BALSAMO. «BELLA VITTORIA, ADESSO PENSO AL TRICOLORE»

DONNE | 20/06/2022 | 18:52
di Giorgia Monguzzi

Elisa Balsamo lascia nuovamente il segno, è la quinta volta in questa stagione che la campionessa del mondo taglia al traguardo con le braccia al cielo. Nessuna vittoria della fuoriclasse della trek Segafredo è mai banale, piuttosto combattuta con tutte le forze lasciando una firma praticamente indelebile. Oggi a Coira, nella terza tappa del tour de Suisse si è giocato tutto per questione di centimetri, con il photofinish chiamato in causa per una tappa che nel finale ha lasciato tutti con il fiato sospeso. Nei circa 125 km che hanno traghettato il gruppo dal Liechtestein fino al canton grigione sono stati caratterizzati da un attacco da lontano che il gruppo ha dovuto gestire con non poche difficoltà anche facendo i conti con un caldo che proprio non vuole saperne di andare via. Tutto si è deciso nello strappo finale dove Elisa Balsamo si è presa di forza una vittoria bellissima.


«È stata una giornata davvero dura, c’erano tante salite, alla fine l’unica cosa da fare era cercare di resistere - ha spiegato Elisa Balsamo a tuttobiciweb - fin dai primi chilometri è andata via una fuga che ha guadagnato un buon margine di vantaggio. Inizialmente le abbiamo fatte andare via semplicemente controllando la situazione da lontano, ma poi andarle a riprenderle è diventato molto difficile. Con me avevo solo Lucinda Brand e abbiamo lasciato alle altre squadre l’onere di guidare l’inseguimento, poi però Lucinda ha forato e così mi sono ritrovata da sola a saltare su una ruota e l’altra. L’obiettivo è stato stringere i denti per resistere fino all’ultimo chilometro e poi lì andare a tutta».


L’ultimo chilometro è stato davvero infernale, uno strappo che ha portato ciò che restava del gruppo al traguardo di Coira. Elisa Balsamo ha fatto letteralmente a spallate facendo forza anche dell’esperienza della pista. «Quando mancavano circa 500 m ho cercato di prendere l’ultima curva davanti tagliando all’interno anche un po’ per risparmiare strada - spiega - Evita Muzic ha cercato di stringermi, ma con un po’ di spallate mi sono fatta strada, sono cose che succedono in queste circostanze e posso dire che l’esperienza aiuta soprattutto quella della pista.»

Dietro la campionessa del mondo si sono posizionate in ordine Evita Muzic, Liane Lippert, Ilaria Sanguineti e Soraya Paladin portando così a ben tre il numero delle italiane nelle prime 5 posizione. È l’ennesimo segno che il movimento italiano non smette di lasciare il segno come ammette la stessa Balsamo. «Quest’anno stiamo andando tutte veramente forte, sono felice per il mio rendimento, ma anche per quello che stanno facendo le mie connazionali, significa che il lavoro fatto negli scorsi anni dalle diverse società sta dando i suoi frutti».

La vittoria odierna della Balsamo è un segnale importante in vista non solo del Giro d’Italia femminile che partirà tra esattamente 10 giorni, ma soprattutto per il campionato italiano in programma domenica prossima che chiama a raccolta le atlete veloci. La campionessa del mondo che proprio ad inizio anno ha lasciato il gruppo sportivo Fiamme Oro correrà da sola con le insegne della Trek Segafredo e praticamente costretta ad una lavoro da solista. «E’ inutile nascondere che penso al campionato italiano, è un obiettivo importante che spero veramente di raggiungere - ci confida infine Elisa Balsamo - il percorso è assolutamente adatto alle mie caratteristiche, ma con corse di questo genere non si può mai dire, sono gare a sé stante in cui può succedere veramente di tutto. Nell’ultimo periodo ho lavorato molto sulle volate, ho fatto anche lavori specifici in palestra per irrobustirmi ed aumentare ancora l’esplosività. Sarò da sola e sarà indubbiamente dura, sicuramente dovrò sapermi gestire e, non avendo squadra dovrò saltare da una ruota all’altra».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Marianne Vos inaugura con la vittoria il Tour of Scandinavia per donne elite. La fuori classe olandese allo sprint si aggiudica la prima tappa da Copenhagen a Helsingør di 145 chilometri. Sua maestà Vos (Jumbo Visma) ha regolato la giovanissima...


Seconda vittoria stagionale di Luca Cretti. Il bergamasco di Sovere, classe 2001, della formazione Hopplà Petroli Firenze Don Camillo ha colto il successo a Caselle di Sommacampagna, nel Veronese, dove stamane si è disputata la 27sima edizione del Gran Premio...


Daryl Impey correrà nella Israel PremierTech anche nel 2023. Nelle due ultime stagioni il 37enne sudafricano è diventato un vero e proprio cardie della squadra come afferma il Direttore Generale Kjell Carlström.: «Daryl Impey è senza dubbio uno dei corridori...


Jake Stewart, britannico della Groupama FDJ, ha vinto allo sprint la prima tappa del Tour de l'Ain. Sul traguardo della Châtillon-sur-Chalaronne - Val-Revermont di 152 km, , Stewart ha regolato in una volata serratissima il francese Tesson ed il belga...


Inizia sotto il segno degli italiani il Tour of Szeklerland in Romania (classe 2.2). Nicolas Dalla Valle ha vinto infatti la prima tappa Debrecen-Debrecen di 91 chilometri. Il portacolori della Continental Giotti Victoria Savini Due allo sprint ha regolato Daniel...


La valdostana Gaia Tormena, 20 anni, Campionessa del Mondo in carica di eliminator mountain bike, è infallibile anche nelle gare a invito. Infatti l’eclettica ciclo-girl del team Lupi Aosta ha trionfato nel Gran Premio Corratec a Timisoara, in Romania. All’evento...


Dopo Dries De Pooter, Tom Paquot e Laurenz Rex, altre due stelle emergenti del ciclismo belga faranno il loro debutto nel World Tour con Intermarché-Wanty-Gobert Matériaux la prossima stagione: Rune Herregodts (24 anni) e Arne Marit (23), entrambi attualmente alla...


Protagonista sfortunato di una bruttissima caduta ieri in allenamento, Tiesj Benoot ha inviato un messaggio rassicurante dal suo letto d'ospedale. Il belga della Jumbo Visma scrive: «Prima di tutto, voglio far sapere a tutti che va tutto bene. Ieri sono...


Oggi è il compleanno di due grandi ciclisti veneti: Renato Longo e Davide Rebellin. Renato Longo (di Vittorio Veneto, in provincia di Treviso) festeggia oggi i suoi primi 85 anni: è stato un grandissimo del ciclocros, cinque volte Campione del...


Tim Wellens ha siglato un accordo biennale per diventare un corridore dell’UAE Team Emirates fino al termine della stagione 2024. Il trentunenne belga di Sint Truiden può fregiarsi di un palmares di altissima caratura, con 34 successi tra i quali...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach