GATTI & MISFATTI. SIGNOR FUGLSANG, ABBASSARE UN PO' LE ARIE

GIRO D'ITALIA | 12/10/2020 | 14:39
di Cristiano Gatti

Egregio signor Jakob Fuglsang, approfitto di questa giornata riposante per inviarle due righe sentite e doverose in merito al suo atteggiamento in questo strano Giro 2020. Mi riferisco in particolare all'intervista in cui spiega i suoi rapporti con Nibali, cordiali come quelli tra Biden e Trump, con tanto di spiegazione: “Abbiamo corso quattro anni assieme all'Astana, ma in questo Giro non ci parliamo. Lui mi ignora. Magari fatica ad accettare che io ultimamente sia più forte di lui”, eccetera, eccetera.


Naturalmente non ho la minima intenzione di intromettermi nelle vostre questioni personali: nessuno, dal di fuori, può sapere se vi dividano conti arretrati. Cose vostre, le conoscete davvero soltanto voi. E nessuno deve impicciarsi.


A me, dal di fuori, preme soltanto farle presente un risvolto che riguarda e coinvolge tutto il pubblico del Giro, tifosi e non tifosi suoi, tifosi e non tifosi di Nibali. Per dirla in breve, riguarda il tono del suo dire e l'importanza che si dà nel porsi davanti a tutti quanti.

Va bene, a forza di ricevere no grazie da tanti big prima ancora di cominciare, a forza di veder saltare i pochi presenti, come Thomas e Yates, è chiaro che attualmente lei può godere della carica di favorito. Lo sarei anch'io, se corressimo in due.

Ma se lo lasci dire in tutta franchezza: le arie e la postura che si dà non sono giustificate da altro. Non lo dico io che magari sono una carogna, lo dice la sua ormai lunghissima carriera. Basta andarla a rivedere, come ho fatto io perchè non mi piace mai dire così per dire. A beneficio di chi magari si è lasciato convincere dai suoi toni padronali, riassumo velocissimamente: di veramente sostanzioso, a 35 anni e mezzo, lei può vantare la Liegi del 2019 e il Lombardia di quest'anno (strampalato). Aggiungiamoci doverosamente anche l'argento olimpico a Rio 2016, che comunque è una sconfitta.

In ogni caso, siamo già alla conclusione. Oltre tutto, restiamo sempre nel campo delle corse in linea, un giorno da leoni e morta lì. Se passo ai grandi giri, di cui stiamo parlando in questi giorni, il curriculum sarebbe da buttarla fuori a calci nel didietro in qualunque colloquio di lavoro: miglior risultato al Tour il settimo posto del 2013, su nove partecipazioni, miglior risultato al Giro 12esimo posto nel 2016, miglior risultato alla Vuelta decimo nel 2011.

Questo per dirle che magari Nibali non sarà più quello dei trent'anni, tant'è vero che magari quest'anno le riuscirà di batterlo, ma che al momento niente l'autorizza a darsi tutte queste arie da capobastone. L'idea mia, senza mancarle di rispetto, sarebbe che queste arie andrebbero un po' abbassate, in rapporto alla sua effettiva statura e al suo reale prestigio.

E per piacere non ci provi nemmeno a dire che sono il solito italiano provinciale e partigiano, subito pronto a difendere il suo compare: l'anno scorso Nibali fece un po' il bulletto con Roglic, salendo a Ceresole, gli disse una cosa del tipo ei amico, se non tiri vorrà dire che vedrai il trofeo del Giro a casa mia, ti posso invitare, così ti lucidi la vista. Puntualmente, in tanti glielo facemmo pesare. Pure troppo, dopo tutto.

Di più. Posso garantirle che tutti noi italiani siamo pronti a riconoscerle le previste celebrazioni in caso di un suo trionfo nella bislacca edizione 2020 del Giro. Promessa solenne. Però, prima di fare il bullo, cominci a vincerlo sul serio. Se davvero Nibali muore d'invidia nei suoi confronti, ci faccia capire perchè, dominando questa corsa. A 35 anni e mezzo, per qualunque uomo, non è più il tempo delle parole: contano e restano solo i fatti. D'altra parte, anche a lei non restano più tante occasioni: alla sua bella età, deve ancora dimostrare di saperlo reggere, un grande giro, prima ancora di vincerlo. Sotto questo profilo, Nibali non deve dimostrare più nulla. Eppure sta zitto, non sta a rivangare niente, le corre al fianco da avversario e fa di tutto per batterla un'altra volta.

D'altronde, non sta scritto da nessuna parte che due avversari debbano amarsi e magari pure sposarsi. Neppure se hanno corso nella stessa squadra per quattro anni. Se Nibali non le rivolge la parola, avrà i suoi motivi. Ne trovi uno per tacere anche lei. E pedalare. E vincere. Nell'attesa, se le riesce, abbassare un po' le arie. Magari diventa pure più aerodinamico.

Copyright © TBW
COMMENTI
Foulsang
12 ottobre 2020 16:33 Anbronte
Solito italiano, provinciale e partigiano.

Quasi d'accordo
12 ottobre 2020 16:58 runner
Sono quasi d'accordo lei signor Gatti: Fulgsang poteva evitare di rivelare i fatti loro, così si sarebbero evitate polemiche e parole (anche se voi giornalisti, forse, in questi case non vedete l'ora che succedano...).
Concordo con lei sull'autogol di Nibali al Giro dello scorso anno: le sue parole verso Roglic sono state davvero di cattivo gusto (e Roglic, successivamente, ha dimostrato di meritare ben altro rispetto).
Riguardo al valore di questo Giro, giudicato bislacco e in tono minore, non sono d'accordo. Se campioni come Thomas e Lopez sono caduti (per sfortuna o disattenzione e se Yates si è ritirato per febbre, questo non deve togliere valore a chi vinverà questo Giro. Chiunque sia. A questo proposito faccio una riflession: come si sarebbe dovuto giudicare il Tour de France vinto dal grande Pantani, decimato dalle vicende doping che ha visto arrivare a Parigi una novantina di corridori ? Nessuno oserebbe dire che Pantani abbia vinto un Tour con meno valore...

runner
12 ottobre 2020 18:43 alerossi
è un giro super noioso come quello 2019. il percorso è bello solo per i paesaggi, ma per la corsa non dice nulla. a parte nibali che corridori ci sono? non c'è una squadra tipo jumbo che controlla la corsa e i big non vanno a giocarsi le tappe. troppe fughe all'arrivo, come dice gregorio, è simbolo di mancato spettacolo.

ARIE
12 ottobre 2020 21:10 libero pensatore
Daccordo con il signor Gatti, ma chi si crede essere Fulgsang ha vinto qualche grande giro?Il giro è noioso per chi capisce poco di ciclismo.

Rode???
12 ottobre 2020 21:42 9colli
Davvero rode così tanto criticare Nibali??? Bravo Fulsang !!!

Veramente...
12 ottobre 2020 23:15 pickett
Se in gruppo c'é un attaccabrighe,questo è proprio Nibali,che ha litigato un po' con tutti.Facciamo l'elenco:Contador,Evans,Froome,Dumoulins,Roglic...Mi pare che qualcuno abbia la memoria corta.

Pozzovivo
12 ottobre 2020 23:38 navotonat
Se non cade, questo strano Giro lo vi nce Pozzovivo. È in forma strepitosa e non ha nulla da perdere

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Anche se non potrà ancora andare in bici, Remco Evenepoel è tornato in Spagna per restare con i suoi compagni di squadra. Il giovane talento belga, dopo una battuta d’arresto nel percorso di recupero, era rientrato in Belgio ma, dopo...


È un periodo di difficile per i lavoratori, costretti a fare i conti con una crisi economica dirompente, ma anche per i bambini e ragazzi, obbligati a restare in casa nei mesi che dovrebbero essere i più spensierati della loro...


Gli organizzatori della Volta a Catalunya hanno ufficializzato le wildcard per la corsa che si disputerà nel mese di marzo. Accanto alle 19 squadre di WorldTour e alla Alpecin Fenix che è invitata di diritto, le wildcard sono state assegnate...


La Groupama FDJ cambia le carte in tavola e soprattutto cambia obiettivo per i suoi grandi leader: nel 2021 Arnaud Demare andrà a caccia di volate al Tour de France mentre Thibaut Pinot tornerà al Giro d’Italia per dare la...


Il campione del mondo Julian Alaphilippe inizierà la sua ottava stagione da professionisa pro tra tre settimane al Tour de la Provence, che si svolgerà tra l'11 e il 14 febbraio. Creata cinque anni fa, la gara avrà ancora una...


Si allunga la lista delle corse cancellate di inizio stagione a causa dell'emergenza epidemiologica: le ultime a dare forfait sono state il Saudi Tour (2-6 febbraio) e il Tour of Oman (9-14 febbraio), entrambe organizzate dal gruppo ASO. La spiacevole...


Il Giro d’Italia si prepara a tornare a Sestola e Giulio Ciccone e tornare sul luogo... del delitto! La notizia arriva direttamente dal Governatore della regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini: ospite a Trc per commentare la partita del Modena contro la...


Per celebrare il suo centenario, Shimano annuncia con orgoglio l’estensione della partnership con Amaury Sport Organization (ASO), proprietaria di prestigiose gare a tappe come il Tour de France, la Vuelta, la Parigi-Nizza e il Critérium du Dauphiné, oltre a prestigiose...


Dopo 20 anni trascorsi a pedalare Federico Zurlo volta pagina, scende dalla bici e lo fa senza rumore. Non è un tipo che drammatizza, ma è un addio amaro, immaginava un finale diverso. Smette per mancanza di opportunità: dopo due...


Mentre parte del team è impegnato sulle strade del Venezuela dove si sta svolgendo in questi giorni la Vuelta al Tachira, 10 atleti della Bardiani CSF Faizanè questo mercoledì 20 gennaio voleranno in direzione di Valencia per il primo training...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155