IL PASTO IN RWANDA. CHI RACCONTA IL TOUR

STORIA | 23/11/2016 | 07:24
Tyler D’Arcy, canadese di Nova Scotia con origini irlandesi, che era venuto qui al Tour of Rwanda per correre, ma siccome non è stato scelto fra i cinque della squadra, è venuto per guardare dove avrebbe corso, guardare e vedere, conoscere e imparare, scoprire e indagare, lo fa di giorno sulla macchina della stampa internazionale, quaderno degli appunti e macchina fotografica, scrive e scatta, poi pubblica sui social media – lui è autorizzato a chiamarli così – e quando è uscito il primo reportage, si è commosso. Però Tyler, che ha 22 anni, una laurea in biologia ed è molto più bravo da discesista che da scalatore (di solito recupera in discesa quello che perde in salita), freme, non sta nella pelle e neanche sul sedile, perché va bene fotografare, ritrarre, immortalare, ma lui avrebbe voluto stare sulla sella e correre, e c’è da capirlo. Ha cominciato con una mountain bike, a 10 anni, la bici da strada non l’ha toccata finché non era al secondo anno dell’università perché nella mountain bike c’era troppa concorrenza e non riusciva a trovare una squadra, invece nella strada era molto più facile, e giura di non avere rimpianti. Intanto sta già facendo i piani per tornare il prossimo anno: ma stavolta su due ruote.

Olivier Pron, francese di Parigi ammesso che i parigini siano francesi e non parigini e basta
, che era venuto qui al Tour of Rwanda a lavorare e si scopre – ancora una volta – con il privilegio di divertirsi a scrivere e intervistare, comporre e pubblicare, soprattutto a cercare e trovare, scoprire e approfondire. Olivier lavora per la RFI, Radio France Internationale, che in Africa ha una presenza storica, prima coloniale, adesso culturale. Calcio, atletica, ciclismo, rugby: la vita è bella, e lui è un cittadino del mondo. Olivier comanda la macchina, detta i tempi dei sorpassi e delle soste, quelle fotografiche e anche igirniche, diviso – come tutti - fra sogni e bisogni, poi salta dall’americano vincitore della tappa al camerunese ultimo in classifica per tornare al ruandese in maglia gialla e all’algerino musulmano, alternando il francese all’inglese e sillabando perfino qualche parola in kinyarwanda. Dunque multilinguista e multimediale, forse multicanale, certo multiaccessoriato ma non multimilionario, Olivier è così bravo che va in onda anche in montagna.

E Mjrka Boensch Bees, romano de Roma anche se fra nome, cognome e patronimico non ce n’è uno italiano, che era venuto qui al Tour of Rwanda e che ci ritornerà, perché ormai è un personaggio, un protagonista, un’istituzione. Mjrka (nella foto sora) è di quei fotografi che cavalcano le moto come John Wayne i cavalli, che si arrampicano sulle rupi come neanche Marco Aurelio Fontana in mountain bike, che si tuffano in una piantagione di tè come Tania Cagnotto dal trampolino di un metro. Come un illusionista, appare arrampicato su un eucalipto, appeso a un elicottero, sospeso su un ponte, disteso su un corridore, nascosto tra i banani, confuso fra le miss, lanciato su un gregario, inseguito dai bambini. E poi scatta, nel senso dei click, che è un piacere più che un dovere. Con il passare dei giorni si assiste alla metamorfosi di Mjrka: il naso si fa paonazzo, il collo purpureo, le braccia grigliate. Ma a non modificarsi è il suo sorriso, che non conosce orari né confini, e risplende ancora di più sotto la pioggia. Se è vero che la fotografia è scrivere con la luce, Mjrka è un faro abbagliante.

Marco Pastonesi


Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Quelli di Gino Paoli erano quattro amici al bar, i nostri sono tre amici in auto ma dai, sono simpatici lo stesso... Vincenzo Nibali, Diego Ulissi e Alberto Bettiol hanno ricevuto oggi la seconda dose di vaccino e ci regalano...


«Dopo questo successo mi sento più sicuro e posso puntare ad altri importanti traguardi, a partire dalla prima tappa del Tour de France. Credo di aver dimostrato di seper correre in modo diverso. Perchè non l'ho fatto prima? Per paura...


Il Team Movistar ha annunciato oggi la sua formazione per l’edizione numero 108 del Tour de France, che prenderà il via da Brest sabato prossimo. In squadra ci sarà anche l’inossidabile Alejandro Valverde che, a 41 anni, correrà per la...


Appuntamento da non perdere, quello di stasera su Bike con «Scatto e controscatto speciale Tour de France»: l'appuntamento, realizzato in collaborazione con tuttobiciweb, sarà interamente dedicato alla Grande Boucle che scatterà sabato da Brest. Alle 21.30 si parlerà quindi di...


Fabio Jakobsen e Dylan Groenewegen sono tornati ad essere avversari in corsa. Dopo il Giro di Polonia dello scorso, quando Jakobsen cadde rovinosamente a causa di una spallata di Groenewegen, i due corridori ieri sono tornati a sfidarsi ai Campionati...


Più di 40 vittorie di tappa, quasi 30 giorni in maglia gialla e 8 vittorie in classifiche secondarie: la Deceuninck Quick Step è ha una storia importante al Tour de France e punta ad arricchire il proprio bottino. Uno dei...


Si era capito, si era intuito, si era anche visto che ieri tra Giulio Ciccone e Vincenzo Nibali qualcosa non era andato per il verso giusto. Lo riporta a chiare lettere la Gazzetta dello Sport di oggi, a firma Ciro...


Caro Carlo, grazie per il suo commento e per il suo più che garbato post sotto le mie pagelle. Chi mi conosce sa perfettamente che non sono il depositario della Verità. Non sono il Verbo, ma solo un grande innamorato...


L’idea non è nuova, ma ha solide fondamenta, infatti, creare un fondello giusto per una determinata sella potrebbe offrire sostanziali vantaggi. SHIMANO crede a questo percorso e grazie a test di mappatura della pressione realizzati da bikeftting.com condotti in laboratorio e in...


Arriva un altro titolo nazionale per l’Androni Giocattoli Sidermec. Dopo quello di Cepeda in Ecuador di venerdì scorso, ieri, infatti, a vincere è stato Andrii Ponomar in Ucraina. Il 18enne corridore dell’Androni Giocattoli Sidermec ha sbaragliato la concorrenza arrivando al...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155