MONDIALI GLASGOW. CROSS COUNTRY, IL CAMPIONE DEL MONDO E' PIDCOCK, BATTUTI GAZE E SCHURTER. 7° LUCA BRAIDOT

MONDIALI | 12/08/2023 | 15:43
di Luca Galimberti

Thomas Pidcock sbaraglia la concorrenza e si laurea campione del mondo nella specialità del Cross Cuntry Olimpico per la stagione 2023. Il 23enne fenomeno britannico, già campione olimpico di specialità a Tokyo, dopo il bronzo ottenuto nello Short Track ha conquistato la medaglia d’oro facendo gioire il “suo” pubblico.  Sul secondo gradino del podio, e vincitore della medaglia d’argento, il neozelandese Samuel Gaze che ha anticipato il rossocrociato Nino Schurter. Miglior italiano Luca Braidot che ha terminato la sua fatica in settima posizione.


Dopo una partenza rapidissima e il successivo, continuo, testa a testa tra Schurter e  Pidcock, il britannico ha deciso di “aprire il gas” a due giri dal termine, ha preso il comando della corsa e non lo ha più lasciato. Alle sue spalle intanto Gaze superava  Schurter arrivando al traguardo in seconda posizione.


La competizione iridata si era aperta con la caduta che ha messo fuori gioco Van der Poel, uno dei favoriti della vigilia.

ORDINE D'ARRIVO

1 55 PIDCOCK Thomas 10010977552 GREAT BRITAIN 1999 1:22:09 +0:00

2 34 GAZE Samuel 10008611560 NEW ZEALAND 1995 1:22:28 +0:19

3 1 SCHURTER Nino 10004151580 SWITZERLAND 1986 1:22:43 +0:34

4 50 KORETZKY Victor 10007624382 FRANCE 1994 1:22:52 +0:43

5 14 DASCALU Vlad 10010129006 ROMANIA 1997 1:23:03 +0:54

6 6 HATHERLY Alan 10008833751 SOUTH AFRICA 1996 1:23:16 +1:07

7 5 BRAIDOT Luca 10006120074 ITALY 1991 1:23:50 +1:41

8 4 FORSTER Lars 10006915070 SWITZERLAND 1993 1:23:54 +1:45

9 12 SCHWARZBAUER Luca 10008816674 GERMANY 1996 1:24:01 +1:52

10 31 COOPER Anton 10007693191 NEW ZEALAND 1994 1:24:02 +1:53

11 11 BLUMS Martins 10008119890 LATVIA 1995 1:24:02 +1:53

12 16 FLUCKIGER Mathias 10003344258 SWITZERLAND 1988 1:24:18 +2:09

13 17 GRIOT Thomas 10008081801 FRANCE 1994 1:24:19 +2:10

14 26 ALBIN Vital 10010129511 SWITZERLAND 1998 1:24:22 +2:13

15 8 SCHUERMANS Jens 10007338133 BELGIUM 1993 1:24:36 +2:27

16 27 GUERRINI Marcel 10007651563 SWITZERLAND 1994 1:24:40 +2:31

17 23 CINK Ondřej 10006456342 CZECHIA 1990 1:24:54 +2:45

18 3 SARROU Jordan 10006804431 FRANCE 1992 1:25:04 +2:55

19 10 DUBAU Joshua 10008749582 FRANCE 1996 1:25:12 +3:03

20 15 BRAIDOT Daniele 10006444723 ITALY 1991 1:25:16 +3:07

21 42 ROTH Joel 10011191558 SWITZERLAND 1999 1:25:20 +3:11

22 25 LITSCHER Thomas 10005835340 SWITZERLAND 1989 1:25:21 +3:12

23 47 ORR Cameron 10011218739 GREAT BRITAIN 1999 1:25:22 +3:13

24 2 VALERO SERRANO David 10008594281 SPAIN 1988 1:25:23 +3:14

25 37 ZANOTTI Juri 10011009581 ITALY 1999 1:25:28 +3:19

26 48 CULLELL ESTAPE Jofre 10010946533 SPAIN 1999 1:25:34 +3:25

27 57 GLENDE Mats Tubaas 10015818761 NORWAY 1999 1:25:36 +3:27

28 36 COLLEDANI Nadir 10007946001 ITALY 1995 1:25:40 +3:31

29 49 PHILIPP Antoine 10009545285 FRANCE 1997 1:25:55 +3:46

30 45 LUKASIK Krzysztof 10010092832 POLAND 1993 1:26:09 +4:00

Copyright © TBW
COMMENTI
Polemiche
12 agosto 2023 18:23 alerossi
Mentre i bikers erano concentrati a fare comunicati ridicoli, pidcock era concentrato sulla gara. Ben gli sta agli altri aver perso. Poi alla fine la mtb non si improvvisa: se sei preparato vinci come pidcock, se non sei allenato cadi dopo 2 minuti come mvdp.

aggiungo
12 agosto 2023 23:58 fransoli
che sarebbe meglio interrogarsi sul perché quando arrivano i vari pidcock e mvdp, che come detto svolgono l'attività occasionalmente, finiscono con lo sbaragliare la concorrenza dei biker di professione anche con una partenza ad handicap.. e sul perché in una specialità così esplosiva continua sempre ad occupare le posizioni di vertice un 37enne (seppur fenomenale sia chiaro).

fransoli
13 agosto 2023 00:47 Hal3Al
per caso il 37enne è un certo Nino Schurter e sempre per caso è una velata allusione al doping?
Questa politica del sospetto su chi vince per alcuni troppo risulta odiosa e dannosa.

Sospetti
13 agosto 2023 05:34 kristi
Che brutta piega stanno prendendo tifosi un tempo molto razionali e sportivi... subito pronti a gettar fango gratuito su chiunque non sia il loro beniamino di turno..... nello sport ...tutto....prima di imparare a vincere devi imparare a perdere , questo vale soprattutto per i tifosi , o presunti tali.....

Fransoli
13 agosto 2023 07:26 Stef83
I vari come li chiami te sono 2 solamente, e non è che si improvvisano, ma è gente che la mtb cmq la cura anche durante l'anno.
Se ti chiedi come mai uno come Schurter sia ancora lì davanti, beh, che dire, non ne sai tanto di Mtb, mi dispiace.

Pollo
13 agosto 2023 08:58 De Vlaemink69
Oltre a cambiare il regolamento per farlo vincere è caduto come un pollo. Non bastano solo le gambe,ci vuole anche tecnica e allenamento a questi terreni. Che gradasso.

Hal3Al e kristi
13 agosto 2023 11:24 alerossi
Io interpreto il messaggio di fransoli così: il fatto che pidcock riesca a vincere quasi ogni gara che faccia (1/2 l'anno) e schurter domini facilmente è dettato dal livello medio molto basso degli altri bikers.

Risposta
13 agosto 2023 12:08 fransoli
Non avete capito non alludo al doping, ma al fatto che quantomeno nel mondo mtb c è poca concentrazione di talenti... Prova ne è che un 37nne seppur fenomanele continua ad occupare i podi di una specialità esplosiva, dove freschezza e reattività sono eassenziali

Schurter
13 agosto 2023 12:20 fransoli
Ieri senza pidcock e vdp al via forse avebbe conquistato l'ennesimo titolo, infatti lui è l'australiano hanno fatto i primi giri alla morte per impedire chei 2 rimontassero subito da dietro, ma poi ha pagato ed è stato superato anche dal neozelandese che invece ha fatto gara regolare... Alla fine anche pidcock era cotto ma anche lui i primi giri ha fatto il numero per rientrare velocemente sulla testa

Risposta fransoli
13 agosto 2023 17:58 Hal3Al
Grazie del chiarimento,leggendo è facile il fraintendimento.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Per Wout Van Aert oggi l’obiettivo principale era quello di vincere come squadra e grazie al successo di Jan Tratnik la Visma-Lease a Bike ha conquistato la prima Classica della stagione. Per il team olandese questo è il terzo successivo...


Brindano Jan Tratnik e la sua Visma – Lease a Bike all'Omloop het Nieuwsblad, la prima Classica belga dell’anno dominata dal team olandese sul traguardo di Ninove. Tratnik  in Belgio ha conquistato la vittoria più importante della sua carriera, andando...


Prima classica della stagione e subito le grandi del gruppo a darsi battaglia e a regalare spettacolo: basta leggere l'ordne d'arrivo della Omloop Het Nieuwsblad per capirlo... Primo posto per Marianne Vos, secondo per Lotte Kopecky, terzo per Elisa Longo...


Tutto come un anno fa: Jonas Vingegaard si esalta sulle strade della Galizia e vince anche la terza tappa del Gran Camino, staccando tutti gli avversari e mettendo il sigillo sulla seconda vittoria consecutiva nella corsa iberica. Sul traguardo della...


Christian Prudhomme è stato l'ospite d'onore della 37a edizione della Firenze-Empoli, la classica di apertura della stagione dilettantistica che ha dato idealmente il via al lungo cammino agonistico che porterà all'evento più atteso, la partenza del Tour de France da...


Gioventù al potere nell'edizione 2024 della Faun Ardèche Classic. Juan Ayuso, talento classe 2002 della UAE Team Emirates, ha sprintato davanti a Romain Grégoire, 21enne francese della Groupama - FDJ, e a Mattias Skjelmose, 23enne, in maglia Lidl Trek andando così a conquistare la quinta vittoria...


Bryan Olivo firma la 100sima Coppa San Geo-54sima Trofeo Caduti Soprazocco gara di apertura del calendario italiano degli Elite e Under 23. L'atleta del Cycling Team Friuli allo sprint ha regolato il giovane bresciano Davide Donati, un primo anno della...


Due brillanti protagonisti nella 37^ Firenze-Empoli nati lo stesso giorno, il 3 dicembre 2004. Il vincitore della gara, il friulano di Udine Alessio Menghini della General Store autore di una volata splendida che gli ha permesso di mettere dietro la...


La Israel Premier Tech fa festa nella settima e penultima tappa del Tour du Rwanda: Itamar Einhorn fa bis nella Rukomo – Kayonza (158 km) dopo il successo di lunedì a Kibeho, mentre il compagno di squadra Joseph Blackmore mantiene...


È l’uomo in verde, il re dei velocisti all’UAE Tour 2024 e Tim Merlier lo ha dimostrato anche oggi calando il tris e vincendo la sesta tappa della competizione al termine di 138 di gara. Il belga ha firmato la...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi