UAE. ARRIVA IL CAMPIONE MAROCCHINO

PROFESSIONISTI | 30/01/2017 | 17:00
E' il giovane Anass Ait el Abdia il 26° corridore dell'organico del Team UAE. Nato a Casablanca, Marocco, nel 1993, Ait el Abdia si presenta come un atleta dai buoni mezzi fisici (180 cm di altezza per 66 kg), che fanno di lui un passista-scalatore.

E' stato il percorso formativo di Ait el Abdia e la sua costante crescita a convincere la dirigenza del team emiratino ad accogliere il corridore del Marocco in squadra: Anass ha infatti trascorso due stagioni (2014-2015) presso il Centro Mondiale del Ciclismo dell'UCI a Aigle.

Campione marocchino in carica, Ait el Abdia ha colto altri due successi in gare pro, ovvero la tappa di Tinghir del Tour du Maroc 2014 e il Challenge du Prince 2015, ma vanno menzionate due partecipazione con la maglia della nazionale del Marocco in corse di livello mondiale: i Giochi Olimpici di Rio 2016, conclusi in 47^posizione, e i mondiali 2016, nei quali Anass è riuscito a essere tra i membri della prima fuga di giornata e a rimanere poi nel gruppo di testa di 26 atleti che si è giocato il titolo iridato, cogliendo il 26° posto.

Questo il commento del general manager Giuseppe Saronni: "Accogliamo con piacere in squadra Anass come un interessante prospetto supportato da una formazione certificata, ovvero i due anni trascorsi presso il Centro Mondiale del Ciclimo: abbiamo avuto in squadra nelle passate stagioni Tsgabu Grmay che aveva percorso una traiettoria di crescita simile, siamo convinti che anche Ait el Abdia possa arrivare allo stesso livello.  Il ragazzo ha grinta e coraggio, come ha dimostrato ai recenti campionati mondiali, e lo staff della nostra squadra addetto alle valutazioni delle prestazioni ha riscontrato buone potenzialità".



The young rider Anass Ait el Abdia is the 26th member of the roster of Team UAE.

He was born in Casablanca, Morocco, on 1993 and he's a rouleur-climber 180 cm tall and 66 kg of weight.

The management of the Emirati team decided to sign Anass also considering the importance of his improvement path: he spent two years (2014-2015) in the UCI World Cycling Center in Aigle.

Ait el Abdia is the Moroccan national champion and in his career he obtained other two victories (Tinghir stage in the Tour du Maroc 2014 and the Challenge du Prince 2015), however his best achievement are the participation in the Rio 2016 Olympic Games, where he obtained the 47th place, and the 22nd place in the UCI World Championship 2016 after having been member of the main breakaway of the race and having succeeded in reaching the arrival in the head group of 26 riders.

Giuseppe Saronni, team UAE's general manager, explained: "We're happy to welcome Anass in our team as young rider with the potential talent for improving his skills.

His cycling course is well certified by having spent two years in the UCI World Cycling Center, a path which is similar to the one of a former rider of the team, who's Tsgabu Grmay: it would be great if Ait el Abdia could follow this course of improvement.

Anass is well determinated and the team's staff in charge of the evaluations and the performances reported that his value are good enough to allow him to aim to an interesting level of competitiveness".


Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

A circa un mese dalla partenza della Milano Sanremo incontriamo Davide Formolo e con il campione italiano parliamo del suo debutto nella Classicissima e degli obiettivi di una stagione che potrebbero proiettarlo in una nuova dimensione.Nei primi anni tra i...


A soli 20 anni Andrea Bagioli sta vivendo le sue prime pedalate da professionista con la Deceuninck - Quick-Step e ci racconta i suoi pensieri.«Le prime settimane della nuova stagione sono andate molto bene. Ho fatto due camp di addestramento...


Luca Guercilena e la sua Trek Segafredo, la più ‘italiana’ fra le formazioni World Tour e Gianni Savio e la sua Androni, la più vincente fra le formazioni italiane. Saranno questi gli ospiti di Radiocorsa, in programma stasera alle...


Reduce da un'intervento all'acetabolo destro (la parte di bacino su cui articola la testa del femore) pochi giorni fa, Matteo Moschetti è già risalito su una bici, seppur indoor, per pianficare il suo rientro. Le immagini sono a dir poco...


È l'apertura tradizionale della stagione - la Coppa San Geo - e segna anche l'inizio della corsa verso l'Oscar tuttoBICI Under 23. Sabato avremo la prima corsa e la prima classifica della challenge che in questa edizione sarà promossa dalla...


  Nell’anno di ricorrenze particolari su Gastone Nencini, 90 anni dalla nascita (1 marzo 1930), 60 dalla vittoria al Tour de France (17 luglio 1960), 40 dalla morte (1 febbraio 19080), si è inserita la cerimonia svoltasi al “Nencini Bike”...


Volata serratissima sul traguardo di Lagos, dove si è conclusa la prima tappa della Volta ao Algarve e successo per il campione olandese Fabio Jakobsen che ci è ripetuto a distanza di un anno. È stato Viviani, che aveva battezzato...


Mentre in Andalusia e Algarve i grandi big del ciclismo mondiale cominciano a mettere chilometri sulle gambe in vista di una lunga stagione, alcuni pesci più piccoli, ma per questo non meno importanti, sono pronti a darsi battaglia sulle strade...


Subito spettacolo alla Vuelta a Andalucia: il Puerto de Palomas (13 km al 5, 9%), ultima salita di giornata, ha ispirato Jakob Fuglsang della Astana e Mikel Landa della Bahrain McLaren, che si sono involati a metà salita e non...


La Casillo Petroli Firenze Hopplà arriva ai primi appuntamenti della stagione con tranquillità e serenità. Le prime sfide motivano i ragazzi di Matteo Provini e Gianni Faresin che saliranno sul palcoscenico agonistico quattro volte nell’arco di quarantotto ore.Pronti dunque i...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155