RESTANO GRAVI LE CONDIZIONI DELL'EX DILETTANTE LUCA FERRARIO

NEWS | 05/08/2019 | 13:33

Restano gravissime le condizioni di Luca Ferrario, il ciclista di 28 anni investito sabato mattina alla rotonda tra il Sempione e viale Cadorna. Nella giornata di sabato Ferrario è stato sottoposto a due interventi chirurgici e ha subito tre diversi arresti cardiaci, ma i medici sono riusciti a intervenire in tempo per rianimarlo.

Ieri mattina le sue condizioni sembravano finalmente un po’ più stabili, ma la prognosi resta riservatissima e il 28enne non può ancora essere dichiarato fuori pericolo. Se non interverranno ulteriori complicazioni, nei prossimi giorni Ferrario potrebbe essere sottoposto ad altri interventi chirurgici che sarebbero già stati programmati.

L’incidente di sabato ha profondamente scioccato il mondo del ciclismo, perché nell’Alto Milanese ma non solo, quello di Ferrario è un nome conosciutissimo. Ad andare in bici Luca aveva iniziato a sette anni, quando correva nella categoria Giovanissimi del Busto Garolfo e aveva stupito tutti vincendo una gara a Rescaldina, dopo aver doppiato tutti gli altri concorrenti.

Aveva i numeri per diventare un campione, di questo era convinto anche il direttore sportivo del Team Overall di Pasturana, Massimo Subrero, che apprezzandone le doti aveva tentato in tutti i modi di lanciarlo come corridore professionista.

Purtroppo l’occasione giusta non era mai arrivata, ma di categoria in categoria Ferrario ha continuato a correre fino a qualche mese fa per la Ciclistica Biringhello di Rho, che poi lo aveva voluto come direttore sportivo degli Esordienti.

Perché Luca non va solo forte in bici, ma è anche un ragazzo con la testa a posto che sa trascinare i compagni. Ecco perché nessuno tra quelli che lo conoscono sa spiegarsi come sia stato coinvolto in un incidente tanto grave. È vero, in gara Ferrario era caduto più di una volta, in un paio di occasioni si era anche rotto una clavicola. Ma quando si pedala in gruppo sono cose che succedono, altra cosa è invece l’allenamento. Pedalando in mezzo al traffico la prudenza è d’obbligo e bisogna avere cento occhi. Chi lo conosce è sicuro che Luca non avrebbe mai affiancato un camion in curva, tanto più in una curva stretta che lui, residente a Nerviano, conosceva bene per aver percorso centinaia di volte.

Eppure sabato mattina poco dopo le 9 qualcosa è andato storto, e mentre Ferrario arrivando da San Vittore Olona stava entrando nella rotonda, una motrice di camion diretta verso l’autostrada lo ha toccato, forse agganciandolo e trascinandolo per qualche metro. Il camionista ci ha messo un paio di secondi a realizzare quello che stava succedendo, quando la motrice si è fermata ormai era troppo tardi. La bici di Luca era stata stritolata dalle ruote, lui era ferito a terra. Ora non resta che sperare.

dal sito web Prealpina.it

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

«Di una cosa sono certo: peggio di quest’anno non faremo». A Bruno Reverberi non ha mai fatto difetto l’ironia e la franchezza è la sua cifra distintiva. Quello che ha da dire, lo dice. A maggior ragione adesso, alla soglia...


Un modo diverso, un modo nuovo di raccontare lo sport e i suoi campioni. E un racconto affidato ai social network, nuovo punto di incontro e di confronto, di sviliuppo e di discussione.Segafredo Zanetti crede fortemente nei valori positivi e...


Matteo Cervellin, medico chirurgo specialista in ortopedia e traumatologia, ci spiega come ridurre il rischio di infortunio. L’attività fisica è considerata uno dei maggiori fattori di protezione da patologie cardio-circolatorie e degenerative, per questo viene fortemente sostenuta la pratica come...


"Qui Laigueglia Slow Holydays" vuole tornare a pedalare e si rivolge alle squadre ciclistiche con un progetto tutto nuovo per l'anno 2020: riportare nella città ligure il ritiro collegiale dei gruppi sportivi ciclistici che parteciperanno al Trofeo Laigueglia tradizionale classica di...


Ad un anno dal terribile incidente di cui è stato protagonista in allenamento, Samuele Manfredi continua la sua lunga risalita e, soprattutto, continua a sentirsi un corridore. Lo ha spiegato molto bene in una intervista concessa a Francesco Pancani di...


«L’obiettivo principale per noi è continuare a vincere - spiega il direttore tecnico Matt White -, come sempre avremo i grandi giri nel mirino e abbiamo la squadra giusta per puntare ai massimi risultati». Ben 24 (sui 25 del 2019)...


L'Unione Ciclistica Internazionale ha diramato la lista delle squadre che sono ammesse alla massima categoria ottenendo la licenza World Tour fino al 2023: Alé - BTC Ljubljana sarà l'unico team che avrà l'onore di rappresentare l'Italia nel gotha del ciclismo mondiale....


La Wanty Gobert cambierà nome nel 2020 e diventerà Circus - Wanty Gobert dal 1° gennaio. Circus, consociata del gruppo belga Gaming1, è attiva in casinò, sale da gioco e nel settore delle scommesse sportive: già partner del team dal...


  La Tropicale Amissa Bongo sarà una delle prime gare del 2020: in programma dal 20 al 26 gennaio, la competizione africana impegnerà gli atleti in sette frazioni attraverso cinque provincie del Gabon - con uno sconfinamento anche in Camerun....


Della serie "non fatelo a casa" o meglio in bici. In realtà chi è stato ciclista probabilmente in carriera si è lanciato nella scia di un camion tenendo un'alta velocità per molti chilometri. Un gesto che per i più esperti...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy