L'ORA DEL PASTO. L'ALPE D'HUEZ NEL NOME DEL PADRE. VIDEO E GALLERY

STORIA | 20/08/2022 | 08:08
di Marco Pastonesi

Settant’anni dopo. Sandrino l’aveva scalata al Tour de France, Marco fuori corsa, fuori classifiche, fuori tabelle, fuori soglia, ma non fuori dal tempo. Sandrino l’aveva affrontata con la maglia gialla di primo nella generale, Marco con una maglia verde con la fascia orizzontale tricolore. Sandrino era arrivato in cima frenando, terrorizzato all’idea di sottrarre il primato al suo capitano Fausto Coppi, Marco l’ha fatta – e non ha nessun timore o vergogna a confessarlo – anche grazie alle spinte dei compagni. Perché Sandrino era un gregario, anzi, il gregario, invece Marco, a suo modo, almeno per un giorno, ha vissuto da capitano.


I Carrea sull’Alpe d’Huez. Sandrino, il papà, il 4 luglio 1952, la prima volta che il Tour si arrampicava per quei misteriosi 21 tornanti in 14 chilometri, un serpente incastrato nella roccia, e Marco, il figlio, ne ha ripetuto, se non le gesta, almeno quello che ne resta, pedalate sante e sudate, affettuose e pesanti, 70 anni dopo per un ricordo, un omaggio, una celebrazione, una nostalgia, una staffetta. Sandrino giunse sesto, a 3’29” dal Campionissimo, gli cedette la maglia gialla per l’inezia di 5”, e c’è da credergli che, se non avesse frenato, avrebbe mantenuto quell’imbarazzante primo posto in classifica. Marco è giunto, e questa è la notizia più rassicurante, sano e salvo, felice e spaesato, appiccicoso e grato.


L’idea è venuta a Marco (Sandrino gli avrebbe chiesto se fosse matto), Marco ne ha parlato con gli amici (Sandrino avrebbe scosso la testa rimangiandosi le parole), gli amici hanno risposto con entusiasmo (ma stavolta Sandrino non sarebbe riuscito a frenare le parole), bisogna sapere che gli amici appartengono al Gruppo ciclistico Girardengo di Cassano Spinola (Sandrino avrebbe alzato gli occhi al cielo chiedendo l’intercessione celeste del mitico Costante), a quel punto la Roquette (colosso mondiale nel settore delle bioraffinerie) ha sostenuto la gita di gruppo (Sandrino avrebbe ricordato i 20 anni spesi lavorando per l’azienda di Cassano Spinola), la Santini ha creato la maglia (nelle fasce bianca e rossa risaltano le immagini di Coppi e Carrea, e Sandrino avrebbe commentato che non era proprio il caso) e il giornalista belga Frederik Backelandt di “Grinta” ci ha messo idee e gambe (nel gruppo sull’Alpe d’Huez c’era anche lui, che ci tiene a definirsi coppiano). Il bello è che stavolta un Carrea (Marco, appunto) è arrivato prima di un Coppi (Giancarlo). E quella smorfia sul muso di Sandrino avrebbe tradito un mezzo sorriso.

Così, 70 anni dopo, ecco l’Alpe d’Huez nel nome del padre. E Sandrino, da qualche parte, forse anche lassù, avrebbe scosso la testa senza trovare le parole giuste. O con pudore, o con commozione, inghiottendole.

 

 
Copyright © TBW
COMMENTI
Bellissimo Video
20 agosto 2022 09:18 9colli
Complimenti davvero!!!

Grande Marco!
20 agosto 2022 15:40 Diablo
Grande Marco, e grandi i tuoi fidi gregari in questa "pazzia"...

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Arriva la sentenza sportiva ne confronti dei corridori della W52 Porto che erano stati arrestati la scorsa primavera nel corso di una operazione di polizia. João Rodrigues, che in carriera ha vinto il Giro del Portogallo nel 2019 e la...


Un bel gesto, un omaggio ad un grande corridore che oggi lascia il ciclismo e che gli ha insegnato tanto. Remco Evenepoel, alla prima e unica gara della stagione in maglia di campione del mondo, ha scelto di ringraziare a...


Dopo un Piccolo Lombardia corso da protagonista (sesto), Giacomo Villa centra il bersaglio nella Coppa Città di San Daniele del Friuli per dilettanti. Il portacolori della Biesse Carrera si è imposto al termine di uno sprint a undici corridori superando...


Christophe Laporte mette a segno un altro colpo nella sua stagione più bella di sempre e vince la Binche-Chimay-Binche staccando nel finale in pavé il norvegese Rasmus Tiller e il francese Hugo Page. Sesto posto per Philippe Gilbert che domenica...


Volata a tre nel Gran Premio Calvatone e successo di Samuel Quaranta. Il corridore della Colpack Ballan brucia sul traguardo i compagni di fuga Lorenzo Quartucci, della Hopplà petroli Firenze Don Camillo, e Christian Bagatin della Carnovali Rime Sias. ORDINE...


Un grande Tadej Pogacar mette la sua firma su un'edizione spettacolare della Tre Valli Varesine, regolando in volata Sergio Higuita e Alejandro Valverde. Lo sloveno ha chiesto alla sua UAE Emirates di prendere in mano la corsa sin dalla prima...


Il CT Daniele Pontoni ha diramato i nomi dei convocati che nel week end prenderanno parte ai primi Campionati del Mondo Gravel in Veneto (Vicenza - Cittadella) il prossimo week end. Tra i maschi spicca il nome del recente vincitore...


In una gara aperta e aggressiva, il Team DSM è stato all'attacco per tutto il giorno alla Binche Chimay Binche pour Dames e alla fine ha pilotato perfettamente Lorena Wiebes a firmare l'ennesima volata vincente della sua grande stagione. Si...


Wahoo Fitness, azienda leader nella tecnologia per il fitness, presenta oggi il nuovo computer da bicicletta ELEMNT ROAM, un bike computer dotato di GPS a doppia banda e diverse innovative caratteristiche. La navigazione è completamente migliorata, aumenta l’autonomia, la memoria è potenziata...


Sabato, dopo la sua vittoria al Giro dell’Emilia aveva detto di volersi diversi e di essere determinata a far bene nelle ultime corse di questa stagione. Oggi Elisa Longo Borghini, con determinazione, è andata a prendersi la vittoria nella seconda...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach