COLOMBIA TOUR. ZIPAQUIRA', UNA CITTA' INTERA AD APPLAUDIRE IL SUO EROE EGAN BERNAL. VIDEO

PROFESSIONISTI | 10/02/2024 | 10:47
di Francesca Monzone

Un pubblico in delirio ha accolto ieri Egan Bernal al termine della quarta tappa del Tour Colombia, dove il vincitore del Tour de France e Giro d’Italia, sta correndo con la selezione della sua nazionale.


La frazione ieri è stata vinta da Mark Cavendish dopo un duello con Gaviria, e l’arrivo era posto a Zipaquirà, città natale di Egan Bernal. Quando il colombiano è salito sul palco, la sua gente lo ha accolto come un eroe nazionale e gli applausi sono andati avanti per diversi minuti.


Tanta è stata l’emozione nella quarta frazione, non solo per la vittoria del britannico Cavendish, ma anche per Bernal, che in Colombia rappresenta l’uomo che non si è arreso al proprio destino. Un intero Paese aspettava di vedere Egan correre sulla sua terra, dopo il grave incidente del gennaio 2022 occorsogli mentre si stava allenando. La giornata di ieri si è trasformata in una commemorazione di un'incredibile e miracolosa guarigione e per questo il corridore di Zipaquirá ha ricevuto un premio.  Nella sua città il corridore dell’Ineos – Grenadiers è stato accolto da un bagno di folla e nella frazione di oggi, la quinta del Tour Colombia, Bernal potrebbe ripagare i suoi tifosi  con quella vittoria che tutti stanno aspettando.  

Oggi si correrà la tappa regina, con 138 km da Cota ad Alto del Vino, dove oltre alle salite i corridori dovranno misurarsi con l’altitudine e le sue difficoltà perché si salirà oltre i 2800 metri sopra il livello del mare.  Lo spettacolo principale del Tour Colombia è arrivato e si chiama Alto del Vino, una salita di 30,2 chilometri al 5,7%  con pendenze massime  al 7%. Non sarà una salita eccessivamente ripida, ma si continuerà a salire, senza avere un attimo per riprendere fiato e questo metterà in difficoltà molti corridori.  

Prima di arrivare all’ultima ascesa ci sarà anche una lunga discesa, poi un terreno quasi pianeggiante e poi si riprenderà a salire. I corridori inizieranno la gara vera verso Alto del Vino a 806 metri di altitudine e dovranno arrivare fino a 2854 metri di altezza. Questo è il passo più difficile della corsa, con un arrivo in salita e ad alta quota, praticamente impossibile da vedere in una gara in Europa. Tutti vogliono vedere Bernal mentre alza le braccia sulla linea d’arrivo di Alto del vino, ma la vittoria non sarà facile perché tra i favoriti di giornata ci sono anche Richard Carapaz, Rigoberto Uran, Nairo Quintana, ivan Sosa e Jonathan Caicedo.

Copyright © TBW
COMMENTI
Una star
10 febbraio 2024 14:14 Carbonio67
Una star nel suo paese. Sarebbe bello per il movimento internazionale, riaverlo a buoni livelli. Anche se temo, che post infortunio, sia dura tornare ai livelli del Tour 2019

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Parla ancora francese il Trofeo Laigueglia. Dopo Nans Peters l'anno scorso, quest'anno tocca al giovane Lenny Martinez alzare le braccia al cielo. Il talento della Groupama-FDJ, dopo essersi inserito nel tentativo d'attacco giusto, ha fatto la differenza sull'ultima scalata di...


Prima corsa della stagione e subito esordio tra i grandi del pedale per Jarno Widar, 18enne talento belga il cui nome ha iniziato a circolare ormai da qualche tempo sulle bocche degli appassionati e degli addetti ai lavori. Classe 2005,...


La stagione ciclistica italiana dei professionisti ha appena preso il via in Liguria (QUI la nostra diretta) e qui di seguito vi proponiamo 8 dichiarazioni pre-Laigueglia: MARCO TIZZA (Bingoal) «È stata una mia scelta fare così tante corse finora perché...


Parla ancora una volta italiano l' Umag Trophy Ladies. Dopo la vittoria ottenuta lo scorso anno da Alessia Vigilia, oggi è stata la giovane Sara Fiorin a conquistare il primo gradino del podio nella competizione croata. La brianzola della  UAE...


C'è sempre una prima volta... Vicente Rojas è il primo cileno della storia a correre il Trofeo Laigueglia. Nato il 30 aprile del 2002, è ufficialmente approdato al professionismo quest’anno con la VF Group Bardiani CSF Faizané dopo essere stato...


La nuova e interessante iniziativa legata al nome "Laboratorio del Ciclismo" è finalizzata a coinvolgere scuole, oratori, eventi sportivi sul territorio e altri occasioni utili a coinvolgere le nuove generazioni. Un impegno a 360 gradi che punta a sviluppare l’uso...


Al Trofeo Laigueglia – classica di categoria Pro Series del Calendario Internazionale UCI – esordisce in Italia la Petrolike Forte Sidermec. Il Team Manager Gianni Savio ha dichiarato: “Abbiamo iniziato bene la stagione in Sudamerica, più precisamente in Venezuela e...


Lo sappiamo bene cosa accade, basta un inizio di primavera e la voglia di pedalare diventa straripante, non è così che succede? Tranquilli, se vi state immaginando su una nuova bici per l’inizio della primavera sappiate che la realtà potrebbe...


Saranno 172 i ciclisti partenti nel 61° Trofeo Laigueglia, gara internazionale per ciclisti professionisti che apre il calendario professionistico in Italia. Si corre oggi sulle strade della Riviera di Ponente con la partecipazione di ben 25 team tra cui 9...


Tutto è nato da un post su Linkedin ed è naturale che il social network dedicato soprattutto ai rapporti professionali e al mercato del lavoro ospiti oggi anche il Team Polti Kometa. Ricordate? Ve lo abbiamo raccontato per primi, l'incontro...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi