ARU. «LA VUELTA, NIBALI, IL FUTURO...»

PROFESSIONISTI | 16/08/2017 | 07:23
Fabio Aru è pronto per la campagna di Spagna, per tornare a battersi nella corsa che nel 2015 lo ha definitivamente consacrato tra i grandi delle corse a tappe.
Dopo il quinto posto ottenuto al Tour de France, Aru ha ricaricato le batterie e si prepara ad una nuova battaglia che lo vedrà opposto a Froome, Bardet, ai gemelli Yates e un nuovo avversario, straconosciuto, che affronterà per la prima volta in una grande corsa a tappe: Vincenzo Nibali.

Alla vigilia della partenza, il Cavaliere dei Quattro Mori si è confidato con Cosimo Cito di Repubblica e questi sono i suoi pensieri.

Che sensazione sarà correre contro Nibali?
«Vincenzo è un amico, ma anche un avversario forte, uno di quelli da battere. Niente più, in corsa, che un avversario, perché in gara non esistono amicizie, al massimo alleanze. Sono pronto a giocarmela anche con lui».

Pronto anche per rivincere la Vuelta?
«Mi scoprirò tappa dopo tappa, non posso fare programmi o previsioni. So che sarà la solita corsa terribile, la più dura delle gare a tappe del 2017, la solita Vuelta con arrivi in salita da subito, sforzi brevi e intensi, pochi tapponi, ma molte tappe con finale al 20%».

Ha scelto, per la prima volta in carriera di non fare un periodo di stage in altura alla vigilia di una grande corsa a tappe.
«Mi sono preparato a casa, a Lugano, ho ricaricato le pile e badato anche a me stesso, pur restando attento all'alimentazione e ai soliti particolari. Uscite costanti, ma senza carichi eccessivi. Uscire dal Tour ti dà comunque una condizione di base. Al Tour mi sono piaciuto, ho risposto bene, ho corso come dovevo. Abbiamo perso nello stesso momento Cataldo e Fuglsang e questo ha cambiato le carte. Ma quando ho vinto la Vuelta, abbiamo corso praticamente dall'inizio in sette, con un grandissimo spirito di squadra. Nelle condizioni in cui eravamo non potevamo fare di più».

E ancora: «I miei rapporti con l'Astana comunque non erano tesi prima e non lo sono adesso. Stiamo studiando, io e il mio avvocato-procuratore, una soluzione per il futuro, presto si saprà tutto. Intanto però c'è questa Vuelta e ho a disposizione un'ottima squadra, con un giovane di prospettiva come Lopez, diversi scalatori, un uomo squadra come Luis Leon Sanchez. Ho tutto per fare bene. Il futuro inizierà dopo Madrid, anzi dopo il Lombardia, il mio ultimo traguardo stagionale".
Copyright © TBW
COMMENTI
NON FARE ERRORI GROSSOLANI
16 August 2017 18:33 bric
Aru lascia quella squadraccia e trovane una che crede in te che ti fa una squadra forte dedicata e pretendi un ingaggio degno dei tuoi meriti....mica ce ne sono tanti di campioni per corse a tappe

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Ucraina al potere sulle strade polacche del Tour of Malopolska. La seconda tappa ha visto infatti il successo di Oleksandr Holovash , mentre in testa alla classifica rimane il suo connazionale Anatolii Budiak. ORDINE D'ARRIVO 1 Oleksandr Holovash (Ukr) Nazionale...


L'olandese Alex Molenaar, portacolori della Monkey Town - A Block CT, ha vinto la seconda tappa dell'Oberosterreichrundfarth battendo l'austriavo Schlemmer e il norvegese Skaarseth. Nono posto di giornata per Jacopo Mosca. In classifica generale resta al comando il tedesco Jannik...


Si va delineando sempre di più il fine settimana più atteso in Basilicata e da tutto il movimento ciclistico giovanile nazionale. Per la 33°edizione del Meeting (20-23 giugno), la Re-Cycling Bernalda, in stretto coordinamento con la struttura giovanile nazionale della...


La Grandvilliers - Ressons sur Matz di 174, 00 chilometri, terza tappa della Ronde de l'Oise, è stata caratterizzata da una fuga di tre uomini controllata dal gruppo. La volontà era quella di arrivare in volata e così è stato....


Parla tedesco la seconda tappa del Giro delle Filippine grazie al successo di Mario Vogt, portacolori del Team Sapura Cycling. In classifica generale resta al comando l'olandese Jeroen Meijers. ORDINE D'ARRIVO 1 Mario Vogt (GER) Team Sapura Cycling 4:49:062 Kohei...


            I CT Dino Salvoldi (donne strada e pista) e Marco Villa (uomini pista) hanno ufficializzato gli azzurri per la prossima edizione degli European Games Mins2019 in programma dal 21 al...


AMORE & VITA – PRODIR ALL’ATTACCO DEL “MONTE CALVO” Ben tre risultati nella top ten nelle ultime tre corse. Così Amore & Vita – Prodir si presenta al via lunedì 17 Giugno in Francia della MONT VENTOIX DENIVELLE CHALLENGES...


L'italiano più pimpante in questo inizio di Giro d'Italia Under 23 è Gregorio Ferri. Quarto a Santa Sofia ieri, l'atleta bolognese si è migliorato oggi a Pescia, chiudendo secondo alle spalle di Matthew Walls. Classe 1997, non ha nelle volate...


La crono di apertura del Giro di Svizzera (Langnau im Emmental-Langnau im Emmetal di 9, 5 km) finisce al 29enne australiano Rohan Dennis del team Bahrain-Merida. Staccato di una manciata di decimi di secondo il 34enne corridore polacco Macej Bodnar....


Cambia il protagonista, ma la vittoria di tappa è ancora appannaggio della Nazionale Britannica al Giro d'Italia U23. Praticamente intoccabili fino ad ora, stavolta è stato Matthew Walls a finalizzare il lavoro della squadra, con la Maglia Rosa Ethan Hayter...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy