CASO SCHWAZER, CONDANNATI I MEDICI FIORELLA E FISCHETTO

DOPING | 25/01/2018 | 13:31
È vero, non si parla di ciclismo. Ma il Caso Schwazer ha coinvolto l'intero sport italiano e la sentenza pronunciata dal Tribunale di Bolzano è davvero eclatante. Perché stabilisce che i vertici dello sport italiano sapevano...

La giudice Carla Scheidle ha condannato i due medici Fidal Fiorella e Fischetto, rispettivamente, a due anni di reclusione e ad una multa di 10.000 euro ciascuno.

Per loro, inoltre, l'interdizione dalla pratica della professione medica per due anni e l'inibizione perpetua da incarichi direttivi al Coni e in società sportive. 

Per Rita Bottiglieri, invece, la condanna è di 9 mesi di reclusione e 4.000 euro di multa. Anche per lei l'inibizione perpetua da incarichi direttivi al Coni e in società sportive. 

Inoltre, è stato stabilito un risarcimento di complessivi 15.000 euro nei confronti della Wada: 12.000 euro dovranno essere pagati da Fioella e Fischetto (6.000 a testa), e i restanti 3.000 sono a carico della dirigente Bottiglieri. I tre, infine, sono stati condannati al risarcimento delle spese legali sostenute dalla Wada. 

Tutti e tre sono stati ritenuti colpevoli di essere stati a conoscenza dell'uso di sostanze dopanti da parte di Alex Schwazer, nel caso di positività appurato nel 2012, e non aver denunciato i fatti.

Copyright © TBW
COMMENTI
Ma Fiorella e Fischietto
25 gennaio 2018 16:58 pagnonce
Quanti atleti avevano nel loro schedario !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Che sorpresa!!!
25 gennaio 2018 20:19 Bastiano
Sì era capito subito che in federazione non fossero estranei al sistema doping.
C\'è sempre stata e continua ad esserci, la tendenza a far finta di combattere ciò che in realtà fa comodo.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Matteo Montaguti è stato uno dei protagonisti della giornata della Bici al Chiodo: «Dico sempre che non ho appeso la bici ma il numero, quindi è giusto che io riceva il Premio alla Carriera che non quello della Bici al...


Rinaldo Nocentini ha ricevuto stamane il premio Bici al Chiodo e ne abbiamo approfittato per fare due chiacchiere con lui sulla sua “nuova vita”. «Sono felice di aver preso questa decisione. Ci stavo pensando già da un paio d’anni, poi...


Anche Moreno Moser è stato omaggiato con un Premio alla Carriera durante la grande festa de La Bici al chiodo: «Fa un effetto strano essere qui, mi rendo conto che sarà una delle ultime manifestazioni di questo genere alle quali...


Caleb Ewan vince la prima volata dell'anno: l'australiano delal Lotto Soudal ha conquistato il successo nel Criterium del Tour Down Under, tradizionale "aperitivo" della corsa a tappe che scatterà martedì. Ewan ha battuto sul traguardo di Adelaide Elia Viviani e...


Scansione in 3D per i ciclisti, è questa l'attività in cui sono impegnati il tedesco Tony Martin e il tecnico della Lotto Visma durante una fase del training camp. A cosa serve? E' un lavoro che viene effettuato per riprodurre...


Nel 2019 ha vinto di tutto e di più sull’ammiraglia della Deceuninck Quick Step (70 corse di alto e altissimo livello). E ha bissato il successo del 2016 vincendo l’Oscar tuttoBICI come miglior direttore sportivo dell’anno. Stiamo parlando di Davide...


Con una volata lunga e potente, Simona Frapporti reagala all'Italia femminile il primo successo della stagione. La portacolori della Bepink ha vinto ad Adelaide la quarta e ultima tappa del Tour Down Under. Il successo finale nella corsa australiana è...


Più che un semplice segnale d’allarme, è un grido, una sirena, una campana a martello. Il doping torna ad affacciarsi nel mondo del grande ciclismo: lo scorso anno sono stati 32 di positività tra i corridori di alto livello, contro...


  E’ un desiderio, un’innocenza, o forse un’illusione. E’ un’atarassia, un’allegria, o forse un’assenza. E’ un traguardo, una meta, o forse un viaggio. E’ uno stato d’animo, un modo d’essere, o forse un’opera d’arte. La felicità è un amore, una...


Il neozelandese Dylan Kennett della St George Continental Cycling Team ha vinto allo sprint la tappa conclusiva della New Zealand Classic. La vittoria finale è andata all'australiano Rylee Field del Team Bridgelane. ORDINE D'ARRIVO 1 Dylan Kennett (NZl) St George...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155