LA ISRAEL, SYLVAN ADAMS, L'UCI E LA VERA STORIA DEI RIFUGIATI AFGANI

NEWS | 11/10/2021 | 14:33
di Francesca Monzone

La Israel Start Up Nation da sempre ha dimostrato di avere il cuore grande e oggi l’Unione Ciclistica Internazionale ha ufficializzato il ruolo determinante avuto da Sylvan Adams e dalla sua squadra nel prestare aiuto ai ciclisti afgani, affinchè fossero messi in salvo.


Adams e la sua Isareal Start Up Nation, insieme al CEO della ONG IsraAID Yotam Polizer, hanno avuto sul campo un ruolo fondamentale nel mettere in sicurezza più di 160 persone attraverso un lavoro di evacuazione iniziato nel mese di agosto, dopo la presa di Kabul da parte dei talebani.


Sono stati loro che in Afganistan si sono occupati dei mezzi che hanno portato fuori dal Paese le persone e sempre loro hanno fatto da ponte con i Paesi vicino, che ancora oggi stanno ospitando i profughi afgani, attraverso i visti offerti dall’UCI che ha accolto a settembre il presidente della Federazione Ciclistica Afgana.

Il risultato è arrivato grazie anche all’intervento della FIFA, che ha messo a disposizione un aereo sul quale sono salite, oltre ai calciatori, anche ragazze appartenenti a tante discipline sportive. Un’operazione questa che ha coinvolto oltre 400 atleti, giudici e giornalisti, nonchè il personale impegnato nei vari settori dello sport nel Paese.

Importante è stato l’impegno della Confederazione Ciclcistica Asiatica, ma anche di altri Paesi che in modo attivo hanno offerto il loro aiuto alle ragazze afgane. Delle persone fino ad oggi portate fuori dall’Afganistan, 38 sono arrivate in Svizzera e sono state accolte con affetto dalle autorità governative. Alcune di loro avranno la possibilità di andare al Centro di Formazione e Sviluppo dell’UCI ad Aigle.

Delle persone fino ad oggi portate fuori dall’Afganistan, bisogna precisare che solo alcune sono cicliste ed andranno in Francia, Canada, Israele e Stati Uniti. Lo stato di emergenza ancora non è terminato, così come non è terminato lo straordinario lavoro di Sylvan Adams, del suo team e di IsraAID. Anche l’Italia si sta muovendo con la Federciclismo che, attraverso il Ministero dello Sport, ha offerto aiuto per 12 atleti. Opportunità importanti sono arrivate anche per una delle ragazze più forti della nazionale di ciclismo afgana, Afsana Nawrozi, che oggi è arrivata negli Stati Uniti grazie ad una borsa di studio: lì potrà continuare a correre in bici e proseguire gli studi.

Un altro aiuto concreto sta arrivando dalla Spagna, attraverso una fondazione che ha messo a disposizione delle borse di studio per alcune ragazze, che così avranno la possibilità di studiare e correre in bici attraverso un progetto di sviluppo e promozione del ciclismo Murciano.

Tornando alla Israel Start Up Nation e a Sylvan Adams, dobbiamo ricordare il loro impegno in favore del Ruanda, che nel 2025 ospiterà i Campionati del Mondo di Ciclismo. In questo Paese, dove guerre e povertà non sono mancati, la Israel Start Up Nation, ha creato un progetto importante che si chiama #RacingForChange, attraverso il quale è stata adottata la squadra femminile del Bugesera.

In questi luoghi dove anche la cosa più semplice può diventare difficile, Adams e il suo team hanno portato 50 biciclette e creato una scuola di ciclismo aperta a bambini e giovani, affinchè lo sport e il ciclismo possano rappresentare un modo per far crescere i giovani di questa terra. Tra gli sponsor principali della Israel Start Up Nation, c’è anche l’italiano Valentino Sciotti, che aveva deciso di entrare in questo team con la sua Vini Fantini proprio per il loro messaggio di pace che poteva arrivare attraverso il ciclismo.

Adams e la sua squadra, così come IsraAID e Yotam Polizer, continueranno il loro lavoro, cercando di intervenire, in quelle situazioni, dove pace e aiuti umanitari sono la priorità.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il Team BikeExchange, squadra di ciclismo World Tour maschile e femminile australiana, rinnova la fiducia per la stagione 2022 nell’Istituto delle Riabilitazioni Riba di Torino, che per il secondo anno consecutivo sarà la Clinica ufficiale del Team. Il rinnovo di...


La stagione agonistica si è appena conclusa e ancora una volta chiediamo ai lettori di esprimere il proprio voto per eleggere il miglior tecnico italiano della stagione. Insieme ad alcuni grandi saggi, abbiamo selezionato una rosa di sette tecnici per...


Si chiama Tomas Van Den Spiegel ed è il CEO di Flanders Classics. Arriva dal basket e con i suoi 214 cm di altezza vuole riscrivere le leggi del ciclocross. Presidente della Lega Europea del Basket, nel suo passato ci...


I mondiali di Roubaix hanno entusiasmato l’Italia del pedale che ha applaudito i risultati migliori sempre - 10 medaglie complessive - al termine di una settimana eccezionale.Un’emozione che ha coinvolto anche chi le imprese azzurre ha raccontato come Marco Cannone,...


Tra iscrizione al World Tour 2022 ancora mancante, svincolamento dei corridori e ricerca di sponsor last minute, le ultime due settimane hanno fatto sorgere una fatidica domanda tra gli appassionati di ciclismo: che ne sarà della Qhubeka? L'abbiamo chiesto direttamente...


Conclusione in volata per l'Oscar tuttoBICI Gran Premio Eolo riservato agli Esordienti di secondo anno (nati nel 2007): dopo una lotta serratissima il successo è andato al trentino Alessio Magagnotti, portacolori della CC Forti e Liberi. Novantanove i punti conquistati...


Tempo di festeggiamenti in casa della Scuola Ciclismo Mincio Chiese. A pedali fermi e stagione agonistica portata a termine, il sodalizio mantovano si è dato appuntamento a Ceresara per chiudere il 2021. Con i saluti del consigliere comunale con delega...


System Cars e Alka rafforzano, ancora di più, la loro collaborazione con il Comitato Regionale della Lombardia. Le due aziende che nella stagione 2021 hanno già affiancato numerose iniziative del Comitato a favore dell’attività giovanile, rinnovano il loro impegno in...


Nasce a Napoli la prima scuola di ciclismo riconosciuta dalla Federazione Ciclistica Italiana. La Bike School Napoli è gestita dall’associazione sportiva dilettantistica Emmevi con Mario Fontana come direttore tecnico che opera sul territorio metropolitano da dieci anni...


Una bella novità in Toscana a sostegno dell’attività del paraciclismo, frutto di un accordo raggiunto tra Publiacqua e Comitato Regionale Toscana che sarà presentato domenica mattina 24 ottobre a Campi Bisenzio in occasione della gara nazionale di Handbike “Gastone Nencini...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO
SONDAGGIO
OSCAR TUTTOBICI 2021. SCEGLIETE IL MIGLIOR TECNICO ITALIANO DELL'ANNO
I voti dei lettori saranno conteggiati insieme a quelli di una giuria di addetti ai lavori e giornalisti specializzati





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI