Roberto Heras dice addio al ciclismo

| 29/12/2007 | 00:00
Roberto Heras, 33enne corridore spagnolo, ha deciso di chiudere la sua carriera. Anche se ha terminato di scontare la squalifica di due anni per doping (Epo alla Vuelta del 2005), il ciclista ha scelto di non tornare in sella visto che nessuna delle offerte che gli sono arrivate lo soddisfa. «E' impossibile continuare alle condizioni che chiedo io - le parole di Heras -. Mi sarebbe piaciuto tornare ma non permetto in alcun modo che si approfitti della mia situazione. Mi dispiace, ma visto come sta il ciclismo, credo che sia la cosa migliore per me». A Heras brucia l'impossibilità di accasarsi, per almeno altri due anni, in una squadra del ProTour. «Continuo a non capire il codice etico - sbotta - continuo a non capire per cui le squadre ProTour non possono ingaggiare un corridore che come me ha già scontato la sua squalifica. Ma di fronte a questo panorama è meglio lasciare». Heras, tra l'altro, continua a proclamare la sua innocenza per quel caso di doping del 2005. «Spero che la giustizia ordinaria mi dia ragione, che si riconosca che le cose non sono state fatte bene - continua -. Sono passati più di due anni e aspetto ancora che mi mandino i risultati delle controanalisi. I risultati del primo campione me li hanno dati il giorno dopo, quelli delle controanalisi li ho chiesti una dozzina di volte e ancora li aspetto. Ma non ho fretta, Guardiola ha avuto bisogno di sei anni per ripulire la sua immagine e dimostrare la propria innocenza». ROBERTO HERAS SCHEDA Roberto Heras Hernandez, che ha annunciato il ritiro dall'attività, è nato il 21 febbraio 1974 a Bejar (Spagna); è alto 172 centimetri per un peso forma di 59 chilogrammi. Professionista dal 1997, ha gareggiato con Kelme (fino al 2000), US Postal (2001-2003) e Liberty Seguros (2004-2005). Scalatore, ha dato il meglio di se' nella Vuelta di Spagna, vinta nel 2000, 2003 e 2004. Ha mancato il poker, nel 2005, a causa della positivita' all'epo che gli e' costata una squalifica di due anni. E' stato quinto al Tour de France del 2000.
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

L'eritreo Mulu Hailemichael ha vinto a Huye la seconda tappa del Tour du Rwanda. Il portacolori della Nippo Delko Provence, classe 1999, ha preceduto allo sprint il colombiano Restrepo della Androni Giocattoli - Sidermec e l'eritreo Biniam Girmay Hailu, anche...


Un altro podio in stagione e una vittoria sfiorata per l’Androni Giocattoli Sidermec che nella seconda tappa del Tour du Rwanda ha visto chiudere al secondo posto Jhonatan Restrepo. Il colombiano dei campioni d’Italia conferma così il suo brillante inizio...


Sotto il sole degli Emirati, Mauro Vegni divide i suoi pensieri fra la corsa - della quale è direttore - e l'Italia. Stamane, prima della partenza della seconda tappa del Tour, il dirigente del RCS Sport ha spiegato: «La situazione...


Un cambio netto per lasciarsi alle spalle un 2019 avaro di soddisfazioni. Romain Bardet, dopo sette anni in cui si è concentrato esclusivamente sul Tour de France, ha deciso di puntare per la prima volta sul Giro d’Italia. Ecco perché il Tour...


Operazione antidoping dei Carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria: fatta luce su una morte sospetta e smantellato un ingente traffico di anabolizzanti in palestre e nelle competizioni sportive; nove le misure cautelari personali, tra cui un forestale, e 20...


«Non è sempre facile essere me, ma i ciclisti... so­no masochisti». La bici è sofferenza, anche se sei un fenomeno. An­che se sei passato professionista a 18 anni e pronti-via hai sorpreso il mondo e te stesso vincendo fior di...


Una settimana di riposo forzato, la conseguente rinuncia alla Volta ao Algarve e poi finalmente Davide Ballerini ha potuto tornare in sella e riprendere ad allenarsi. A conclusione di un allenamento sulle strade svizzere, il portacolori della Deceuninck - Quick-Step...


Alla vigilia della stagione 2020, il BEAT Cycling Club si rafforza con l’arrivo di Stefano Museeuw, 22 anni. Il figlio minore di Johan Museeuw è l'undicesimo corridore della squadra. Non è un segreto che il BEAT Cycling Club intenda utilizzare...


È stata la suggestiva location del Palazzo della Regione Lombardia a fare da sfondo alla presentazione della Ktm Protek Dama, uno dei team lombardi di spicco del panorama del fuori strada. per leggere l'intero articolo e sfogliare la Gallery vai su...


Dal lunedì al sabato si allena come se la domenica potesse correre. Lavori, distanza, scarico, dietro moto. Poi, però, la domenica rimane a casa: niente numero dorsale, niente foglio firma, niente pronti via. Da venti mesi Andrea Innocenti è un...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155