HERRADA, LA VITTORIA ALLA VUELTA E LA "PAZZIA" DI SUO PAPÀ. VIDEO

VUELTA | 06/09/2023 | 19:45
di Nicolò Vallone

Così forte da far cadere le transenne. Ovviamente è una battuta, il vento della Laguna Negra ha messo lo zampino del diavolo sul finale dell'11^ tappa della Vuelta, ma coincidenza vuole che, appena Jesus Herrada ha lanciato l'attacco decisivo, alcune barriere laterali siano cadute (e uno spettatore con esse). Così l'esperto spagnolo della Cofidis ha commentato la propria vittoria nell'intervista ufficiale post-gara: «Non posso dire che me l'aspettassi, certe cose non puoi realisticamente aspettartele. Ci provi, ci provi, alcune volte va e altre no. Oggi sapevo che era un finale buono per me, ma in tanti hanno avuto simili sensazioni e portar via una fuga da 26 corridori è stata durissima. Oltretutto, insieme a me c'erano corridori molto forti. Mi sono tenuto fino ai 300 metri sapendo di avere buona gamba, poi sono partito e ce l'ho fatta! Delle mie tre vittorie in questo grande giro [le altre nel 2019 e nel 2022 ndr] questa è la prima su un arrivo in salita: sono molto contento, anche perché c'era mio papà qui a vedermi. Ora mi godo il successo e lotterò fino alla fine.»


Anche perché Jesus ha da difendere la maglia a pois che, con questa vittoria, ha strappato per un punto a Eduardo Sepulveda.


Ma a proposito del padre, le telecamere e i microfoni internazionali sono andati pure a raccogliere l'emozione di Herrada senior: «Vedere mio figlio vincere è sempra una bella sensazione, ma esserci dal vivo è indescrivibile! Jesus mi aveva detto di sentirsi bene e che una tappa in questa Vuelta l'avrebbe potuta portare a casa. Stamattina ho pensato "corrono non troppo lontano da casa nostra, vuoi vedere che il giorno in cui vince sarà proprio oggi..." ho fatto la pazzia di prendere l'auto e salire qui. Sono fiero sia di lui che di suo fratello José, un gran lavoratore che qui sta correndo l'ultima Vuelta in carriera.»

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Tadej POGACAR. 10. “Gna fà”, non ce la fa a regalar tappe. È un agonista e come tale si comporta. Non è qui per fare le pierre, è qui per vincere il Tour de France, a viso aperto. I saggi...


Ancora una volta UAE Development Team conquista una Top 5 e ancora una volta la velocista Sara Fiorin ha ottenuto un buon risultato. Dopo il terzo posto conquistato nella seconda tappa del Baloise Ladies Tour oggi è andata in scena...


In questo Tour de France non ce n'è per nessuno, anche sulle Alpi Marittime Tadej Pogacar (UAE) va a prendersi il suo trionfo vincendo l'ennesimo duello di questa edizione con Jonas Vingegaard (Visma Lease a Bike). A completare il podio della...


Dopo 17 anni è tornato il ciclismo dilettanti sul circuito collinare empolese di Corniola ed al termine di una gara selettiva con soli 23 arrivati sui 94 partenti, è stato il valdarnese di Incisa Matteo Regnanti ad aggiudicarsi il Gran...


La legge della salita è una sola: chi ha le gambe vince. E questa è anche la legge di Jarno Widar (Lotto Dstny Development) che a Champoluc si prende tappa e maglia gialla di leader. Il belga, già vincitore del...


Doppio colpo per Erazem Valjavec al Giro del Veneto juniores. Il figlio d'arte della Autozai Contri trionfa nell'arrivo in salita a Passo Croce d'Aune dove lo sloveno si scatena rifilando 40" ad Andrea Bessega (Borgo Molino Vigna Fiorita) e 43"...


Questa settimana Radiocorsa va in onda oggi, sabato 20 luglio, alle 18 su Raisport. Per celebrare due donne, due cicliste, che hanno fatto grande il movimento azzurro negli ultimi tempi. La piemontese Elisa Longo Borghini, con la sua vittoria al...


Era un pistard e con la maglia gialloblu della nazionale ucraina aveva partecipato a diverse edizioni dei campionati europei stabilendo anche dei record nazionali nel km da fermo e nella velocità a squadre. Andreyi Kutsenko aveva studiato all'università di Leopoli,...


Le lacrime e il lungo abbraccio con la moglie Trine: questa è l’immagine di Jonas Vingegaard dopo il traguardo a Isola 2000. Il danese che il Tour lo ha vinto già due volte, nella diciannovesima tappa si è arreso, ammettendo...


Qualcuno lo ha definito il nuovo Cannibale, perché non ha lasciato vittorie a nessuno. Lo sloveno domenica a Nizza salirà sul podio del vincitore e per lui questo sarà il terzo successo finale al Tour de France. «Quando Simon Yates,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi