FISCO, COSÌ PER SPORT. CONTRATTI DI COLLABORAZIONE SPORTIVA “LEGITTIMI” DAL 2018

SOCIETA' | 15/06/2018 | 07:55
di Umberto Ceriani

Come già scritto in un articolo precedente il “Pacchetto Sport” della Legge di Bilancio 2018 (Legge 205/2017) ha apportato diverse novità in ambito sportivo: da un lato ha innalzato la fascia esente da 7.500€ a 10.000€ mentre dall’altro ha introdotto l’obbligo di invio delle Comunicazioni obbligatorie preventive e del cedolino paga mensile (norma ancora teoricamente bloccata in attesa di un’apposita delibera CONI a cui la Legge specificatamente demanda la questione).

Oltre a queste novità ve ne è un’altra, che probabilmente è passata più inosservata data la particolare terminologia “burocratese” con la quale è stata scritta, ma che ha finalmente chiarito dopo molti anni la legittimità di questa forma contrattuale di cui all’art 67 TUIR, comma 1 lett. M (i c.d. compensi sportivi).
“Le prestazioni di cui all'articolo 2, comma 2, lettera d), del decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81, individuate  dal  CONI  ai sensi dell'articolo 5, comma 2, lettera a), del Decreto legislativo 23 luglio  1999, n. 242, costituiscono oggetto di contratti di collaborazione coordinata e continuativa.”

La normativa della Legge di Bilancio fa riferimento all’art 2, co. 2, D.lgs. 81/2015, ossia il Jobs Act, il quale aveva stabilito una particolare deroga ai contratti di collaborazione sportiva utilizzati dagli enti sportivi.

A far data dal 1° gennaio 2016, si applica la disciplina del rapporto di lavoro subordinato anche ai rapporti di collaborazione che si concretano in prestazioni di lavoro esclusivamente  personali, continuative e le cui modalità di esecuzione sono organizzate  dal Committente anche con riferimento ai tempi e al luogo di lavoro.


La disposizione non trova applicazione con riferimento:
d) alle collaborazioni rese a fini istituzionali in favore  delle associazioni e  società  sportive  dilettantistiche  affiliate  alle federazioni sportive nazionali, alle discipline sportive associate  e agli enti di promozione  sportiva  riconosciuti  dal  C.O.N.I.,  come individuati e disciplinati dall'articolo 90 della legge  27  dicembre 2002, n. 289.

La lettura dei due testi di Legge porta alla seguente conclusione: i rapporti di collaborazione etero organizzati come previsto dal Jobs Act sono rapporti di lavoro subordinato, tranne che per alcune specifiche deroghe come nel caso delle ASD/SSD. Queste ultime possono quindi instaurare legittimi contratti di collaborazione coordinata e continuativa in ambito sportivo con atleti, istruttori e personale di segreteria ad esempio senza incorrere nel rischio di veder ricondotto il contratto al lavoro subordinato.

I collaboratori potranno quindi percepire con questo inquadramento la propria retribuzione principale o addirittura esclusiva, purché ovviamente non sia impedito allo sportivo di determinare le modalità di svolgimento della prestazione lavorativa annullando ogni ambito di discrezionalità del proprio operato.

Questa norma dovrebbe quindi metter fine all’abbondante contenzioso che ha sempre contraddistinti l’utilizzo dei contratti sportivi nei confronti in particolare di persone che percepivano da tale fonte di reddito il proprio sostentamento economico principale.

www.consulenza-associazioni.com

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Il giorno che Valerio Conti ha preso la maglia rosa, suo padre è sceso di sotto, al bar, e ha offerto da bere a tutti. Franco è stato un buon corridore, ha vinto il Giro dilettanti più di 40...


Dieci giorni fa l’impatto. Era il 12 agosto e Domenico Pozzovivo si trovava in Calabria in allenamento alla vigilia della Vuelta che avrebbe dovuto correre. Tra lui e il Giro di Spagna una macchina, che spunta a tutta velocità da...


La Bardiani Csf sta cambiando rotta per affrontare al meglio la Riforma del ciclismo - della quale peraltro le squadre non hanno ancora ricevuto programma e documenti e navigano assolutamente al buio - e disegna un futuro diverso per il...


Iniziamo con alcuni episodi dal mondo del web guardando a cosa è successo in casa COFIDIS dove Nacer Bouhanni sta attraversando l'ennesimo anno no che gli è costato l'esclusione dai grandi giri. Ieri al Tour du Limousin si è reso...


Numero 1 a Valverde, ben 51 giovani, 13 italiani, tanti corridori all’ultimo grande giro con la loro maglia attuale, De Gendt che affronta il terzo giro della stagione raccogleindo l’eredità di Adam Hansen, una squadra - la Katusha - dal...


BORA - hansgrohe e Sportful sono orgogliose di annunciare il rinnovo della loro collaborazione fino alla stagione 2021. Un’estensione di una collaborazione vincente tra il Team tedesco e il brand di abbigliamento tecnico italiano. per leggere l'intero articolo vai su...


Il Comune di Bolsena (Viterbo) e l'Asd La Carrareccia hanno deciso di sistemare sotto i tre cartelli stradali indicanti il nome della città posti ai tre ingressi, un altro cartello con scritto il motto che la Fondazione Michele Scarponi di...


E' la Due Giorni Internazionale di Vertova per Juniores a tenere banco in questo fine settimana in casa della Feralpi Monteclarense. La formazione di Tiziano Gozio è chiamata ad un doppio appuntamento di grande spessore, il Trofeo Comune di Vertova...


Appuntamento ormai consolidato nel calendario internazionale della categoria Juniores, la 2 Giorni Ciclistica Internazionale Juniores di Vertova si conferma manifestazione di altissimo livello e anche quest’anno per capirlo basta scorrere l’elenco degli iscritti. L’evento è in programma sabato 24 e...


Avvio importante e ottimo per la formazione #YellowFluoOrange di Alé - Cipollini nella prima frazione del Giro di Norvegia (Åsgårstrand - Horten, 128km), in cui la campionessa del Commonwealth Chloe Hosking si è classificata al secondo posto dietro alla olandese...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy