I VOTI DI STAGI. RUI COSTA COGLIE L'ATTIMO, EVENEPOEL COGLIE ALTRI MINUTI, MA KUSS SOGNA IL RACCOLTO

I VOTI DEL DIRETTORE | 10/09/2023 | 19:02
di Pier Augusto Stagi

Rui COSTA. 10. Voleva riscattare un Tour infelice, amaro, privo di gioie e oggi il 36enne portoghese ha coronato una giornata trascorsa tutta all’attacco. Una vittoria di peso (la 31° in carriera), la prima alla Vuelta, che si va ad aggiungere alle tre del Tour e alle cinque del Giro di Svizzera, peraltro vinto tre volte. Una vittoria per sé e per la Intermarché Circus Wanty, che da un senso alla sua Vuelta.


Lennard KÄMNA. 9. Posto d’onore dopo una corsa d’attacco e una scivolata a bordo strada nel finale. Il tedesco è tosto e inossidabile, ma meno veloce del portoghese. La stanchezza, alla fine, si fa sentire.


Santiago BUITRAGO.7.  Il 23enne colombiano della Bahrain perde gradi energie a litigare con Kämna e, alla fine, perde anche la volatina finale.

Remco EVENEPOEL. 8. Fa il diavolo a quattro, anche oggi, dal primo metro di corsa. Prima, però, si rende protagonista di un gesto di fair-play bello quanto il nostro sport. Onora Romain Bardet, donandogli il trofeo vinto ieri e non prima di averlo ringraziato. Sarò un cuore di panna, ma di fronte a certi gesti non si può restare indifferenti. Poi si fa una corsa d’attacco, tutta in fuga, dove fa incetta di punti per la maglia a pois degli scalatori: ora ha 71 punti, mentre Storer è a 39. Chiude la sua fatica di giornata quarto, con un vantaggio di 2’50” sulla maglia rossa Sepp Kuss. È sempre 16° nella generale, ma ora è a 16’22”.

Antonio TIBERI. 6,5. Il 22enne ciociaro della Bahrain è uno dei pochi che oggi muove la classifica e guadagna una posizione.

Geraint THOMAS. 17. Per il SignorG è una Vuleta di sofferenza, finisce per terra per la terza volta, dannazione.

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Evenepoel
10 settembre 2023 22:24 Arrivo1991
9 pieno. Spero faccia tesoro della legnata da 30', evitando un futuro show ad uso tv/giornali. Che poi, sono i primi a processarti

avrà anche fatto il diavolo a 4,però...
11 settembre 2023 00:43 pickett
Poi si é fatto staccare in salita da 3 corridori.A questo punto dovevate dargli 10 anche nella tappa del Tourmalet,visto che i risultati non contano, ma contano solo le simpatie.Cos'abbiano fatto,poi,lui e la sua squadra per rendersi così simpatici a noi italiani rimane per me un mistero profondo.Considerando il loro comportamento ele loro dichiarazioni(pardon,le loro offese) durante il Giro.La maglia a pois della Vuelta l'ha vinta anche Davide Villella,per chi se lo fosse dimenticato.

Gesto
11 settembre 2023 06:03 kristi
Tutti ridenti , tutti ma quanto é bravo bello buono .. ma che diamine ... come si fa a non vedere quanta arroganza nel dare pubblicamente al secondo arrivato il trofeo della vittoria.. si è chiesto per un secondo se brodetto abbia gradito , si è chiesto che valore può avere un gesto che a tutti gli effetti fa tanto medioevo col reuccio che omaggia pubblicamente i suoi vassalli . I premi li da l organizzazione, li prendi se vinci . Non perché il.bimbo vuol dimostrare ........cosa ??

Guardate bene...certe cose sono palesi
11 settembre 2023 12:18 Bullet
I media spingono per avere dei personaggi da incensare e poter parlare solo di loro...e lui sta facendo a pieno il suo compito così come i social di Pogacar durante il Tour ecc ecc...di ciclismo quello vero con certe caratteristiche non se ne parla mai...rimane lo show e cavalcare il personaggio di turno in modo da creare una platea di tifosi a favore o contro magari trovando anche un nemico "troppo superiore" in modo da avere un eroe che prova a lottare contro e se perde è il nemico che non gioca con le stesse carte...ah e dietro questa cortina di fumo il nostro ciclismo ormai perso non si vede e a chi dovrebbe occuparsene, giornalisti e non, va bene molto bene così. Non c'è bisogno di stupirsi di certe sciorinate o simpatie col paraocchi.

Per me
11 settembre 2023 12:49 GianEnri
Remco e Pogy sono fenomeni e personalità molto forti a modo loro e il ciclismo è spettacolo quando ci sono loro. Krysti e Picket datevi una calmata e siate più sereni.

@ gianenri
11 settembre 2023 14:58 Arrivo1991
Pogacar carattere forte ? Ma dove ? Hai letto qualche giorno fa le dichiarazioni di suo padre riguardo il carattere di Vingegaard ? A me , certe interviste patetiche, fanno solo pieta'.

poveretti
11 settembre 2023 15:21 VERGOGNA
da certi commenti si capisce che vita misera abbiano certe persone... a me Remco è sempre stato sulle balle così come Pogacar... ma è un fenomeno, come Pogacar... fatevene una ragione, basta pensare che nel 2023 c'è una squadra, la jumbo, di una superiorità devastante (troppo) loro sono in altre squadre che spesso manifestano problemi, loro stessi spesso esagerano, eppure in bacheca tra le altre cose hanno qualche mondiale, qualche tour e qualche monumeto... si dai sono scarsi 🤣

Quanto complottismo!
11 settembre 2023 19:29 Frank46
Santo Dio si parla sempre di Pogacar, Evenepoel, Vanderpoel o Van Aert per un motivo semplice:
Fanno cose fuori dal comune e interpretano il ciclismo come lo interpretavano i campioni di un passato ormai lontano.
E non fanno i personaggi, hanno semplicemente personalità.
Inoltre credo che Evenepoel non stia simpatico a nessuno non per questo non si può ammettere che per quanto abbia anche diverse battute a vuoto fa cose mostruose.
Ma avere idee di cosa significa tirare per decine e decine di km senza mai chiedere un cambio riuscendoli a staccare tutti?! Lo avete mai visto fare a qualcun altro?

Parlare di loro è parlare di ciclismo come lo era in passato parlare di Pantani.
Oltretutto Pantani era diventato con il tempo anche personaggio, molto più di questi qui. Nel senso che recitava una parte non sua.

Questi sono semplicemente loro stessi.
Evenepoel è arrogante, lo dimostra e non sta simpatico a nessuno ma come corridore non viene apprezzato solo da chi di ciclismo non ci capisce molto.
Pogacar è un carattere alla Valentino Rossi e sta simpatico a tutti tranne che ai detrattori.

Dimostrazione
11 settembre 2023 21:21 Bullet
E niente, anche quando si mettono in luce certi dettagli di come vengono gestite e veicolate le gesta e le parole dei campioni attuali o ti danno del tifoso, che non può vedere per partito preso certi corridori, o che di ciclismo non capisci nulla. Nonostante le qualità di questi corridori non siano state menzionate o messe in discussione. Direi che è tutto nella norma, per cui il ciclismo è meglio che lo portino avanti altri paesi che non ragionano solo per tifoserie create in primis da chi dovrebbe solo raccontare questo sport nel modo più obbiettivo possibile.

E anche
11 settembre 2023 22:32 Bullet
E Frankie il pirata, quando c'era da tirare fuori gli attributi, vedi Alpe d'huez '97 o Galibier '98 non mancava mai altro che crisi psicologiche o soffrire l'avversario che sembrava più forte. Lui andava e non si voltava...mai.

Un'informazione e un suggerimento per Frank
11 settembre 2023 23:55 pickett
Non é stato il Bimbo a staccare tutti,sono stati tutti i suoi compagni di fuga a staccare lui.Forse dovresti chiamare un antennista e regolare le immagini del tuo televisore.

Pickett
12 settembre 2023 08:04 GianEnri
Non hai capito....si riferiva al giorno prima quando Remco ha vinto su Bardet...per chiarire.....

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Patrick Lefevere non le ha mai mandate a dire a Julian Alaphilippe e ancora una volta punta il dito contro il due volte campione del mondo. In una intervista concessa a HUMO, il general manager della Soudal Quick Step è...


E' iniziata ufficialmente da San Vincenzo nei pressi di Cecina, in Toscana, la stagione 2024 della Petrucci Parkpre Team Aries. La formazione piemontese è in collegiale sul territorio livornese per ultimare la fase di preparazione in vista del debutto ufficiale in...


La prima corsa del 2024 per Primoz Roglic sarà in Francia, quando il 3 marzo lo vedremo al via della Parigi-Nizza. La stagione dello sloveno proseguirà poi con i Paesi Baschi e poi il Giro del Delfinato, prima di volare...


Alla presentazione degli eventi primaverili RCS la scorsa settimana c'era pure Moreno Moser, vincitore nel 2013 della Strade Bianche. Dalla corsa senese giovane ma già mitica, e rinnovata quest'anno con doppio circuito finale e distanza complessiva di 215 chilometri, parte...


Il mese di marzo è alle porte e si comincia a sentire profuno di primavera, almeno per quel che riguarda il ciclismo. E la primavera, come preambolo alle grandi classiche, porta con sé l'appuntameto con le prime gare a tappe...


Q36.5 introduce Elemental: la nuova collezione per la primavera e l’estate del 2024. La nuova collezione si compone di due linee capisaldo del marchio bolzanino: Dottore Pro e Gregarius Pro. Nei prodotti Dottore Pro, Q36.5 utilizza un tessuto tridimensionale caratterizzato da un tempo di asciugatura più...


La Coppa San Geo che si corre sabato 24 febbraio con partenza da Ponte San Marco e arrivo a San Felice del Benaco, fin dalla sua prima edizione è stata seguita, descritta, corteggiata e vinta da giornalisti e corridori che...


Il più giovane della squadra è il lucchese Pini che compirà 19 anni il 7 marzo prossimo; quello con la maggiore età invece Senesi classe 2002. E’ una squadra giovane, tutta di under 23 la lucchese Gragnano Sporting Club-La Seggiola,...


“Aspettando…… il Tour de France” che partirà da Firenze il 29 giugno, arriva sabato prossimo la Firenze-Empoli, la classica promossa dai compianti Paolo Marcucci e Renzo Maltinti nel 1988 e che da allora apre in Toscana la stagione dei dilettanti....


Oggi, 14 anni fa, morì Vanni Pettenella. Grazie al Comune di Milano, e in particolare al Municipio 9, ho dato parole e voce a questo podcast sulla vita e i miracoli di un pistard geniale e semplice. A ricordo di...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi