CITRACCA. «ASPETTIAMO CONFERME, MA PER LE PROFESSIONAL E' DURA»

PROFESSIONISTI | 16/04/2020 | 08:20
di Giorgia Monguzzi

 

Il Covid 19 ha bloccato il mondo. Una pandemia che non ha risparmiato nessuno stato e nessun settore, lo sport in particolar modo. Il ciclismo è ormai fermo da settimane e sono sempre maggiori le ipotesi di una possibile ripartenza, ma anche la consapevolezza che sarà tutt’altro che semplice.

L’incertezza è grande, sia nelle realtà piccole che grandi, così come ci ha raccontato Angelo Citracca, general manager della Vini Zabù KTM. Con lui abbiamo abbiamo avuto modo di discutere della situazione attuale e dei possibili scenari, tra corse internazionali e gestione delle squadre, tra timori e consapevolezze. 

Come stai vivendo questa situazione?

«È una continua attesa. Si cerca vivere settimana per settimana cercando di capire quali siano le disposizioni del governo e dell’Uci per il calendario, ma ad ogni settimana si assiste ad uno slittamento. Ormai non si è più sicuri di nulla, qualche giorno fa avevamo uno scenario che ora è completamente diverso. Ieri hanno confermato la data del Tour, adesso aspettiamo maggiori indicazioni sulle altre corse anche perché vorremmo essere in grado di dire qualcosa di più ai ragazzi». 

Come state gestendo gli atleti?

«Con i nostri ragazzi abbiamo un contatto diretto, ci siamo preoccupati di fornire a chi non lo aveva il materiale per fare i rulli in casa, in più c’è il costante supporto medico, così se qualcuno dovesse avere qualche problema lo può subito risolvere. Quello che forniamo è un valido supporto, però abbiamo deciso di dare la libertà di scegliere come gestirsi. È un momento difficile e pensiamo che sia giusto così, è impossibile imporre di fare tre ore di rulli al giorno, ma sono sicuro che nonostante tutto ciò i ragazzi sappiano che devono allenarsi e che comunque lo facciano al meglio».

Di pari passo all’epidemia continuano le ipotesi legate alle gare, la stagione si allungherà fino a novembre. Cosa ne pensi?

«Tutti vogliono fare tutto, sono molti gli organizzatori che non vogliono rinunciare alle proprie gare, c'è il rischio che si scateni una lotta anche se il presidente dell'Uci predica unità. E per le formazioni Professional il discorso è ancora più complicato.»

Qual è la tua paura più grande?

«La cosa che mi preoccupa maggiormente è la questione delle frontiere. Molti governi hanno già detto di aspettare a prendere impegni per le vacanze perché la situazione non è ancora risolta. Il mio grande sospetto è che le frontiere tra stato e stato rimarranno chiuse. È un problema non da poco perché a quel punto sarebbe impossibile fare qualsiasi tipo di gara, visto che non ci si può spostare. Anche se ripartissero le gare si andrebbe a correre con la paura, oppure ci si troverebbe costretti a fare una quarantena di massa prima del via. Mi sentivo ottimista, ma devo dire che negli ultimi giorni questo sospetto si fa sempre più forte, c’è la paura di non poter ripartire. Già ricominciare ad agosto rappresenterà un grande danno, non ripartire per nulla sarebbe ancora peggio».

A quel punto la situazione per le squadre peggiorerebbe ulteriormente…

«Devo ammettere che il caos è grande. Addirittura mi ha chiamato l’Uci per chiedermi come stiamo gestendo la situazione; in oltre dieci anni che gestisco squadre non mi era mai capitato di parlare direttamente con i piani alti di determinate problematiche. Anche loro sono in attesa di un’evoluzione, aspettano che ogni governo dia le sue disposizioni. Noi come squadra non abbiamo enormi difficolta, nel mese di marzo siamo comunque riusciti a pagare gli stipendi, ma non siamo sicuri di nulla. Dipendiamo da molti piccoli sponsor, ma da un giorno all’altro qualcuno potrebbe rinunciare a fornirci la sua quota e in quel momento sarebbe la fine, si creerebbe un terribile cortocircuito».

Sono molte le parti in gioco…

«Il problema è proprio quello, occorrerebbe trovare il modo di giungere ad un accordo. Bisogna tenere conto delle associazioni dei corridori, della federazione, dell’Uci, dei procuratori e soprattutto del governo, è una situazione tutt’altro che semplice, bisogna però cercare di non entrare in lotta tra le varie parti. Siamo un po’ tutti sulla stessa barca, sono in difficoltà le grandi squadre, ma anche le piccole, veniamo investiti tutti da questo problema, più siamo fermi, più ne risente tutto il sistema sortivo. È brutto dirlo, ma gli sponsor iniziano a farsi delle domande, ci si chiede per cosa continuare a pagare. Non ci sono certezze ed entrare in crisi è un attimo. Sarebbe bello dire di spostare direttamente i contratti di un anno, ma chi mi assicura che lo sponsor avrà la forza economica di stare con noi?»

Per quanto riguarda il settore giovanile invece come è la situazione?

«Fortunatamente tra i giovani non ci sono veri e propri stipendi ma dei rimborsi spesa, quindi non è tanto un problema di soldi, è capitato più volte che delle società entrassero in crisi e comunque si è riusciti a trovare una soluzione. A mio avviso la questione riguarda gli atleti stessi, l’ideale sarebbe che si riuscisse ad approvare la proposta già avanzata da Davide Cassani di allungare le categorie di un anno, ma a quel punto è l’Uci che deve darci una risposta ed eventualmente applicare la misura in tutti i Paesi».

Nel frattempo in molti, professionisti e no, si divertono con le applicazioni che propongono delle corse virtuali. Cosa ne pensi?

«Sinceramente non sono molto entusiasta della cosa. Certo, è un palliativo, può tenere occupato qualcuno, ma non risolve certo la situazione. È una soluzione che va bene per certe applicazioni e per sostenere l’allenamento indoor con la produzione di rulli, ma la cosa finisce lì. Con queste gare virtuali c’è anche pochissimo spazio per gli sponsor, quelli tecnici in pratica non ci sono e non c’è nemmeno la questione dei diritti televisivi. Soprattutto non c’è molto seguito, paradossalmente hanno molto più successo le repliche delle gare in tv. I tifosi dopo tutto vogliono vedere le corse vere, quelle su strada, è questo il vero ciclismo».

Quando si potrà veramente tornare a vedere il ciclismo in questo modo?

«Bisognerebbe già iniziare a pensare al 2021, ma vedendo come stanno le cose mi sorgono dei seri dubbi sull’attività di inizio anno, sicuramente non sarà esattamente come prima. Quella con cui abbiamo a che fare è una brutta malattia che può prendere chiunque, la soluzione è trovare un vaccino che la possa contenere. L’unica cosa da fare alla fine è aspettare. Aspettare che i governi ci diano delle risposte per cercare di tornare il prima possibile al vero ciclismo, ma farlo in totale sicurezza».

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Ne désesperez surtout pas M. CITRACCA
16 aprile 2020 16:59 Merlin
Oui, L'UCI a validé le déroulement du Giro d'Italie et les autres courses italiennes. J'en suis ravi aussi pour votre sympathique équipe, Cher M. CITRACCA. Oui, nous verrons à la télévision (française) chaque jour les maillots de votre équipe, lors du Giro. Oui, vous avez raison de motiver vos athlètes qui sont connus aussi en France. Gardez votre magnifique optimisme. Il y aura des jours meilleurs des le 1er août 2020. Bon courage à vous, au staff de votre équipe et à vos coureurs.!!!

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Giornata dedicata alla ricognizione del percorso per le Nazionali di Ciclismo impegnate nei prossimo giorni nella rassegna iridata Imola2020. In mattinata hanno provato i professionisti, accompagnati da Davide Cassani e Marco Velo. Assente Matteo Fabbro che, in accordo con Davide Cassani, ha scelto...


Il grande giorno è arrivato. Con la presentazione ufficiale dei Campionati del Mondo di Ciclismo UCI 2020 di Imola – Emilia-Romagna si alza il sipario sulla rassegna iridata. Nella splendida cornice di Palazzo Varignana a Castel San Pietro Terme (BO) si...


Con la cronometro riservata alla categoria donne elite, domani prendono il via i Campionati del Mondo di Imola. L'Italia schiera due atlete: la navigata Vittoria Bussi quinta al recente campionato Europeo di Plouay (Francia), e la giovanissima toscana (19 anni)...


Alle prese con una condizione non ottimale, come ha evidenziato nell'ultima settimana del Tour, e con problemi relativi all'inchiesta giudiziaria che ruota attorno a lui, anche se non lo coinvolge direttamente, Nairo Quintana ha deciso di rinunciare alla convocazione per...


Sulle orme di papà. Nicolas Vinokourov, figlio del grande Alexander, vincitore di una Vuelta a España (2006) , un Giro di Svizzera, una Liegi-Bastogne-Liegi e una Amstel Gold Race , oltre ad un oro (Londra 2012) e un argento olimpico...


Lo confessa candidamente: «Se me l'avessero detto un mese fa che avrei guidato la nazionale in un mondiale su queste strade, mi sarei messo a ridere...». Davide Cassani non nasconde le sue emozioni prima di presentarci il campionato mondiale, descrivercelo...


A Tour de France appena conclusio, è già tempo di guardare oltre perché in questa stagione animala gli altri grandi giri incombono. In casa Cofidis sonos tate prese decisioni importanti circa le formazioni per Giro e Vuelta: Elia Viviani sarà...


L'incontro delle vecchie glorie del Triveneto a Ca’ del Poggio ha riservato una curiosa e certamente gradita sorpresa per Mario Beccia. Autore, manco a dirlo, lo scatenato Dino Zandegù che è tornato a vestire per un attimo i panni del...


L’Emilia-Romagna ospita la 93ª edizione dei Mondiali di ciclismo sulle strade che, nel 1968, consegnarono a Vittorio Adorni la maglia iridata. Di ritorno a Imola sette anni dopo Firenze 2013, sarà il tredicesimo Mondiale in Italia e sarà Eurosport a...


DAZN e Discovery annunciano l'estensione del loro accordo di distribuzione per offrire agli utenti DAZN in cinque paesi la fruizione dei canali Eurosport 1 HD e Eurosport 2 HD. Con il rafforzamento di questa partnership, i contenuti di Eurosport saranno...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155