QUANDO L'AIUTO NON AIUTA

NEWS | 08/08/2021 | 07:53
di Silvano Antonelli

 


Domenica scorsa, 1 agosto, a Montallese (SI), qualcosa di imprevedibile ha turbato il normale  svolgimento della 51ª Coppa “Grand’Ufficiale Francesco Bologna”: gara nazionale Elite/Under23, organizzata dalla ASD Montallese e diretta dagli esperti Enzo Amantini e Paolo Maraffon. Un episodio dagli strascichi contenuti ma interessante da conoscere per non ripeterlo.


Al momento di partire, due auto del Commissariato della Polizia di Stato di Chiusi hanno bloccato l’uscita della gara dal luogo di ritrovo, impedendone la partenza, fino a quando, conclusi gli indispensabili e accesi chiarimenti tra Polizia, direzione corsa, Sindaco ed altri ancora, la corsa ha potuto muovere. Purtroppo con 45 minuti di ritardo e la riduzione del chilometraggio per non andare oltre gli orari previsti nell’ordinanza della Prefettura di Siena.

Come in tutte le corse che non hanno i crismi di quelle a tappe o delle classiche professionistiche, gli organizzatori, oltreché la scorta al seguito, avevano predisposto un adeguato servizio di personale a terra per il presidio degli incroci e dei punti più pericolosi, secondo quando convenuto con gli stessi Comandi di Polizia locale. 

Ovviamente, come sempre in questi casi, dando ordine ai volontari di iniziare il presidio con il giusto anticipo rispetto agli orari scanditi dalla tabella di marcia, almeno 15 minuti prima come recita il disciplinare tecnico, considerato che si trattava di attuare una normale sospensione temporanea della circolazione del traffico per una corsa che doveva partire alle ore 13.00 e non di una chiusura totale.

Circostanze non del tutto calcolate, a quanto pare, dagli  agenti del Commissariato di Chiusi, i quali, verso mezzogiorno, osservando il percorso ancora sguarnito, si precipitavano al ritrovo della gara impedendone la partenza contestando agli organizzatori l’inosservanza delle concordate misure preventive di sicurezza.

Una situazione sorprendente quanto imbarazzante, ingiusta per i corridori e per gli organizzatori, costretti a ritardare la gara fino a quando, i malcapitati direttori di corsa, col passare del tempo hanno potuto dimostrare che i volontari avevano comunque raggiunto le proprie postazioni, anche quelle più lontane, come in ogni caso avrebbero fatto senza essere sollecitati anticipatamente.

Fosse stata una giornata fredda di marzo/aprile, la corsa la si sarebbe dovuta annullare per tutelare la salute dei concorrenti che non avrebbero potuto sopportare una attesa così lunga, con le conseguenze che ciascuno può immaginare, così come non è giusto avvilire lo sforzo e la professionalità degli organizzatori per interventi del potere pubblico non supportati da una specifica conoscenza dell’evento a cui s’intende dare conforto nell’interesse della collettività.

Il contributo delle Questure per la sicurezza delle gare ciclistiche, in questi ultimi tempi, è sensibilmente cresciuto, sia sul piano della prevenzione che della messa in campo di un numero maggiore di pattuglie di Polizia e Carabinieri.

Un orientamento ed una disponibilità a tutto vantaggio del ciclismo e della sua promozione che, però, come il caso di Chiusi suggerisce, in molti territori manca ancora del dovuto coordinamento istituzionale ed operativo tra tutti i soggetti interessati: Strutture FCI, Prefetture, Questure, Polizia Stradale e Comandi di Polizia Locale, come invece potrebbe essere con l’istituzione dei “tavoli di concertazione” che il Ministero dell’Interno va proponendo ai Prefetti, dal lontano 1997, ma che solo pochi hanno ritenuto istituire.

Esiste inoltre un disciplinare tecnico, con una marcata definizione dei doveri, compiti e  responsabilità, che tanto dovrebbe spingere alla chiarezza, ma che, purtroppo, stenta a farsi conoscere oltre gli organizzatori e i direttori di gare ciclistiche, che aiuterebbe anche a stroncare sul nascere immotivati stati di apprensione per la sicurezza delle gare ciclistiche.  

Un insieme di circostanze e condizioni per le quali molti auspicano che la FCI sappia agire con l’adeguata tempestività ed efficacia che il mutare dei tempi impone.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La stagione agonistica si è appena conclusa e ancora una volta chiediamo ai lettori di esprimere il proprio voto per eleggere il miglior tecnico italiano della stagione. Insieme ad alcuni grandi saggi, abbiamo selezionato una rosa di sette tecnici per...


Si chiama Tomas Van Den Spiegel ed è il CEO di Flanders Classics. Arriva dal basket e con i suoi 214 cm di altezza vuole riscrivere le leggi del ciclocross. Presidente della Lega Europea del Basket, nel suo passato ci...


I mondiali di Roubaix hanno entusiasmato l’Italia del pedale che ha applaudito i risultati migliori sempre - 10 medaglie complessive - al termine di una settimana eccezionale.Un’emozione che ha coinvolto anche chi le imprese azzurre ha raccontato come Marco Cannone,...


Tra iscrizione al World Tour 2022 ancora mancante, svincolamento dei corridori e ricerca di sponsor last minute, le ultime due settimane hanno fatto sorgere una fatidica domanda tra gli appassionati di ciclismo: che ne sarà della Qhubeka? L'abbiamo chiesto direttamente...


Conclusione in volata per l'Oscar tuttoBICI Gran Premio Eolo riservato agli Esordienti di secondo anno (nati nel 2007): dopo una lotta serratissima il successo è andato al trentino Alessio Magagnotti, portacolori della CC Forti e Liberi. Novantanove i punti conquistati...


Tempo di festeggiamenti in casa della Scuola Ciclismo Mincio Chiese. A pedali fermi e stagione agonistica portata a termine, il sodalizio mantovano si è dato appuntamento a Ceresara per chiudere il 2021. Con i saluti del consigliere comunale con delega...


Nasce a Napoli la prima scuola di ciclismo riconosciuta dalla Federazione Ciclistica Italiana. La Bike School Napoli è gestita dall’associazione sportiva dilettantistica Emmevi con Mario Fontana come direttore tecnico che opera sul territorio metropolitano da dieci anni...


Una bella novità in Toscana a sostegno dell’attività del paraciclismo, frutto di un accordo raggiunto tra Publiacqua e Comitato Regionale Toscana che sarà presentato domenica mattina 24 ottobre a Campi Bisenzio in occasione della gara nazionale di Handbike “Gastone Nencini...


Non si è interrotta neanche nel 2021 la tradizione positiva che lega il Bici Club Spoleto “Castellani Impianti” al Circuito dei Due Mari, giunto al termine domenica 24 ottobre con la Gran Fondo Città di Fara in Sabina. La compagine...


«Non vedo l'ora di sistemare la situazione del mio cuore che in questa fase è stato ballerino. Si sono verificati un paio di piccoli episodi in corsa in cui la frequenza era salita ed ora abbiamo deciso di risolvere il...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO
SONDAGGIO
OSCAR TUTTOBICI 2021. SCEGLIETE IL MIGLIOR TECNICO ITALIANO DELL'ANNO
I voti dei lettori saranno conteggiati insieme a quelli di una giuria di addetti ai lavori e giornalisti specializzati





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI