L'ORA DEL PASTO. PICCOLA FENOMENOLOGIA DEL CICLISMO

LIBRI | 14/04/2021 | 07:30
di Marco Pastonesi

E’ un piccolo mondo antico, quello del ciclismo. Centocinquant’anni di storia e di storie. Bici e gomme, corse e corridori, fughe e inseguimenti, vittorie e abbandoni, campioni e gregari, volate e scalate. Ma anche teorie e pratiche, regole e comandamenti, emozioni e sensazioni, pensieri rotondi e immagini leggere, espressioni gergali e parole definitive.


E’ un piccolo mondo antico, quello del ciclismo. In due ore di diretta tv e in altrettante di pedalate stradali si va da Ganna (Luigi, il primo vincitore del Giro d’Italia, anno 1909) a Ganna (Filippo, l’ultima maglia rosa italiana al Giro, anno 2020), dal Diavolo Rosso (il soprannome di Giovanni Gerbi) al dio di Roserio (il romanzo di Giovanni Testori), dalla borraccia di Bartali e Coppi a quella di Michael Schaer, dalle uova di Binda alle trasfusioni di Armstrong.


E’ un piccolo mondo antico, quello del ciclismo. Centrifugato e selezionato, studiato e osservato, ragionato e filosofeggiato, oserei dire biofilizzato, dà vita a una “Piccola fenomenologia del ciclismo su strada”, 228 pagine sentite e scritte da Paolo Pascucci per Aras Edizioni (16 euro, da domani nelle librerie)). La prefazione di Stefano Pivato, l’introduzione dedicata a Gianni Mura, qualche spiegazione personale, familiare, operativa sul titolo, sulla copertina, sul genere. E poi, pronti-via, un’indagine, non tanto piccola (le note ai piedi delle pagine danno l’idea della profondità della ricerca, ma anche della ricchezza della materia), sull’analisi dei fenomeni così come appaiono alla coscienza e all’esperienza.

Pascucci – del 1954, marchigiano di Pesaro, abitualmente si occupa di diritto del lavoro, con cattedra all’Università di Urbino – divide la materia in tre grandi capitoli: il primo (individuale o di squadra?) scompone e ricompone il mondo delle corse, il secondo (spigolature sul ciclismo su strada) radiografa gli elementi che insieme formano, caratterizzano e distinguono uno sport “diverso”, il terzo (il mito della completezza e il dilemma del più grande) riassume e sublima quello che da sempre rimane la più allegra e irrisolvibile discussione da bar e da salotto, da aula e da studio, da gruppo e da scrivania.

Il bello è che Pascucci anatomizza e sviscera, ma poi si schiera. Sul doping: “Se c’è uno sport che ha pagato prezzi altissimi sull’altare della lealtà sportiva, a costo quasi di sparire, e che nel contempo ha tuttavia messo in campo ingenti risorse per contrastare e debellare i fenomeni di dooing, quello è stato ed è proprio il ciclismo su strada”. Sul futuro: “Nessuno si stupirebbe se un fenomeno come Wout Van Aert, dopo aver vinto consecutivamente tre campionati del mondo di ciclocross, oltre a numerose corse in linea”, “riuscisse prima o poi a imporsi anche nelle grandi corse a tappe”. Sulla sicurezza: “Come purtroppo insegna la tragica fine di Michele Scarponi, il pericolo non finisce certo quando termina la corsa perché anche l’allenamento necessariamente si effettua sulle strade, le quali tuttavia in tal caso tornano a essere proprio di tutti”. Sulla sua essenza, che è anche il suo destino: “Coraggio, abnegazione, capacità di soffrire, solidarietà e spirito di gruppo, senso del dovere, ma anche voglia di primeggiare quando se ne ha il diritto e lo si merita: valori fondamentali in questo sport come nella vita d’ogni giorno alla quale esso tanto somiglia”.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
C'è anche la Francia nel calendario della Vini Zabù che aprirà un mini ciclo di corse in terra francese con il Tour d'Eure et Loir in programma dal 14 al 16 maggio. Tre le frazioni che verranno affrontate dal team...


Joao Almeida non ci sta e questa mattina al villaggio di partenza di Piacenza ha avuto il suo bell'impegno: il portoghese ha incontrato la giuria per spiegare che ieri non ha commesso alcuna infrazione e quindi non meritava l'ammonizione (accompagnata...


Difficile marcare il campo d’azione di una gravel, del resto questa speciale bici intrappola il neofita, lo stradista e il biker in cerca di nuove emozioni. Tutto accade come una esperienza quasi ancestrale e per come la vedo io, vi...


Wout van Aert potrebbe essere costretto a cambiare i suoi programmi di avvicinamento al Tour de France. Il belga della Jumbo Visma, infatti, è stato operato per una appendicectomia. Scrive il quotidiano belga Het Laatste Nieuws che Van Aert era...


La stagione di Thibaut Pinot rischia davvero di trasformarsi in calvario. Lo si capisce chiaramente dalle parole del general manager della Groupama-FDJ Marc Madiot rilasciate ad Eurosport francese: «C'è una possibilità su un milione di vedere Thibaut al via del...


Tramite il canale del tam-tam sempre attivo, seppure assai stagionato, degli specialisti del mezzofondo - gli “stayer” di collaudata esperienza a livello internazionale che guidavano le mastodontiche cilindrate dei tempi che furono sulle piste di tutto il mondo - è...


E’ tappa tutta emiliana questa quarta frazione, la prima al di fuori del Piemonte per il Giro d’Italia n. 104, con un percorso che conduce dal cuore della Pianura Padana, Piacenza, a Sestola, sull’Appennino Modenese. L’altimetria propone una prima parte...


Davide Cimolai la vittoria l’ha cercata e l’arrivo a Canale lo aveva cerchiato sul suo Garibaldi come uno degli obiettivi possibili da raggiungere. Voleva vincere e dedicare il successo alla sua compagna, a casa, che tra pochi giorni darà alla...


Storie di corse e di corridori, di maglie e di mogli, di tappe e di toppe, di scatti e di cotte, e perfino di qualche vittoria. La seconda puntata è dedicata a Sandro Quintarelli: Ciamberle. Accadde al militare: gli fecero...


Geoffrey Bouchard della AG2r Citroen e Callum Scotson della BikeExchange nella seconda tappa, Samuele Zoccarato della Bardiani CSF Faizané e Joao Almeida della Deceuninck Quick Step nella terza tappa. Sono i quattro corridori sanzionati finora dalla giuria per lancio di...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155