GIRO. BILBAO: «HO LASCIATO IN STRADA TUTTA L'ENERGIA CHE AVEVO»

GIRO D'ITALIA | 01/06/2019 | 17:25
di Carlo Malvestio

Pello Bilbao si prende il lusso di concedere il bis al Giro d’Italia. Dopo L’Aquila, il basco si impone anche sul traguardo più atteso, quello di Croce d’Aune, teatro dell’ultima battaglia dei big della generale. L’atleta dell’Astana è riuscito a resistere al ritorno di Nibali e compagnia, bruciandoli poi tutti in volata. «Non ho pensato a vincere la tappa fino agli ultimi 50 chilometri, inizialmente ero davanti per fare da appoggio a Lopez. Sono abbastanza veloce così sapevo che se fossi riuscito a resistere me la sarei potuta giocare».

Gli ultimi chilometri, però, nono sono stati una passeggiata, anzi, soprattutto quando sono rientrati Carapaz, Landa e Nibali: «Ho avuto qualche problema di allergia in questo Giro, ma con queste tappe di grandi montagne cresce lo spettacolo e la motivazione. Lopez puntava a recuperare diverse posizioni in classifica generale, così ero pronto a mettermi a disposizione. Alla fine, ne è uscita una vittoria di tappa, ma ci avrei pensato due volte prima di andare in fuga se avessi saputo che avrei sofferto così tanto (ride, ndr). Però quando sei là devi sfruttare le occasioni che ti capitano, nonostante la sofferenza sia stata davvero grande».

Lo scorso anno aveva terminato al sesto posto finale, mentre quest’anno si è trasformato in un ottimo cacciatore di tappa: «La sesta posizione dello scorso anno mi ha dato la consapevolezza di poter fare classifica in un GT, prima non l'avrei creduto. Quest'anno non avevo la stessa gamba del 2018, non ho avuto neanche la stessa costanza, forse perché sapendo che c'era Lopez per la generale non avevo le motivazioni massime. Questo però mi ha permesso di salvare qualche energia e concentrarmi sulle vittorie di tappa».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Un autentico colpo a sorpresa, quello annunciato da Marc Madiot nel corso della presentazione ufficiale della Groupama FDJ: i due sponsor principali hanno infatti sottoscritto insieme il prolungamento dell'accordo con il team fino al 2024. Questo ovviamente consentirà a Madiot...


È come se avesse tirato per l’ultima volta un salvagente al movimento ciclistico italiano. Un ultimo e estremo gesto di disponibilità e apertura, ma in ogni caso definitivo, ultimo e finale. È difficile che ce ne siano ancora in futuro....


Un nuovo prestigioso sponsor si unisce al team Bardiani CSF Faizanè per la stagione 2020. Si tratta di CLIQUE, marchio di abbigliamento del gruppo New Wave, che fornirà alla squadra tutto l’abbigliamento...


Si terrà lunedì 9 marzo (ore 19, 30) presso il Grand Hotel Leonardo da Vinci di Cesenatico (via G. Carducci 7) la presentazione della Settimana Internazionale Coppi e Bartali che si correrà dal 25 al 29 marzo con partenza come...


Il ciclista spagnolo Juan Camacho del Fresno ha confermato il suo ritiro dal ciclismo professionistico a poche settimane dall'inizio ufficiale della stagione 2020. Il portacolori della Kometa-Xstra Cycling Team ha preso questa decisione come conseguenza di ricorrenti problemi al ginocchio...


Un anno da incorniciare. Julian Alaphilippe nel 2019 ha vinto tanto e bene. Pronti via ha conquistato due tappe alla Vuelta a San Juan, quindi una al Tour Colombia, la Strade Bianche, due tappe della Tirreno-Adriatico, la Milano-Sanremo, una tappa...


Caro Direttore, ricordo con simpatica nostalgia una trasmissione radiofonica della mia (nostra ?) gioventù: portava il nome di Alto Gradimento ed era condotta da due altrettanto giovani Renzo Arbore e Gianni Boncompagni. Uno dei bizzarri personaggi che la animavano usava...


  Lo chiamavano “Mano Santa”. Perché prese in mano, nelle mani, fra le mani, il ciclismo, quello del Novecento, dall’epoca eroica fino all’epoca moderna, da Guerra a Bugno attraverso Coppi e Baldini, Adorni e Moser, e lo benedì, lo beatificò,...


Trentacinque anni fa si chiudeva una pagina distoria e si apriva una ferita che da allora non si è più sanata. Quella notte, infatti, Milano perdeva il suo Palazzo dello Sport e con esso anche la sua mitica Sei Giorni...


«La prima Apocalisse»: così Egan Bernal racconta il suo primo allenamento “lungo” dell’anno, accompagnando la foto del suo Garmin postata sui social. Sette ore e 51 secondi impiegati per percorrere 269, 4 knm alla media di 38, 4 km orari....


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155