L'UCI E QUEI PUNTEGGI CHE RISCHIANO DI IMPOVERIRE IL GIRO D'ITALIA

POLITICA | 01/06/2022 | 09:41
di Paolo Broggi

Non è mai facile creare classifiche e punteggi di rendimento che possano accontentare tutti e soprattutto essere equi, praticamente la formula perfetta non esiste, ma è evidente che in casa Uci ci sia molto da migliorare.


In queste settimane c’è grande attenzione ai numeri perché a fine stagione verranno stilate le classifiche del triennio 2020-2022 che porteranno alle prime promozioni/retrocessioni del WorldtTour.


In questo momento Alpecin Fenix e Arkea Samsic sono in zona promozione, Lotto Soudal e Israel Premier Tech sarebbero retrocesse ma la posizione non è poi così scomoda, perché di diritti se ne perdono davvero pochi. Ma il problema che vogliamo sollevare è un altro, riguarda i Grandi Giri, anzi riguarda soprattutto il Giro d’Italia.

Nel periodo che val dal 6 al 29 maggio, ovvero quello del Giro, una squadra come la Arkea Samisc che ha rinunciato al Giro d’Italia, ha accumulato 817 punti: più della Trek Segafredo che ha vinto una tappa al Giro e portato 10 giorni la maglia rosa, più della BikeExchange Jayco che di tappe ne ha vinte tre, più della Jumbo Visma che di tappe ne ha vinte due e conquistato la maglia azzurra degli scalatori e via elencando. Abbiamo preso in esame la Arkea Samsic proprio perché ha rinunciato al Giro, ma in questo periodo la TotalEnergies, altro ProTeam, ha fatto ancora meglio conquistando 977 punti.

Ma torniamo al nocciolo della questione: in queste tre settimane, come conferma la puntuale ricerca di Javi Angulo di El tio del dato, la formazione bretone ha vinto il Tro Bro Leon e una tappa della Boucles de la Mayenne, ottenuto un secondo posto di tappa alla 4 Giorni di Dunkerque e un terzo posto ancora al Tro Bro Leon. Non sono risultati eclatanti, evidentemente però hanno permesso al team di conquistare molti più punti rispetto a chi ha cercato di far bene al Giro d’Italia.

E allora, ecco dove sta il problema, c’è il forte rischio che anche le grandi squadre finiscano per snobbare una corsa impegnativa ma poco remunerativa in termini di punti come il Giro d’Italia per concentrarsi su gare minori nelle quali si possono ottenere risultati discreti con minor dispendio di energia.

Eppure ricordiamo bene che sin dagli albori del ProTour tutti i presidenti dell’Uci che si sono succeduti hanno dichiarato a gran voce di voler riservare attenzioni speciali alle corse storiche, ai monumenti e ai Grandi Giri. I fatti dicono che così non è. E dimostrano anche come sia necessario rimettere profondamente mano ai punteggi. Altrimenti il rischio è grande e ben evidenziato dall’ultimo post di Luca Guercilena: «Questo potrebbe spingere le squadre a spostare il miglior roster in gare più piccole solo per segnare punti ed evitare la retrocessione = uccidere la squadra».

Copyright © TBW
COMMENTI
allora.....
1 giugno 2022 12:18 limatore
a maggior ragione il Tour de France. Il problema è la concomitanza di gare, a maggio corri dove vuoi a luglio ci sono pochissime gare guai a programmarle.... ASO farebbe un putiferio

guercilena
1 giugno 2022 13:36 VERGOGNA
quello che dice non è un ipotesi sul futuro.... è già la realtà da almeno due anni.... qualunque prof può confermare che in qualsiasi gara .1 se non addirittura .2 il livello è diventato altissimo perchè le wt che snobbavano queste corse ora vanno a far man bassa e le professional piccole non fanno più nulla neanche lì, premesso che il calendario asiatico non esiste più o quello dell'est europa è più che dimezzato

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Marianne Vos inaugura con la vittoria il Tour of Scandinavia per donne elite. La fuori classe olandese allo sprint si aggiudica la prima tappa da Copenhagen a Helsingør di 145 chilometri. Sua maestà Vos (Jumbo Visma) ha regolato la giovanissima...


Seconda vittoria stagionale di Luca Cretti. Il bergamasco di Sovere, classe 2001, della formazione Hopplà Petroli Firenze Don Camillo ha colto il successo a Caselle di Sommacampagna, nel Veronese, dove stamane si è disputata la 27sima edizione del Gran Premio...


Daryl Impey correrà nella Israel PremierTech anche nel 2023. Nelle due ultime stagioni il 37enne sudafricano è diventato un vero e proprio cardie della squadra come afferma il Direttore Generale Kjell Carlström.: «Daryl Impey è senza dubbio uno dei corridori...


Jake Stewart, britannico della Groupama FDJ, ha vinto allo sprint la prima tappa del Tour de l'Ain. Sul traguardo della Châtillon-sur-Chalaronne - Val-Revermont di 152 km, , Stewart ha regolato in una volata serratissima il francese Tesson ed il belga...


Inizia sotto il segno degli italiani il Tour of Szeklerland in Romania (classe 2.2). Nicolas Dalla Valle ha vinto infatti la prima tappa Debrecen-Debrecen di 91 chilometri. Il portacolori della Continental Giotti Victoria Savini Due allo sprint ha regolato Daniel...


La valdostana Gaia Tormena, 20 anni, Campionessa del Mondo in carica di eliminator mountain bike, è infallibile anche nelle gare a invito. Infatti l’eclettica ciclo-girl del team Lupi Aosta ha trionfato nel Gran Premio Corratec a Timisoara, in Romania. All’evento...


Dopo Dries De Pooter, Tom Paquot e Laurenz Rex, altre due stelle emergenti del ciclismo belga faranno il loro debutto nel World Tour con Intermarché-Wanty-Gobert Matériaux la prossima stagione: Rune Herregodts (24 anni) e Arne Marit (23), entrambi attualmente alla...


Protagonista sfortunato di una bruttissima caduta ieri in allenamento, Tiesj Benoot ha inviato un messaggio rassicurante dal suo letto d'ospedale. Il belga della Jumbo Visma scrive: «Prima di tutto, voglio far sapere a tutti che va tutto bene. Ieri sono...


Oggi è il compleanno di due grandi ciclisti veneti: Renato Longo e Davide Rebellin. Renato Longo (di Vittorio Veneto, in provincia di Treviso) festeggia oggi i suoi primi 85 anni: è stato un grandissimo del ciclocros, cinque volte Campione del...


Tim Wellens ha siglato un accordo biennale per diventare un corridore dell’UAE Team Emirates fino al termine della stagione 2024. Il trentunenne belga di Sint Truiden può fregiarsi di un palmares di altissima caratura, con 34 successi tra i quali...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach