VERRE: «SMALTITA LA FRATTURA ALLA MANO, PUNTO ALLA CONVOCAZIONE AL GIRO»

PROFESSIONISTI | 11/02/2024 | 08:12
di Carlo Malvestio

Alessandro Verre sta cominciando la sua terza stagione da professionista in questi giorni, al Tour of Oman 2024. Il corridore lucano, che continua a vivere nella sua Marsicotevere, è ormai di casa all’Arkéa-B&B Hotels, parla il francese meglio dell’inglese, e ora vuole vivere una stagione da protagonista. 


La sua annata è cominciata con qualche settimana di ritardo per colpa… di un gatto. «L’inverno, in realtà, poteva andare meglio, perché dovevo andare in Australia ma sono caduto in allenamento due giorni prima di partire e mi sono rotto il quinto metacarpo - racconta Verre -. Ero a casa mia, una macchina mi stava sorpassando, mi sono distratto e non ho visto che un gatto si era buttato in mezzo proprio in quel momento. La frattura per fortuna era composta, ho cominciato a usare i rulli quasi subito e dopo tre settimane ero già in bici. Non è ancora del tutto risanata, ma ogni giorno sto meglio e non ho dolori in bici. Se le gambe ci sono, spero di poter fare qualcosa qui in Oman».


Avere un inverno regolare, senza intoppi, è ormai un privilegio che si possono permettere in pochi: «Fa parte di questo sport, alla fine sarebbe potuto succedermi anche in gara. Ma sono molto tranquillo, come probabilmente non lo sono mai stato. Dopo la frattura il programma è stato un po’ rivisto e non so ancora dove sarò dopo l’Oman, molto dipenderà dalle mie condizioni fisiche». Il desiderio, però, è ben chiaro in testa: «Ancora non so se andrò al Giro d’Italia, ma vorrei esserci, soprattutto dopo averlo lasciato prima del previsto l’anno scorso a causa del covid - aggiunge l’ex Colpack -. È stato un esordio un po’ falsato, perché sono risultato positivo alla fine della prima settimana, mi sono trascinato qualche giorno ma poi ho dovuto lasciare. Non so se il mio corpo ne abbia beneficiato come sarebbe stato finendolo normalmente, ma sicuramente mi son fatto tanta esperienza».

Scalatore puro, Alessandro sta lavorando per tenere i ritmi sempre più folli che il gruppo tiene quando la strada si inerpica: «In salita il livello è altissimo, sicuramente, ma direi non solo lì. Basti vedere la media d’età dei vincitori di queste prime settimane di stagione. È molto bassa, ci sono tanti giovani fortissimi e si va veloci ovunque. Bisogna tenere botta».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Madrid, ore otto di una serata invernale. Nella hall di un hotel vicino all’aeroporto di Barajas, Fabian Cancellara chiacchiera con alcuni membri dello staff della sua Tudor. Uno scambio di saluti si trasforma in un’occasione per scambiare qualche battuta, per...


È passato un anno da quella volata a due tra Demi Vollering e Lotte Kopecky in  Piazza del Campo. È passato un anno e l’olandese e la belga tornano in Italia per battagliare e dare spettacolo assieme alle altre 142...


L’Union Européenne de Cyclisme e il marchio di abbigliamento da ciclismo Alé pedaleranno ancora insieme fino al 2029. Il prolungamento dell’accordo tra la confederazione continentale e il prestigioso brand italiano è stato siglato questa mattina tra il presidente UEC, Enrico Della Casa,...


Red Bull Junior Brothers, il programma globale di talent scouting su strada lanciato da Red Bull in collaborazione con BORA - hansgrohe, annuncia il suo attesissimo ritorno per la stagione 2024. Dopo il successo del suo anno d'esordio, il programma...


È nato poco dopo la mezzanotte all'ospedale di Treviglio Diego, figlio di Marta, seconda genita di Mirella e Adriano Baffi. Il piccolo - 3, 3 kg - sta bene, così come mamma Marta e il papà Cristian Siciliano è chiaramente...


L’offerta proposta da Fizik in questi giorni è davvero interessante e si basa su pacchetti “convenienti” che vi permettono di acquistare in una sola soluzione scarpe, nastro manubrio e sella usufruendo di sconti che arrivano fino al 20%. Se vi fate due conti...


Autonomia, peso ridotto, supporto di potenza completo. Rispetto al passato, i ciclisti di oggi vogliono molto di più dalle loro mountain bike a pedalata assistita e, come spesso succede, il miglior compromesso è non scendere a compromessi. Per ottenere una...


Tutto esaurito a Siena per il weekend di Strade Bianche, la Classica delle crete, che ogni anno incanta il pubblico di tutto il mondo con il suo percorso avvincente, che diventa teatro di guerre spietate combattute a colpi di pedale....


Si avvicina la storica partenza del Tour de Frane dall'Italia e dagli archivi eerge la storia di una corsa unica che ha legato i due Paesi: la 17a edizione della Parigi-Nizza, infatti, ha portato il gruppo da Parigi... a Roma...


Da fuori sembra un’immensa astronave adagiata nella pianura di una campagna asciutta e gelida a due pas­si da Bergamo e a uno da Treviglio, sotto un cielo color dell’orzata. È imponente questa struttura che si distende e si estende in...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi