TRE CORRIDORI DENUNCIANO IL GRUPPO: RUOTE SOSPETTE, RUMORI STRANI E QUELLE BEVANDE

TOUR DE FRANCE | 17/07/2021 | 09:14
di Guido La Marca

Altro che insinuazioni giornalistiche, qui siamo alla delazione, a gole profonde e lingue biforcute, corridori (tre, assicurano francesi) che hanno denunciato alcuni fatti, dopo averli vissuti sulla propria pelle e in mezzo al gruppo. Corridori che hanno detto basta, così non va e hanno denunciato rumori strani che provengono dalle ruote di quattro team, i più vincenti di questo Tour. Accuse pesanti, che la dicono lunga sul clima che si è venuto a creare. Adesso le autorità compententi stanno cercando di capire l’origine di questi rumori sospetti, ma hanno posto le attenzioni anche su alcune bevande.


Anonimamente, uno di loro ha segnalato - racconta il quotidiano svizzero “Le Temps” - "strani rumori metallici" provenire dalle ruote posteriori di quattro squadre, tra queste il Baharain che ha ricevuto mercoledì scorso la visita dei gendarmi. «È un rumore metallico, come una catena mal regolata. Non si tratta più di un motore nelle bielle o di un sistema elettromagnetico nei cerchioni, ma di un dispositivo nascosto nel mozzo. Potenza attraverso i freni. L'inerzia è memorizzata come in F1», spiega al quotidiano elvetico uno delle tre gole profonde


Sotto la lente delle autorità competenti, sono finite anche alcune bevande. Alcune lattine che diversi ciclisti ricevono nelle fasi conclusive delle tappe. «Chi l'ha fatto ci ha detto che non sapeva cosa stava bevendo», spiegano. I sospetti cadono sui già famosi chetoni (bruciano i grassi per produrre energia) e gli idrogel di Maurten (permettono una maggiore conduzione degli zuccheri): è da tempo che sono sulla bocca di tutti.

 

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Se
17 luglio 2021 09:41 noel
fosse, sarebbe il colpo di grazia...

KEERS
17 luglio 2021 09:53 Hal3Al
si chiama.eco perchè fanno i 50 di media...ma anche basta gettare letame,questa cultura del sospetto fa solo male al nostro sport.
I controlli ci sono su mezzi e atleti e non pochi.
Se parlate supportate anche con delle prove.

errata corrige
17 luglio 2021 10:06 Hal3Al
Kers e "ecco",scusate gli errori.

le prove
17 luglio 2021 10:31 alerossi
ho solo letto gente parlare a caso, senza mai portare prove certe. quindi se non hai le prove, stai zitto.

ma io dico
17 luglio 2021 10:35 Line
allora perché subito dopo la gara , non vanno con la polizia e prendono le bici di quelli che si sentono i rumori ? ma facciamola finita come quando si diceva che usavano i motorini ...chi ne ha guadagnato di più da quella storia ... come sempre chi li fa e chi li vende ...

Verbo volant........
17 luglio 2021 11:18 Carmelino53
Come al solito chiacchiere a vuoto.........

aspettiamo
17 luglio 2021 11:30 mandcu
il doping meccanico c'è stato nella storia del ciclismo, ma ritengo che sia molto difficile da attuare... se sentite questi rumori chiamate la polizia a fine tappa...
sicuramente è solo questione di tempo e scoppierà un nuovo scandalo, le vittorie slovene, le medie altissime, il volare in salita, la polizia....

files
17 luglio 2021 12:05 limatore
il sequestro dei files penso che vada in questa direzione. Performance eccessive e pochi watt darebbero di che sospettare. Certo se poi si dice troppi watt = doping non se ne esce più. mettiamo il limitatore e giaochiamoci le vittorie a briscola.

imbarazzanti
17 luglio 2021 12:18 VERGOGNA
w gli omertosi e quelli che credono alle favole

Chiacchiere.....
17 luglio 2021 12:31 GianEnri
E' dai tempi di Cancellara, Hesjedal e da ultimo Roglic che si parla di aiuti elettronici e non mi pare si sia mai dimostrato nulla. I signori "aspettiamo" continuino ad aspettare ma nel frattempo si dedichino a guardare altri sport anche perché il ciclismo non ha bisogno di invidiosi e sospettosi.

come diceva Mina
17 luglio 2021 13:43 fransoli
parole, parole, parole... e poi come hanno già scritto altri utenti sopra, sarebbe la cosa più facile da scoprire... fai una denuncia all'autorità competente che a fine tappa sequestra il mezzo sospetto e lo smonta pezzo per pezzo.... ma nessuno lo fa... si preferisce mandare 50 agenti a perquisire un hotel sperando di trovare chissà che cosa.... tutto molto surreale

QUALCUNO DEVE SPIEGARE L'IMPOSSIBILE
17 luglio 2021 14:25 soichan41
Dobbiamo constatare che ormai i campioni nascono solo in Slovenia e mica campioni ma campioni irresistibili.....ed instancabili!!!!!
Il ciclismo ( ma forse dello sport in genere) è pulito?...alle medie attuali non resisterebbe neanche una moto di piccola cilindrata e le medie tendono addirittura a salire.
Jai Hindley e Tao Geoghegan Hart che hanno spopolato al Giro del 2020 che fine hanno fatto? Il primo al Giro di quest'anno sparito e mai in gara il secondo all'attuale Tour è 60° in classifica ad oltre 2 ore e trenta!!!!!
Come mai campioni irresistibili all'improvviso e schiappe incredibile sempre all'improvviso?
Tutti i creduloni mi potrebbero dare una risposta in merito?

ASPETTIAMO
17 luglio 2021 14:55 libero pensatore
Come si dice,non c'è fumo senza arrosto,se c'è qualcosa di losco verrà fuori,che ci siano cose strane mi sembra lampante.

La semplice verità
17 luglio 2021 15:24 pickett
Vent'anni fa si sosteneva che il doping fosse sempre un passo avanti all'antidoping.Oggi non é più un passo avanti,é un km avanti.Ai corridori di squadre con 100 miliardi di budget, i controlli antidoping fanno un baffo.Immagino le loro risate dopo ogni controllo.Infatti non beccano + nessuno,a parte qualche povero ragazzo delle squadrette continental,che ricorre a sostanze ormai preistoriche come EPO e cortisone.E non c'é nulla da fare;quarant'anni fa l'esimio Prof. Conconi ha aperto una porta che,lo si sapeva fin da allora,non si sarebbe mai più potuta chiudere.

Aspettiamo sempre
17 luglio 2021 15:25 GianEnri
Signor Aspettiamo, ci indichi cortesemente le cose strane che Lei ha visto

Quelli che sanno tutto
17 luglio 2021 15:39 GianEnri
Caro Pickett, volevo commentare il tuo assurdo post su Mohric ma era troppo complicato spiegarti il ciclismo e pertanto ci rinuncio. Tu sai tutto

GianEnri
17 luglio 2021 16:30 Finisseur
Mi sa che spieghi poco tu. Mi sa che dentro il ciclismo ci sei poco o se ci sei hai interesse ad essere omertoso come molti. Ciò che ha scritto qui picket è il segreto di pulcinella

Watts e Record Salite
17 luglio 2021 16:49 Stefazio
Non so se c'è qualcuno che fa il furbo, ma mi sembra che le prestazioni degli ultimi 10 anni siano molto in linea con quello che i fisiologi indicano come il confine tra una prestazione pulita ed una dopata. Cioé, all'incirca 6,2/6,3 watt-kg per una prestazione di 45 minuti a fine tappa. E quindi 400/420 watt per ciclisti di 65 kg circa. Carapaz sul Col de Portet ha fatto segnare 364 watt per 50 minuti. 6,03 watt/kg. Vingegaard sul Ventoux con 48'24", pur staccando Pogacar, ha preso quasi 3 minuti da quelli del Tour 1994 che correvano con bici in acciaio e non si preparavano sul Teide ...

Lence
17 luglio 2021 19:27 mcipo
Come ha detto un campionissimo cancellato dagli albi del ciclismo:
Finché ci sarà aria sui copertoni ci sarà doping...... Come contraddirlo tanto meno biasimarlo

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Dries DE BONDT. 10 e lode. Il 30enne passistone belga fa filotto e si porta a casa di tutto e di più: traguardi volanti e quello finale. Prende di tutto, perché lui dopo la beffa di Reggio Emilia (è stato...


Ancora un secondo posto al Giro per Edoardo Affini, il corridore della Jumbo-Visma che dallo scorso ann, sta inseguendo una vittoria di tappa alla corsa rosa. Affini oggi aveva deciso di provare a vincere, con la consapevolezza che le uniche...


Come già accaduto nella prima tappa, Remco Evenepoel impone la sua legge nella terza frazione del Tour of Norway, la Gol - Stavsro di 175 km. Il belga della Quick Step Alpha Vynil a staccato tutti per andare a cogliere...


Non sono su Twitter (per incassare insulti mi basta Facebook, almeno non sono anonimi), non sono su Twitter eppure alla partenza mi mostrano un tweet di Jacopo Guarnieri: “C'è qualcosa di peggio dei giornalisti che si lamentano di una corsa...


Ha vinto un miracolato. Lo sa, lo dice, lo racconta: «Sul traguardo ho lanciato un urlo di incredulità! Ho sempre cercato di inseguire i miei sogni, sono diventato sempre più forte e oggi ho realizzato quel sogno. Siccome più è...


Dopo tante corse al servizio di Girmay e Kristoff, Andrea Pasqualon si ritaglia un giorno da protagonista e vince il Circuit de Wallonie. Nel classico appuntamento belga, il veneto della Intermarché ha preceduto l francese Zingle della Cofidis con Phikippe...


Quarto posto di Davide Gabburo nella diciottesima tappa del Giro d’Italia, con arrivo a Treviso. Tappa che avrebbe dovuto essere l’ultimo arrivo per velocisti della Corsa Rosa, ma i 4 attaccanti impongono un ritmo forsennato e sorprendono tutti. Tra loro...


Velocisti beffati, De Bondt in festa, Affini con il sogno infranto. E la maglia bianca di Lopez finita lontano lontano. Sono questi i verdetti della diciottesima tappa del Giro d'Italia, la Borgo Valsugana-Treviso che tutto è stato tranne che una...


Il francese Jason Tesson ha vinto allo sprint la prima tappa della Boucles de la Mayenne. Il portacolori della St Michel Auber ha preceduto sul traguardo di Andouillé l'olandese Bram Weletn e il francese Thomas Boudat. Per Tesson si tratta...


Grande serenità da parte dei primi tre in classifica dopo il ritiro di Joao Almeida, contagiato dal covid: «Nessun pericolo, sulle salite si è sempre mantenuto a distanza da noi». Imbarazzo di Carapaz e Hindley per le critiche che...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach