ARU. «LA VUELTA, NIBALI, IL FUTURO...»

PROFESSIONISTI | 16/08/2017 | 07:23
Fabio Aru è pronto per la campagna di Spagna, per tornare a battersi nella corsa che nel 2015 lo ha definitivamente consacrato tra i grandi delle corse a tappe.
Dopo il quinto posto ottenuto al Tour de France, Aru ha ricaricato le batterie e si prepara ad una nuova battaglia che lo vedrà opposto a Froome, Bardet, ai gemelli Yates e un nuovo avversario, straconosciuto, che affronterà per la prima volta in una grande corsa a tappe: Vincenzo Nibali.

Alla vigilia della partenza, il Cavaliere dei Quattro Mori si è confidato con Cosimo Cito di Repubblica e questi sono i suoi pensieri.

Che sensazione sarà correre contro Nibali?
«Vincenzo è un amico, ma anche un avversario forte, uno di quelli da battere. Niente più, in corsa, che un avversario, perché in gara non esistono amicizie, al massimo alleanze. Sono pronto a giocarmela anche con lui».

Pronto anche per rivincere la Vuelta?
«Mi scoprirò tappa dopo tappa, non posso fare programmi o previsioni. So che sarà la solita corsa terribile, la più dura delle gare a tappe del 2017, la solita Vuelta con arrivi in salita da subito, sforzi brevi e intensi, pochi tapponi, ma molte tappe con finale al 20%».

Ha scelto, per la prima volta in carriera di non fare un periodo di stage in altura alla vigilia di una grande corsa a tappe.
«Mi sono preparato a casa, a Lugano, ho ricaricato le pile e badato anche a me stesso, pur restando attento all'alimentazione e ai soliti particolari. Uscite costanti, ma senza carichi eccessivi. Uscire dal Tour ti dà comunque una condizione di base. Al Tour mi sono piaciuto, ho risposto bene, ho corso come dovevo. Abbiamo perso nello stesso momento Cataldo e Fuglsang e questo ha cambiato le carte. Ma quando ho vinto la Vuelta, abbiamo corso praticamente dall'inizio in sette, con un grandissimo spirito di squadra. Nelle condizioni in cui eravamo non potevamo fare di più».

E ancora: «I miei rapporti con l'Astana comunque non erano tesi prima e non lo sono adesso. Stiamo studiando, io e il mio avvocato-procuratore, una soluzione per il futuro, presto si saprà tutto. Intanto però c'è questa Vuelta e ho a disposizione un'ottima squadra, con un giovane di prospettiva come Lopez, diversi scalatori, un uomo squadra come Luis Leon Sanchez. Ho tutto per fare bene. Il futuro inizierà dopo Madrid, anzi dopo il Lombardia, il mio ultimo traguardo stagionale".
Copyright © TBW
COMMENTI
NON FARE ERRORI GROSSOLANI
16 agosto 2017 18:33 bric
Aru lascia quella squadraccia e trovane una che crede in te che ti fa una squadra forte dedicata e pretendi un ingaggio degno dei tuoi meriti....mica ce ne sono tanti di campioni per corse a tappe

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Da dieci anni la Caja Rural-Seguros RGA è protagonista nel mondo dei professionisti e il team spagnolo vuole celebrare questo traguardo indossando una maglia speciale sulle strade della Vuelta. Con il suo fornitore Gobik, il team ha realizzato un'edizione limitata...


Siamo quasi alla fine delle ferie estive e questo vuol dire che si sta avvicinando la  nuova stagione ciclocross! Guerciotti presenta il suo nuovo modello in carbonio di entrata gamma e lo fa con una nuova versione del modello Lembeek disc. Lembeek disc...


È stato il grande protagonista della primavera - soprattutto grazie al successo nella Liegi e al Delfinato - ed è stato inseguito da diverse squadre: alla fine però Jakob Fuglsang ha scelto di restare in casa Astana e ha firmato...


Nuovo arrivo in casa Trek Segafredo: si tratta del 25enne danese Alexander Kamp, attualmente in forza alla Riwal Readynez. In questa stagione si è confermato corridore eclettico vincendo tra l’altro la classifica a punti della Settimana Internazionale Coppi e Bartali,...


Davide Ballerini approda alla Deceuninck Quick Step con un contratto biennale: «Per me, far parte di questa squadra è un sogno. Quando ho parlato con i dirigenti della Deceuninck - Quick-Step e ho capito che mi volevano per me è...


Un altro talento tedesco approda alla Bora Hansgrohe: si tratta di Lennart Kämna, 22 anni, he concluderà la sua esperienza con il Team Sunweb per correre fino al 2021 con il team di Sagan. «Penso sia arrivato il momento di...


Saranno 13 i corridori italiani che si schiereranno al via della Vuelta España. Ci sarà l’esordio assoluto in un grande Giro di Matteo Fabbro mentre Fabio Aru è l’uomo di classifica per eccellenza. La formazione che schiera più azzurri è...


La Prima Sezione del TNA, in accoglimento dell’istanza proposta dalla Procura Nazionale Antidoping, ha provveduto a sospendere in via cautelare un atleta minore (tesserato FCI) riscontrato positivo alla sostanza Clostebol metabolita. Può essere utilizzato sotto forma di crema per uso...


Caro Direttore, ho letto attentamente nei giorni scorsi il suo editoriale, che ho apprezzato sia per quanto  riguarda l’«invisibile» Bettiol e sia per il riferimento alla gestione dei percorsi della Parigi Roubaix, però mi sono soffermato alla disamina della situazione...


La Jumbo-Visma vara il progetto Team Jumbo-Visma Academy con un vivaio che sarà composto da 13 corridori di età inferiore a 20 anni che provengono sia dai Paesi Bassi che dall'estero. Il gruppo sarà composto da ciclisti che sanno alternare...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy