José Ángel Gómez Merchante: «Alla Vuelta per sognare»

| 31/08/2007 | 00:00
Con la garanzia delle prestazioni di Piepoli in montagna, la combattività di De La Fuente e Litu Gómez , l'esperienza diLobato e Camaño e gli scintillii che possano offrire i giovani Mejías, Durán y Alberto Fernández de la Puebla si presenta il SAUNIER DUVAL-PRODIR al cospetto della Vuelta di Spagna 2007. La corsa spagnola incomincia domani in Vigo e con lei sogna il leader della squadra gialla, José Ángel Gómez Merchante. Il corridore madrileno, che saltà il Tour per il riacutizzarsi della colite ulcerosa, arriva alla Vuelta con l'intenzione di rifarsi della sua delusione del mese di luglio. Dimenticati i suoi problemi e con il morale alle stelle dopo il trionfo in Urkiola, Marchante ostenta grande ottimismo. Come arriva José Ángel Gómez Marchante alla Vuelta 2007? «Soprattutto con la speranza di aver superato tutti i problemi del passato. Tornare in gara per me è già molto importante ed ho davvero tanta voglia di misurarmi con i migliori. So che ho corso molto poco negli ultimi mesi, ma sono un ciclista che entra in forma molto velocemente e, a San Sebastián, Urkiola e Burgos, ho già dimostrato di stare bene. L'unica paura è che questa mancanza di ritmo possa in qualche modo farsi sentire…». Cosa ne pensa del tracciato? «Per è meglio che ci siano tappe dure nei primi giorni. È chiaro che nel primo blocco del Giro sta la chiave di questa Vuelta. Per questo motivo chi ha ambizioni di classifica, deve stare davanti in questa prima parte. Il mio sogno è lottare per la vittoria nei Laghi di Covadonga perché, in quella tappa, si può prendere la maglia da leader». I suoi obiettivi? «Tentare di migliorare il quinto posto dell'anno scorso. O meglio, vorrei provare a lottare per il podio, perché qui arrivare sesto o settimo non può accontentarmi. L'anno scorso ho rinunciato a qualche vittoria di tappa per curare la classifica generale. Questo anno, dopo i primi giorni, bisognerà analizzare in che situazione stiamo e decidere che cosa è meglio. Io arrivo fiducioso. I favoriti? I soliti, quelli che pensa tutto il mondo: Sastre, Menchov, Pereiro, oltre alle solite sorprese».
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Ventidue biciclette rubate, due dovranno presentarsi venerdì prossimo al Tribunale penale di Lilla. «Marcq-en-Baroeul disterà una decina di chilometri scarsi – racconta oggi Ciro Scognamiglio sulla Gazzetta dello Sport - : è lì che nella notte tra il 22 e...


Sarà stato fortunato, ma sicuramente bravo. Lorenzo Fortunato riparte da dove in pratica è partito e si è palesato al mondo: dallo Zoncolan, dove sabato scorso si è ripresentato per l’inaugurazione della nuova seggiovia dedicata al Giro d’Italia. Oggi La...


Una vita interamente dedicata alla bicicletta, un dinamismo, una lucidità e un entusiasmo mostrati ad ogni uscita pubblica, fino a un paio di mesi fa. Giovanni Meazzo, morto domenica a 93 anni, era la memoria storica del ciclismo alessandrino. Era...


Faè di Oderzo sta per diventare, per la 19^ volta, la capitale del ciclocross italiano. I rinomati vitigni di Prosecco di Borgo Barattin, nel cuore della pianura trevigiana, faranno come sempre da cornice al Ciclocross Internazionale del Ponte, 4^...


La Federazione Ciclistica Italiana ha tagliato ieir il traguardo dei 136 anni di storia. Nel bel libro di Roberto Livraghi “Pista! Alessandria capitale ciclistica della Belle Epoque” si ricorda nel dettaglio la prima corsa di velocipedi...


Immaginate la scena: è la sera del 22 ottobre, Ashton Lambie ha appena realizzato il suo sogno di vincere il titolo mondiale dell'inseguimento su pista e rientra nel suo albergo a Roubaix. Ha ancora addosso la maglia iridata, deve ancora...


A Vermiglio i cannoni non serviranno e ieri, dopo abbondanti nevicate, è stato ultimato il tracciato della tappa di Coppa del Mondo in Val di Sole che sabato e domenica accoglierà i big del ciclocross. Sarà un circuito di 3...


Prosegue il dibattito sullo stato del ciclismo giovanile. Dopo l’appello e le argomentazioni di Daniele Di Batte relativamente alla categoria Giovanissimi in provincia di Livorno, tuttobiciweb raccoglie ora l’intervento di Roberta Santini, vicepresidente provinciale della Federciclismo labronica che si fa...


Il copertoncino tubeless CST Tirent è l’ideale per il Gravel ed è nato per affrontare i  più svariati terreni tipici della specialità. Grazie alla larghezza di 42mm e alla mescola Dual sorprende per trazione comfort. per leggere l'intero articolo vai su tuttobicitech.it


Nova Eroica Prosecco Hills è la nuova manifestazione ciclistica in provincia di Treviso. Tre percorsi di 50, 93 e 110 chilometri tra le colline del Prosecco e le colline dell’Unesco che si svolgeranno il 30 aprile e il primo maggio...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI