CROSS. LA DISABILITA' MENTALE NON FERMA DANIELE, MA LA BUROCRAZIA...

GIOVANI | 09/11/2019 | 07:55
di Giulia De Maio

Questo week end a Silvelle potremo godere dello spettacolo offerto dai più grandi campioni del ciclocross. Tra i giovani che li guarderanno con ammirazione in azione ai Campionati Europei dal vivo o in tv c'è Daniele Peschi, disabile mentale a cui finalmente è stato permesso, assieme ad una guida, di partecipare alle gare di cx. Purtroppo per Daniele gli ostacoli più grandi da superare in questo momento non sono quelli artificiali che incontra sui percorsi erbosi che affronta con il sorriso, ma quelli della burocrazia dei regolamenti che non gli permettono di iscriversi al Campionato Italiano.

La storia di Daniele è entrata nel cuore di tutta la famiglia del cross azzurro, che domenica dopo domenica vede quanto questo ragazzino tenace stia migliorando sia nella guida della bici che nell’approccio con la gente. Vanessa Casati, la sua guida, sta raccogliendo firme sulla piattaforma change.org per far sì che la struttura tecnica della FCI riesca a trovare quanto prima una soluzione. Per Daniele e i tanti altri ragazzi e ragazze che anche grazie alla bici e a un po' di buon fango possono trovare la felicità.

Rilanciamo con piacere l'appello di Vanessa.

Questa è la storia di Daniele Peschi, atleta con disabilità mentale a cui con grande fatica è stato permesso - dopo qualche anno - assieme ad una guida, di partecipare alle gare di ciclocross. 
Daniele ha preso parte a tutte le tappe del Giro d’Italia ciclocross, vestendo la maglia rosa nella sua categoria ID (un grande segnale per chi non conosce le problematiche di questi ragazzi). Daniele corre ogni settimana nelle gare di ciclocross grazie all’impegno del suo team.

Ora per qualche astruso regolamento della FCI, a Daniele e a me, Vanessa, che sono la sua guida, viene negata la possibilità di iscriversi al Campionato italiano di ciclocross 2020. Stanno trovando mille paletti, nonostante anche l’organizzazione è disposta ad inserire una gara promozionale per giovanissimi, per farlo partecipare proprio come tutti gli altri. 

Daniele è entrato nel cuore di tutta la famiglia del cross, è un ragazzo educato, sta migliorando tantissimo sia nella guida della bici che nell’approccio con le persone, in questi anni da timido e introverso, si è letteralmente “risvegliato” grazie al ciclismo, superando limiti che per lui qualche anno fa erano ostacoli insormontabili.

Farlo partecipare dovrebbe essere un gran segnale di umanità e apertura, ma la FCI si sta perdendo una grande possibilità. Abbiamo deciso di raccogliere delle firme per lui, per chiedere alla FCI di far partecipare Daniele al Giro d'Italia ciclocross 2020.

Se voi vedeste gli occhi di questo ragazzo mentre fa sport, capireste il perché di questa battaglia. 

Chissà quanti altri ragazzini ci sono nascosti lì fuori, far correre Daniele potrebbe alzare un coperchio che noi neanche immaginiamo.

Per sostenere la petizione di Vanessa e Daniele visita change.org.

Copyright © TBW
COMMENTI
Prima della gara i paletti
9 novembre 2019 14:23 pagnonce
Già stanco prima della partenza per chi gli ha messo i paletti,ancor di più per chi non li ha tolti,questo è abbattere le barriere ,Daniele a te auguro una bella gara.VAI

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Le strade di Gioele Bertolini e del Team Santa Cruz-FSA si separano. Dopo tre stagioni insieme, l’atleta lombardo lascia la formazione guidata dal Presidente Massimo Tabarelli, proprio a pochi giorni dall’esordio dal previsto debutto stagionale nella Mountain Bike a Lanzarote......


Ogni volta che si muove, Lance Armstrong fa decisamente discutere. E da qualche ora la rete è invasa da commenti e reazioni alla proposta ciclistica che porta il nome del texano, apparso sul sito della compagnia di viaggio e avventura...


Il suo ritorno ha fatto rumore, ha suscitato perplessità, ha scatenato reazioni sui social, ha sicuramente scosso l’ambiente del ciclismo di alto livello. Da qualche settimana Bjarne Riis è tornato in sella: con la sua società ha acquistato il 30%...


Una settimana fa Giancarlo Brocci ha presentato al presidente dell'Uci Lappartient la proposta di un nuovo circuito mondiale con corse su strade bianche e il ritorno ad un ciclismo antico e oggi dall'Australia proprio il numero uno dell'Uci ha aperto...


Freccia algerina sulle strade del Gabon. Youcef Reguigui ha vinto allo sprint la tappa odierna de La Troipicale Amissa Bongo. Sul traguardo di Bifoun ha preceduto il connazionale Hamza, il francese Morin e gli italiani Minali e Viviani. In classifica...


Facendo seguito alla nascita dei primi otto Women’s WorldTeams, l’UCI ha deciso di incrementare il programma antidoping destinato a questa nuova categoria.Il protocollo, definito e applicato dalla Fondazione Antidoping del Ciclismo (CADF), prevede innanzitutto uno sforzo economico congiunto: ogni squadra...


Nel 2020 Vincenzo Nibali e Giulio Ciccone saranno la coppia più bella del ciclismo italiano e, speriamo, del mondo. In vista delle feste natalizie e dell’arrivo dell’anno nuovo li abbiamo incontrati a Siracusa, presso il Monasteri Golf & SPA Resort,...


Un viaggio aereo può essere l'occasione per una bella chiacchierata. Ieri durante il lungo viaggio che ci ha portato dall'Italia all'Argentina ci siamo confrontati con Luca Scinto, direttore sportivo della Vini Zabù KTM. Il Pitone, come è soprannominato in gruppo...


  Sta a metà strada fra Leonardo da Vinci e Renzo Piano, fra Karl Drais von Sauerbronn e Enzo Ferrari, fra Archimede Pitagorico e Eta Beta. Se solo ci avesse provato, se solo si fosse applicato, avrebbe potuto inventare e...


Domani, alla vigilia della 38a Vuelta a San Juan, Remco Evenepoel compirà 20 anni e come nel 2019 celebrerà il compleanno in Argentina. "La Vuelta a San Juan è stata la mia prima gara professionistica e sarà sempre speciale per...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155