'anno del ciclismo bergamasco» è stato assegnato ad Andrea Piccolo; il premio al «Campione...


Il team CCC ha presentato oggi la divisa da corsa 2019 nel suo buen retiro di Denia, in Spagna. La divisa, prodotta dal nuovo partner tecnico del team Etxeondo, vede l’arancio - colore storico dello sponsor CCC - sfumare nel...


Nuova stagione e nuovo look per il Team Sunweb: dalla maglia biaconera si passa infatti ad un rosso acceso arricchito dal bianco nella nuova divisa firmata Craft che sarà vestita dai professionisti, dalle donne e dal team Continental. II design...


La Deceuninck Quick Step ufficializza la nuova maglia per la stagione 2019, come da tradizione firmata da Vermarc, storico partner del team. Tradizionali sono anche i colori blu e bianco che fanno da sfondo ai loghi di vecchi e nuovi...


Con la bici si può guadagnare, in salute e in quattrini. Più di 400.000 belgi hanno ricevuto lo scorso anno una indennità per aver utilizzato la loro bicicletta per andare al lavoro. per leggere tutto l'articolo CLICCA QUI


Continuano ad aggiungersi tasselli importanti a quello che sarà l’organico del Team Beltrami TSA – Hopplà – Petroli Firenze per la stagione 2019, la prima della squadra emiliana come formazione professionistica Continental. Alla corte del team manager Stefano Chiari arriva...


Stessi colori, medesimi valori e desiderio di crescere insieme. Il brand PF - ProfessioneFinanza diventa nuovo Sponsor del team NIPPO Vini Fantini Faizanè, con l’obiettivo di rafforzare la brand awareness sul territorio nazionale e di collegarsi agli eventi organizzati dal...


Il conto alla rovescia è iniziato: mancano solo due giorni alla partenza della 54sima edizione della Vuelta a Costa Rica ultima gara su strada del calendario internazionale UCI della stagione 2018. Al più importante evento ciclistico dell'anno del Costa Rica...


L’annuncio dell’addio della Sky al suo team a fine 2019 ha provocato un inevitabile turbinio di reazioni, di anticipazioni, di soluzioni ma anche qualche analisi più approfondita. È il caso di Jonathan Vaughters, team manager della EF Education First-Drapac che...


Dopo tanti anni in rosso, la Cofidis torna al bianco, che era stato il colore dominante del team sul finire degli anni Novanta, . La nuova maglia della formazione francese conserva comunque numerosi dettagli in rosso e propone ampio spazio...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy