I VOTI DI STAGI. GLI SKY GIOCANO TRA LORO E SI DIVERTONO UN SACCO

TOUR DE FRANCE | 18/07/2018 | 20:30
di Pier Augusto Stagi

Geraint THOMAS. 10. Impressionante. Fa quello che vuole come vuole. Parte e va a prendere in un amen due signori che si chiamano Tom Dumoulin e Mikel Nieve, come si va a prendere due cicloamatori stanchi. Gioca e si diverte. Gli altri un po’ meno.

Tom DUMOULIN. 9. Si muove da grande campione e fa cose da fuoriclasse assoluto. Altro che uomo del tempo: è un uomo in grado di mandare fuori tempo chiunque. Se non ci fossero gli Sky sarebbe un gigante. Al loro cospetto è semplicemente un grande.

Chris FROOME. 8. Frulla solo quando gli dicono di farlo. Prima lascia fare a Thomas, poi parte lui e sistema diverse cose. Rammentatelo bene: domani, forse un giorno, fermeranno Geraint Thomas, ma oggi è stato lui a rallentare e attendere.

Damiano CARUSO. 8. Fa un corsone, tutto all’insù, tutto controvento, tutto sotto il sole, tutto d’un fiato. Porta a casa un quarto posto che forse gli lascia l’amaro in bocca, però gli consiglio di guardare chi l’ha preceduto e chi si è lasciato alle spalle: si potrebbe rincuorare.

Mikel NIEVE. 7,5. Sembra fatta, sembra lanciato, ma in queste corse e su certe salite maligne e ingannevoli può succedere di tutto. A lui succede che all’improvviso si spenga la luce. Ma si riaccenderà, presto.

Daniel MARTIN. 7. Ci prova, con coraggio e determinazione. Non è facile accelerare dove tutto è accelerato. Non è facile far distacco dove tutti sono già al gancio. Lui ci prova, ed già tanto, molto.

Romain BARDET. 6. Dal gruppetto dei big è uno dei primi a muoversi, per provare a muovere le acque, ma poi si trova con l’acqua alla gola e pensa a non bere troppo.

Vincenzo NIBALI. 6. Lo Squalo ad un certo punto sembra un pesciolino rosso, in affanno, in mezzo a tutta quella corrente. Ha il grande merito e la grande intelligenza di capire la situazione e gestire lo stato d’emergenza. Potrebbe precipitare, perdere il treno, invece il treno lo prende e arriva in stazione: solo un po’ di ritardo.

Nairo QUINTANA. 5,5. Fa quello che può, su una salita esplosiva, di velocità e di rapporto, da frequenze folli. Il colombiano ha bisogno di pendenze più accese, di velocità più rallentate. Oggi però è un po’ troppo lento.

Primoz ROGLIC. 6. Lo sloveno ha solo un obiettivo: stare lì il più possibile. E ci resta.

Steven KRUIJSWIK. 5,5. Salta proprio sul più bello, quando ormai è lì con i migliori. Perde qualcosa, ma non tantissimo.

Mikel LANDA. 5,5. Non sta bene, è chiaro. Le botte del pavé sono restate sullo stomaco e nelle gambe. Oggi si va a tutta e lui non può dare tutto.

Ilnur ZAKARIN. 5. Scivola solo all’indietro, su un piano inclinato. Si fermerà?

Egan BERNAL. 5,5. È giovane, molto giovane, e deve prendere le misure. Oggi, probabilmente, avrà anche pensato: ma questi sono tutti matti. In ogni caso non perde un’eternità: 14° a 1’47”.

Pierre LATOUR. 5. È una delle grande speranze di Francia, oggi capisce che il cammino per risalire verso le zone nobili è lungo e lastricato di sofferenza. Perde quasi 3’, Martin incalza e all'orizzonte c'è Bernal...

Bauke MOLLEMA. 4. Lo rivedremo sicuramente nell’ultima settimana, quando il disastro sarà compiuto.

Alejandro VALVERDE. 6. Fa il suo, cercando di muoversi per mettere pressione agli Sky, ma alla fine la pressione la devono provare al murciano.

Jakob FUGLSANG. 4. Ha una squadra a disposizione, e francamente anche una grande squadra. Lui per la prima volta ha i gradi del capitano: ma questo è.

Bob JUNGELS. 4. Uomo per i Grandi Giri? Sì, certo.

Adam YATES. 4. È il gemello: oggi però sembra Simon nell’ultima settimana del Giro. Magari dalla prossima settimana Adam migliora.

Peter SAGAN. 7. Pronti, via e dopo soli 11 km ecco un traguardo volante. Il campione del mondo è il più lesto, il più veloce e porta a casa altri 20 punti in chiave maglia verde. Poi, fatto il gatto, fa l’indiano e lascia che il gruppo lo riassorba. Il suo l’ha fatto anche oggi. Come sempre.

Kristijan KOREN. 8. Koren koren tutti, dal mattino alla sera. Al Tour, come al Giro è tutto un koren di qui e un koren di là. Lui, Kristijan ha un piede livido color melanzana. Da domenica sera, dopo la tappa del pavé, il dottor Emilio Magni si raccomanda: «Kristijan, se te la senti prosegui, ma non esagerare: non è il caso di fare l’eroe». Lui, saltellando su un piede solo, fa finta di non sentire. Non sente il dolore, figurarsi le parole di un medico.

Greg VAN AVERMAET. 9. Onore a questo ragazzo, che ieri ha stupito tutti per la sua condotta di gara, per la sua tenacia e forza. Oggi, però, può far ben poco. Si parte in salita e si arriva in salita. «Oggi il mio destino è segnato». Ma è lui ad aver lasciato il segno.

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Non ci credo
19 luglio 2018 11:02 Rocco toti
Non puo essere che thomas scatti in faccia e stacchi con disinvoltura gente come nibali, quintana ecc..
Oppire kwiatoski che tira il collo a tutto il gruppo in salita??
Io agli sky non ci credo..

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Che cosa vuol dire per me e la mia famiglia continuare ad assistere a una gara di ciclismo dopo la morte di Michele? Questa è una delle tante domande a cui non riuscirò mai a dare una risposta e soprattutto...


  Sono velodromi verticali o cornici orizzontali, nel senso dell’orizzonte. Sono mulattiere militari o scalinate laiche. Sono diagonali alpine o traiettorie appenniniche. Sono valichi vegetali o forcelle minerali. Sono ascensioni muscolari o ascese polmonari. Sono traguardi spirituali o arrivi religiosi....


Come saprete, avendo letto articoli precedentemente pubblicati su questo siti, le associazioni prive di Partita IVA non hanno la possibilità di scaricare le Fatture Elettroniche dal portale IVA Servizi dell’Agenzia delle Entrate e quindi sono costrette a pagare i fornitori...


Si corre oggi in Belgio la 74a edizione della Danilith Nokere-Koerse, una sorta di aperitivo per gli appuntamenti con le grandi classiche che ormai si profilano all’orizzonte. E in Belgio c’è grandissima attesa - pagine di giornali, servizi tv, fan...


Bici elettrica, o meglio “a pedalata assistita”, fa rima con sport, benessere e turismo. Sono queste le parole chiave del progetto “E-Bike Romagna” presentato al Palazzo del Turismo di Cattolica, che vede in prima linea il consorzio Bike Hotel di...


L’impresa è riuscita: Mirco Maestri ha vinto la classifica a punti della Tirreno-Adriatico 2019 e oggi, sul podio di San Benedetto del Tronto, ha vestito la maglia arancione. Nella prima gara World Tour della sua stagione, la Bardiani-CSF può così...


Sul podio della Tirreno-Adriatico cambiano i volti, cambiano le maglie ma non cambia mai l'atmosfera di festa grazie allo spumante Astoria Vini. È stato così anche oggi a San Benedetto del Tronto con Primoz Roglic, vincitore della Corsa dei due...


Finale thrilling per la Tirreno-Adriatico numero 54. Meno di un secondo (31 centesimi di secondo per la precisione) è bastato infatti a Primoz Roglic per strappare la vittoria finale ad Adam Yates. Lo slovendo della Jumbo Visma è riuscito a...


Un vero successo la Novarenberg, manifestazione Gravel Ride firmata Team Cinelli Smith e Deus Cycleworks ispirata alla Parigi-Roubaix pensata e organizzata da Paolo Bravini, iconico Rider del team. Alla partenza 300 ragazze e ragazzi si sono sfidati nei 14 Settori...


Due nomi “pesanti” si aggiungono al cast già ricchissimo della Milano-Sanremo: la Movistar ha infatti confermato la presenza alla Classicissima di Alejandro Valverde e Mikel Landa.Il campione del mondo tornerà a correre dopo l’influenza che lo ha costretto al palo...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy