L'ATTACCO DI AFFINI. «CARA UCI, UN ARRIVO COSI' E' INACCETTABILE, UNA VERGOGNA»

PROFESSIONISTI | 03/08/2022 | 20:48
di Paolo Broggi

Accade alla Vuelta a Burgos che un corridore dia tutto fino al traguardo, esulti per il successo di un compagno e si trovi coperto di insulti sui social. Accade a Edoardo Affini. Ma il mantovano non ci sta e si affida a quegli stessi social dai quali provengono gli attacchi: «Prima che tutti inizino a scrivere cazzate qui, voglio chiarire. Stavo facendo uno sforzo di leadout a tutta. Ho visto un compagno di squadra passarmi a 200 metri dalla fine e ho festeggiato il suo successo, sì. Non avevo davvero idea dell'enorme carneficina dietro di noi. Sono molto dispiaciuto e triste per tutti i corridori  coinvolte e spero che nessuno sia gravemente ferito».


E poi un affondo che merita una risposta da chi di dovere: «Cara @UCI_cycling, dopo tutto quello che è già successo, consentire un arrivo con un dosso così alto negli ultimi 800 m provenendo da un tratto ad altissima velocità è una vergogna. Inaccettabile».


Anche Timo Roosen, il vincitore di giornata, ha tenuto a spiegare: «Non c'è nessun motivo per congratularvi con me. Spero che tutti stiano bene dopo il grave incidente e mando auguri di pronta guarigione ai corridori coinvolti. Non avevamo idea di cosa fosse successo dietro di noi e che ci fosse stato un incidente di questa portata. Se lo avessimo saputo, non avremmo mai esultato».

Aspettiamo ora le risposte dell'Uci e la presa di posizione del CPA, risposte che devono essere pubbliche, non mandate via mail al corridore in questione o magari sussurrate al suo orecchio.

Comprendiamo benissimo le difficoltà degli organizzatori, la necessità di accontentare gli enti pubblici che ospitano le tappe, il proliferare di dossi e dissuasori di velocità oltre alle rotonde (e che dire delle transenne, pericolosissime!), ma c'è sempre un'altra soluzione, soprattutto per evitare che i corridori si trovino a dover affrontare in discesa un dosso che deve impedire alle auto di entrare a tutta velocità in centro paese. Comprendiamo tutto, ma non accettiamo che si rischi sulla pelle dei corridori. E, come detto, aspettiamo le risposte. Aspetteremo invano?

Copyright © TBW
COMMENTI
Ancora?
3 agosto 2022 22:16 bove
Ma cosa deve succedere ancora? Cari corridori solo voi avete il potere e l'assoluto diritto di incazzarvi e mettervi di traverso. Queste sono le cose per cui dovete battervi, perché qui non si tratta di una tappa fredda e lunga, qui ci si lascia le penne

Social e altro
4 agosto 2022 07:56 andy48
I social sono divenuti l'equivalente della peste biblica: ci si scrivono piu' cavolate in un solo giorno che in tutti i libri pubblicati dall'inizio della storia. Inoltre Twitter e' uno strumento politico di repressione di massa--basta un niente per essere bannati se non si osservano i piu' biechi principi del politically correct. Eppure su Eurosport gli fanno pure pubblicita' aggratis. Cio' malgrado, pochi hanno il coraggio di chiudere l'account e godersi la vita. Consiglio ad Affini: lascia perdere, non ti curar di loro.
Il CPA e' un cane sdentato. Dopo quanto successo ieri, perche' no uno sciopero? Forse l'UCI si sveglia.
E infine: perche' ne' la RAI ne' Eurosport mostrano la Vuelta a Burgos, invece di propinarci infinite registrazione del Tour di France femminile? Mi dicono che lo si possa vedere su Eurosport player, naturalmente con un supplemento di prezzo.

CPA
4 agosto 2022 08:13 Luigi Rossignoli
Ma esiste questa associazione?
Le tappe vanno viste prima lamentarsi dopo non serve , tanto chi ci rimette sono i ragazzi.
Luigi

Ciclismo
4 agosto 2022 11:00 fido113
Questo non è più il ciclismo che conoscevamo ma una forma di sport estremo pericolosissimo e quasi da vietare tanti sono i rischi che espongono gli atleti. Ogni gara ormai è un bollettino di guerra.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Grande vittoria di Alexander Kristoff nel Circuit Franco Belge, da Tournai s La Louvière per 175, 2 km. Dopo una corsa spettacolare, hanno tentato il colpaccio Alexander Kristoff (Intermarché), Jasper De Buyst (Lotto Soudal) e Dries Van Gestel (TotalEnergies). A...


Guillaume Martin vince la seconda tappa del Tour de l'Ain, la Saint-Vulbas - Lagnieu di 144 km - e conquista la maglia di leader della breve corsa a tappe francese. Lo scalatore della Cofidis ha sorpreso gli altri sei componenti...


Si sta per chiudere il “full circle” ideato da Nathan Haas: cinque biciclette con cinque differenti livree per ritornare sui percorsi sterrati degli albori della sua carriera, seguiti da dieci anni al servizio di squadre WorldTour su strada e per ridare nuova linfa...


Felix Großschartner ha siglato un accordo grazie al quale correrà per l’UAE Team Emirates nelle prossime due stagioni. Il ventottenne scalatore è campione austriaco in carica sia in linea che a cronometro, per un palmares che comprende sei successi...


Il catalano Abel Balderstone (Ullastrell, 2000) è il primo nuovo acquisto della Caja Rural-Seguros RGA per la prossima stagione. Il giovane scalatore sta vivendo un anno fantastico con la Caja Rural-Alea, raccogliendo vittorie e prestazioni che lo hanno portato a...


Maglia di miglior Giovane e quinto posto in classifica generale. E' il bottino finale di Gabriel Fede nella corsa a tappe internazionale Estivale Bretonne in Francia. Una bella prestazione davvero quella del giovane cuneese, 19 anni di Santa Croce di...


Ci ha lasciati Santo Conca per tutti Tino. Tecnico con provata esperienza, era nato a Spirano in provincia di Bergamo nel 1937 ma ha sempre vissuto a Bernareggio (Monza e Brianza). Nella sua lunga carriera di direttore sportivo nelle squadre...


Il 2023 porterà una grande novità nel mondo del ciclismo professionistico: arriverà infatti il primo UCI ProTeam della Nuova Zelanda. La squadra continentale UCI n. 1 al mondo, la Bolton Equities Black Spoke Pro Cycling, ha annunciato infatti di aver...


Mai banale Mario Cipollini quando parla di ciclismo: il nostro direttore Pier Augusto Stagi ha chiamato in causa il più grande velocista italiano di sempre per chiedergli conto sia del Tour de France e delle strategie di Jumbo Visma e...


Julian Alaphilippe è tornato in gara e per farlo ha scelto il Tour del’Ain con l'obiettivo di ritrovare la condizione migliore per l’ultima parte dell’anno, dopo una stagione iniziata bene, ma che ben presto ha messo in ginocchio il campione...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach