OSCAR TUTTOBICI. FILIPPO BARONCINI TORNA IN BICI IN VISTA DEL GRANDE SALTO

INTERVISTA | 22/11/2021 | 08:10
di Giulia De Maio

L’Oscar tuttoBICI Gran Premio UAE Emirates per gli Under 23 va al fresco campione mondiale Filippo Baroncini che ha letteralmente dominato la classifica, forte anche del titolo italiano della crono e di una bellissima vittoria di tappa, sempre contro il tempo, colta al Giro d’Italia baby. Una stagione da dominatore, quella che ha firmato il 21enne di Massa Lombarda in maglia Colpack Ballan, che è pronto ad affrontare il grande salto nella massima categoria con la Trek-Segafredo. Nei primi mesi del 2021 lo spagnolo Juan Ayuso ha fatto faville, ma nella seconda parte di stagione Baroncini ne ha raccolto il testimone andando ben oltre e vincendo la nostra classifica con 324 punti. Netto il dominio della Colpack Ballan che alle spalle di Baroncini ha piazzato Mattia Petrucci, Ayuso e Michele Gazzoli.


Come hai trascorso le vacanze Filippo?


«Sono tornato a casa da pochi giorni, dopo aver passato due settimane a Sharm El Sheik in Egitto con Alessia, la mia ragazza. Ci siamo rilassati, ne avevamo davvero bisogno, soprattutto io. Non sembra, ma anche gli impegni extraciclistici come le cerimonie e le interviste diventano impegnativi quando si sommano. Dopo la vittoria del mondiale ho festeggiato con i parenti e gli amici più stretti, la Notte degli Oscar tuttoBICI è una premiazione alla quale non si può mancare, dopodiché però basta distrazioni».

Bisogna tornare a fare sul serio.

«Proprio oggi comincia per me la preparazione a tutti gli effetti, ma già dalla settimana scorsa ho iniziato a sgranchirmi con qualche camminata ed esercizi a corpo libero. D'inverno mi godo attività alternative come la corsa, la palestra e la mtb, in sella alla quale vado a sensazione e così imparo a conoscermi meglio. Non abbiamo ancora stilato un programma ufficiale con la squadra, saprò dirvi di più nelle prossime settimane».

Per quando è fissato il primo ritiro della Trek-Segafredo?

«Ci riuniremo dal 13 al 22 dicembre in Spagna. Martedì scorso ho avuto una bella chiacchierata con il ds Adriano Baffi e non vedo l'ora di conoscere il resto della squadra. Una parte l'ho incontrata al Gran Piemonte, che ho corso come stagista. Mi ha dato l'impressione di un gruppo affiatato e in cui si respira grande serenità, anche se si parla inglese e riunisce persone di diverse nazionalità sembra una famiglia. Sia con i compagni italiani che con quelli stranieri sono sicuro mi troverò a mio agio».

Che obiettivi ti sei posto per il tuo primo anno da professionista?

«Il primo è di crescere e accumulare tanta esperienza. Avendo vinto il mondiale tra gli Under 23 sono consapevole che avrò gli occhi puntati addosso, se mi si presenterà qualche occasione cercherò di coglierla. Come tutti i neopro' dovrò lavorare sulle lunghe distanze, che è la grossa differenza dalla categoria dilettanti. Quando si passano i 200 km scattano le sirene (ride, ndr). Un altro aspetto da allenare sarà il ritmo gara quindi a fine sessione ogni tanto ci starà qualche accelerata per familiarizzare con le velocità a cui dovrò fare l'abitudine negli ultimi chilometri».

Prima di buttarsi a capofitto nella nuova avventura tra i grandi, c'è un Oscar da celebrare con chi ti ha fatto arrivare fin qui.

«Sì, sarà una bella serata e al mio fianco avrò Alessia. Sarà l'occasione giusta per ringraziare nuovamente la mia famiglia e chiunque mi ha permesso di raggiungere la maglia iridata che ho sempre sognato. Devo dire grazie alla Colpack che mi ha messo nelle condizioni migliori per affrontare questa grande stagione, il mio preparatore personale Leonardo Piepoli e quello del team Antonio Fusi che mi hanno permesso di arrivare agli appuntamenti che avevamo cerchiato di rosso con la condizione giusta, e tutta la Nazionale, con cui ho lavorato sodo durante l'anno, fino a un avvicinamento ideale per il mondiale, passando dal Tour de l'Avenir e il ritiro in altura al Sestriere. I risultati che ho ottenuto sono frutto di un lavoro di squadra».

Per conoscere tutti i dettagli e la classifica finale del Gran Premio UAE Emirates CLICCA QUI

ALBO D'ORO OSCAR TUTTOBICI UNDER 23

1996    Roberto Sgambelluri
1997    Fabio Malberti
1998    Ivan Basso
1999    Luca Paolini
2000    Yaroslav Popovych
2001    Yaroslav Popovych
2002    Mikhail Timochine
2003    Sergei Lagutin
2004    Giovanni Visconti
2005    Luigi Sestili
2006    Francesco Gavazzi
2007    Simone Ponzi
2008    Adriano Malori
2009    Gianluca Brambilla
2010    Enrico Battaglin
2011    Fabio Aru
2012    Fabio Aru
2013    Davide Villella
2014    Simone Andreetta
2015    Gianni Moscon
2016    Edward Ravasi
2017    Aliaksandr Riabushenko
2018    Andrea Bagioli
2019    Giovanni Aleotti
2020    Giovanni Aleotti
2021   Filippo Baroncini

GIA' PUBBLICATI

OSCAR TUTTOBICI. RICCARDO BENOZZATO, L'EMOZIONE DEL PIÙ GIOVANE PREMIATO

OSCAR TUTTOBICI. ALESSIO MAGAGNOTTI TRA FATICA E GIOCO DI SQUADRA

OSCAR TUTTOBICI. LINDA SANARINI ASCOLTA ULTIMO MA ARRIVA PRIMA

OSCAR TUTTOBICI. JUAN DAVID SIERRA, IL CAMPIONCINO MILANESE DI ORIGINE COLOMBIANA

OSCAR TUTTOBICI. FEDERICA VENTURELLI, UN FENOMENO IN BICI E A SCUOLA

OSCAR TUTTOBICI. MANUEL OIOLI, CRESCIUTO NEL SEGNO DI CONTADOR E ORA...

OSCAR TUTTOBICI. FRANCESCA BARALE PRONTA PER IL GRANDE SALTO CON LA DSM

OSCAR TUTTOBICI. CRISTIAN ROCCHETTA E IL TEMPO CHE SCORRE INESORABILE

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Dries DE BONDT. 10 e lode. Il 30enne passistone belga fa filotto e si porta a casa di tutto e di più: traguardi volanti e quello finale. Prende di tutto, perché lui dopo la beffa di Reggio Emilia (è stato...


Ancora un secondo posto al Giro per Edoardo Affini, il corridore della Jumbo-Visma che dallo scorso ann, sta inseguendo una vittoria di tappa alla corsa rosa. Affini oggi aveva deciso di provare a vincere, con la consapevolezza che le uniche...


Come già accaduto nella prima tappa, Remco Evenepoel impone la sua legge nella terza frazione del Tour of Norway, la Gol - Stavsro di 175 km. Il belga della Quick Step Alpha Vynil a staccato tutti per andare a cogliere...


Non sono su Twitter (per incassare insulti mi basta Facebook, almeno non sono anonimi), non sono su Twitter eppure alla partenza mi mostrano un tweet di Jacopo Guarnieri: “C'è qualcosa di peggio dei giornalisti che si lamentano di una corsa...


Ha vinto un miracolato. Lo sa, lo dice, lo racconta: «Sul traguardo ho lanciato un urlo di incredulità! Ho sempre cercato di inseguire i miei sogni, sono diventato sempre più forte e oggi ho realizzato quel sogno. Siccome più è...


Dopo tante corse al servizio di Girmay e Kristoff, Andrea Pasqualon si ritaglia un giorno da protagonista e vince il Circuit de Wallonie. Nel classico appuntamento belga, il veneto della Intermarché ha preceduto l francese Zingle della Cofidis con Phikippe...


Quarto posto di Davide Gabburo nella diciottesima tappa del Giro d’Italia, con arrivo a Treviso. Tappa che avrebbe dovuto essere l’ultimo arrivo per velocisti della Corsa Rosa, ma i 4 attaccanti impongono un ritmo forsennato e sorprendono tutti. Tra loro...


Velocisti beffati, De Bondt in festa, Affini con il sogno infranto. E la maglia bianca di Lopez finita lontano lontano. Sono questi i verdetti della diciottesima tappa del Giro d'Italia, la Borgo Valsugana-Treviso che tutto è stato tranne che una...


Il francese Jason Tesson ha vinto allo sprint la prima tappa della Boucles de la Mayenne. Il portacolori della St Michel Auber ha preceduto sul traguardo di Andouillé l'olandese Bram Weletn e il francese Thomas Boudat. Per Tesson si tratta...


Grande serenità da parte dei primi tre in classifica dopo il ritiro di Joao Almeida, contagiato dal covid: «Nessun pericolo, sulle salite si è sempre mantenuto a distanza da noi». Imbarazzo di Carapaz e Hindley per le critiche che...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach