IL PASTO IN RWANDA. CHI RACCONTA IL TOUR

STORIA | 23/11/2016 | 07:24
Tyler D’Arcy, canadese di Nova Scotia con origini irlandesi, che era venuto qui al Tour of Rwanda per correre, ma siccome non è stato scelto fra i cinque della squadra, è venuto per guardare dove avrebbe corso, guardare e vedere, conoscere e imparare, scoprire e indagare, lo fa di giorno sulla macchina della stampa internazionale, quaderno degli appunti e macchina fotografica, scrive e scatta, poi pubblica sui social media – lui è autorizzato a chiamarli così – e quando è uscito il primo reportage, si è commosso. Però Tyler, che ha 22 anni, una laurea in biologia ed è molto più bravo da discesista che da scalatore (di solito recupera in discesa quello che perde in salita), freme, non sta nella pelle e neanche sul sedile, perché va bene fotografare, ritrarre, immortalare, ma lui avrebbe voluto stare sulla sella e correre, e c’è da capirlo. Ha cominciato con una mountain bike, a 10 anni, la bici da strada non l’ha toccata finché non era al secondo anno dell’università perché nella mountain bike c’era troppa concorrenza e non riusciva a trovare una squadra, invece nella strada era molto più facile, e giura di non avere rimpianti. Intanto sta già facendo i piani per tornare il prossimo anno: ma stavolta su due ruote.

Olivier Pron, francese di Parigi ammesso che i parigini siano francesi e non parigini e basta
, che era venuto qui al Tour of Rwanda a lavorare e si scopre – ancora una volta – con il privilegio di divertirsi a scrivere e intervistare, comporre e pubblicare, soprattutto a cercare e trovare, scoprire e approfondire. Olivier lavora per la RFI, Radio France Internationale, che in Africa ha una presenza storica, prima coloniale, adesso culturale. Calcio, atletica, ciclismo, rugby: la vita è bella, e lui è un cittadino del mondo. Olivier comanda la macchina, detta i tempi dei sorpassi e delle soste, quelle fotografiche e anche igirniche, diviso – come tutti - fra sogni e bisogni, poi salta dall’americano vincitore della tappa al camerunese ultimo in classifica per tornare al ruandese in maglia gialla e all’algerino musulmano, alternando il francese all’inglese e sillabando perfino qualche parola in kinyarwanda. Dunque multilinguista e multimediale, forse multicanale, certo multiaccessoriato ma non multimilionario, Olivier è così bravo che va in onda anche in montagna.

E Mjrka Boensch Bees, romano de Roma anche se fra nome, cognome e patronimico non ce n’è uno italiano, che era venuto qui al Tour of Rwanda e che ci ritornerà, perché ormai è un personaggio, un protagonista, un’istituzione. Mjrka (nella foto sora) è di quei fotografi che cavalcano le moto come John Wayne i cavalli, che si arrampicano sulle rupi come neanche Marco Aurelio Fontana in mountain bike, che si tuffano in una piantagione di tè come Tania Cagnotto dal trampolino di un metro. Come un illusionista, appare arrampicato su un eucalipto, appeso a un elicottero, sospeso su un ponte, disteso su un corridore, nascosto tra i banani, confuso fra le miss, lanciato su un gregario, inseguito dai bambini. E poi scatta, nel senso dei click, che è un piacere più che un dovere. Con il passare dei giorni si assiste alla metamorfosi di Mjrka: il naso si fa paonazzo, il collo purpureo, le braccia grigliate. Ma a non modificarsi è il suo sorriso, che non conosce orari né confini, e risplende ancora di più sotto la pioggia. Se è vero che la fotografia è scrivere con la luce, Mjrka è un faro abbagliante.

Marco Pastonesi


Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Mark Cavendish ha ritrovato il feeling con la vittoria e ne ha dato splendida dimostrazione per il secondo giorno consecutivo, centrando il successo nella tappa più lunga del Giro di Turchia. Come al solito, perfetto il lavoro della Deceuninck Quick...


Manca ormai meno di una settimana alla grande partenza di Bressanone. Con cinque giorni di sfida senza confini e campioni del calibro di Froome, Nibali, Quintana, Bardet, Pinot e Yates ai nastri di partenza, il Tour of the Alps (19-23...


Dopo tre anni di astinenza, Mark Cavendish ha riscoperto il dolce sapore della vittoria e ci ha preso gusto: a segno ieri a Konia, il britannico si è ripetuto oggi ad Alanya, al termine della terza tappa del Giro di...


Team Cinelli Smith si presenta quest'anno a casa Campagnolo, luogo precipuo per celebrare la rinnovata amicizia tra i due marchi storici del ciclismo italiano; amicizia che raduna attorno al progetto del Team Cinelli Smith le eccellenze italiane della bike industry....


Quanto bello sarebbe se, in un momento di difficoltà in bicicletta, arrivasse un ciclista professionista a darti una mano? È quanto capitato a Kevin, un 30enne belga che vive a Maiorca, che durante un'uscita domenicale solitaria ha rotto irrimediabilmente il...


Era nato nel novembre del 1928. E’ morto a Matassino di Figline Valdarno, in provincia di Firenze, Valeriano Falsini, che possiamo ritenere uno dei simboli del ciclismo. Era soprannominato “Il Pentolaio”, nato a Reggello, passista e scalatore, è stato gregario...


L’appuntamento con i Giochi Olimpici di Tokyo 2020 si avvicina per milioni di appassionati di sport in tutta Europa con una grandissima novità per quanto riguarda l’Italia dove discovery+, il nuovo servizio Ott del gruppo, sarà la casa dei Giochi...


Un'immagine colta dalle telecamere, un saluto mandato a tutti e una curiosità da soddisfare... Il protagonista è Muhammad Nur Aiman ​​Bin Rosli, campione malese della crono, portacolori della Sapura Cycling: nelle prime battute della tappa odierna Muhammad si è presentato...


È stata inaugurata oggi la Ciclovia del Sole sull’ex ferrovia Bologna-Verona da Mirandola (Tramuschio) a Sala Bolognese (Osteria Nuova): 46 km realizzati in due anni dalla Città metropolitana di Bologna con un costo di 5 milioni di euro, grazie al...


L’UAE Team Emirates si appresta ad affrontare un blocco di corse che inizierà mercoledì 14 aprile con la Freccia del Brabante (1.Pro) e proseguirà domenica 18 aprile con l’Amstel Gold Race (1.UWT). Matteo Trentin sarà il faro della formazione emiratina...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155