GP LUGANO, LO SQUALO NIBALI IN GARA NELLA SUA CITTA'. GALLERY

PROFESSIONISTI | 27/05/2019 | 18:31
di Alessandro Brambilla

 

Il Gran Premio di Lugano 2019 si svolgerà domenica 9 giugno e parteciperanno corridori di 17 squadre. Da quest’anno la denominazione della classica giunta all’edizione numero 73 è la seguente: “Axion Swiss Bank-Gran Premio di Lugano”. La potente Axion Swiss Bank, che fa parte del Gruppo Banca Stato, lega il proprio brand alla competizione professionistica ticinese come minimo fino all’edizione 2021. Oggi il Velo Club Lugano ha presentato la sua classica nell’accogliente sala consiliare del Municipio in Piazza Riforma. Alla conferenza stampa hanno partecipato tra gli altri l’onorevole Roberto Badaracco, capo Dicastero di cultura, sport ed eventi della Città di Lugano, Sabrina Romelli, Sindaco di Collina d’Oro, l’avvocato Marco Tini, presidente della direzione generale di Axion Swiss Bank e svariati sponsor. Il Velo Club Lugano era rappresentato dal presidente Andrea Prati, dal responsabile della parte tecnica Patrick Calcagni e da papà Elio Calcagni, presidente onorario del sodalizio bianco-nero-verde.  

Il Grand Prix Axion-Lugano scatterà alle 11 da via Vincenzo Vela, ai  margini dello stupendo Lago di Lugano, a quota 275. Il circuito disegnato da  Prati, Calcagni junior e dagli altri dirigenti si snoderà tra Lugano, Gentilino, Montagnola, Agra – via Monte Croce (altitudine 542 metri), in cui è  posizionato il Gran Premio della Montagna. I protagonisti proseguiranno verso Barbengo, Casoro, Carabietta, Muzzano, Viglio, Sorengo, Lugano. Nel finale del giro la corsa passerà nelle vie Manzoni, Cantonale, Pestalozzi, Magatti, Albertolli e nel rettilineo d’arrivo di via Vincenzo Vela. Il circuito andrà ripetuto 8 volte per un totale di 179,200 chilometri. E’ una gara in cui verrà superato un dislivello positivo di 3000 metri. Nell’edizione 2018 erano ben 4000: “Quest’anno – ha spiegato l’ex corridore professionista Patrick Calcagni – abbiamo alleggerito l’altimetria per favorire la spettacolarità della gara. Rimane pur sempre un cimento impegnativo con 3000 metri di dislivello in 179 chilometri”.

Relativamente ai corridori di teams catalogati UCI World Tour di scena il 9 giugno, Vincenzo Nibali cercherà di vincere per la prima volta in carriera la classica di Lugano. Nella Bahrain-Merida lo “Squalo” avrà come coequipiers, tra gli altri, il fratello Antonio e lo scalatore Domenico Pozzovivo. La UAE-Emirates, pure lei World Tour,  sarà capitanata da Pogacar, Polanc e Ulissi. L’altra UCI –World Tour che ha garantito la partecipazione all’Axion Swiss Bank – Grand Prix Lugano è la Mitchelton-Scott che schiererà come punta Michael Albasini. Le UCI-Professional in gara saranno 5: Bardiani –Csf, con Carboni e Rota coi gradi da capitano, la Gazprom-Rusvelo di Vlasov, Shilov e Shalunov, il Team Israel Cycling Academy di Cimolai e Badilatti, la Nippo–Fantini con Canola, Nicola Bagioli e Lobato e la Neri-Selle Italia col tre volte Campione d’Italia Giovanni Visconti.

All’elenco delle squadre sicure partecipanti si aggiungono le UCI-Continental. A Lugano infatti vedremo gareggiare la Colpack con Andrea Bagioli fresco vincitore in Francia, e con lui Luca Colnaghi. In merito agli iscritti della Biesse-Carrera, c’è il promettente Simone Ravanelli, e tra quelli dell’Amore e Vita-Prodir il siciliano Ficara. In base alle iscrizioni il comasco Dotti e il bresciano Furlan saranno le punte della TSA-Beltrami, il figlio d’arte Lois Dufaux capitanerà la Akros-Thomus, Giacomo Ballabio la IAM Excelsior. Completano il cast delle squadre di scena il 9 giugno la Iseo Serrature con i bellunesi Matteo e Simone Zandomeneghi, la Swiss Racing Academy di  Cyrille Thiery e il Team Voralberg. Quest’ultima squadra è di matrice austriaca tuttavia il suo uomo di punta è l’elvetico Roland Thalmann, migliore dei corridori tesserati nelle Continental al recente Tour of the Alps.

Probabilmente nella prima metà di luglio i calciatori dell’Inter sosterranno la preparazione proprio a Lugano, utilizzando lo stadio del quartiere Cornaredo. “Siamo in trattative, non è ancora ufficiale –ha precisato l’onorevole  Roberto Badaracco -; poiché con l’Inter dobbiamo sistemare alcuni dettagli”.

Photo Giordano Azzimonti

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Ciclisti sempre primi in solidarietà, anche in questo particolare e difficile momento. A Rufina in Provincia di Firenze a consegnare le mascherine alle famiglie per conto dell’amministrazione comunale, sono scesi in bici anche i fratelli Alessandro e Lorenzo Iacchi. Il...


Canyon è fiera di annunciare l’arrivo della prima bici da strada a pedalata assistita, ovvero la nuovissima Endurace:ON, disponibile fin da ora sulla piattaforma digitale di Canyon. Spesso chi  ha il desiderio di comprare una bici a pedalata assistita ha paura di...


Fernando Gaviria finalmente è tornato a casa. Ad oltre un mese e mezzo dal suo arrivo negli Emirati Arabi Uniti, il corridore della UAE ha potuto fare rientro in patria. Lo ha fatto a bordo di un volo partito dagli...


Il professionismo ai tempi del Covid-19 è una bella sofferenza, si è come leoni chiusi in gabbia, ancor di più se i rulli e Zwift non riesci proprio a sopportarli. È il caso di Andrea Vendrame, che ogni mattina si...


Parlare con Maurizio Bellin, European General Manager di FSA, significa trovarsi direttamente sul fronte della malattia e della crisi economica. L'ex professionista varesino, infatti, è in quarantena dopo aver sconfitto il coronavirus e segue con grande attenzione il mondo del...


Claudio Bortolotto, veneto, trevigiano precisamente, nato a Orsago nel 1952, il 19 marzo, giorno di San Giuseppe e della Milano-Sanremo, almeno a quel tempo, è stato un valido corridore professionista con carriera che si è sviluppata dal 1974 al 1984...


È un tweet che fa davvero felici tutti quello che è stato postato nella notte dalla Gazprom Rusvelo: «Igor Boev e Dmitry Strakhov, che si sono completamente ripresi dal coronavirus, hanno lasciato gli Emirati Arabi Uniti dopo un mese di...


In questa puntata Giancarlo Gentina e Italo Zilioli. Due piemontesi. Gentina, gregario, e Zilioli, battitore libero. Gentina lo incontrai al Ghisallo, con un altro campione fra i portatori d’acqua, Germano Barale. Con Zilioli è stata una frequentazione più assidua, tra...


Il mondo del ciclismo scende in campo, o meglio sulle strade virtuali del Giro d’Italia, e si attiva per dare un contributo nella lotta contro il Coronavirus. Sono stati Mario Cipollini (recordman di vittorie alla Corsa Rosa) e Gianni Bugno,...


Voijslav Peric è un talento ancora tutto da scoprire. Cognome veneto, nome ucraino grazie alla madre Nataliya, nata in un piccolo paesino della Ucraina al confine con la Polonia. Peric è nato in Italia, a Thiene, nel Vicentino, l'8 novembre...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155