Riccò: adesso sogno la Freccia Vallone

| 31/03/2007 | 00:00
Si era presentato al grande pubblico un anno fa, sullo stesso traguardo. Sassuolo, ultima tappa della Settimana Internazionale Coppi e Bartali edizione 2006, 1° Riccò, 2° Bettini. Un anno dopo, sembra di assistere alla stessa scena. Ancora sprint a due, ma dietro al corridore di Formigine, questa volta c'è Michele Scarponi che grazie all'azione decisiva maturata nel corso dell'ultima ascesadell'asperità di Fazzano, è andato ad aggiudicarsi la classifica generale di questa edizione. È felice il corridore della Saunier Duval, ma sollecitato dalle domande, non nasconde qualche rimpianto: «Forse a Faenza ho concesso troppi secondi a Scarponi. Michele adesso è molto in forma, non è facile staccarlo. Sull'ultima salita ho preso qualche metro ma ho capito che non sarei riuscito ad arrivare da solo sul traguardo. Ho ritenuto allora, che sarebbe stato meglio aspettarlo e continuare di comune accordo verso Sassuolo». Dopo il bis alla Tirreno, la Coppi e Bartali aveva riservato per Riccò, due piazzamenti: Faenza e Serramazzoni. «I due piazzamenti potevano lasciarmi anche un po' di amaro in bocca. Bisogna dire però, che Scarponi è andato fortissimo e si è ampiamente meritato questo successo. Da parte mia, questa vittoria a Sassuolo ed il 2° posto nella generale mi rendono soddisfatto e fiducioso per il futuro e per la campagna delle Ardenne in particolare». Il programma di Riccò prevede infatti, la partecipazione domani alla Gran Fondo del Sale a Cervia dopodichè, seguirà un periodo di riposo, per preparare al meglio Amstel, Freccia e Liegi. Una di queste, in particolare, sembra stuzzicare le simpatie del corridore emiliano: «Credo che la Freccia, con il Muro di Huy, abbia un finale che si addica alle mie caratteristiche. In quelle gare, sarò uno dei leader della squadra. Difficile dire che cosa farò. Sono corse che non ho mai disputato e che ho visto soltanto alla TV. Effettueremo dei sopralluoghi un paio di giorni prima della gara». Un corridore così scoppiettante e con uno spirito agonistico al di fuori del comune, suscita le fantasie di molti tifosi ed appassionati, in previsione Giro d'Italia. Il vincitore di Sassuolo ha però le idee chiare: «Al Giro il mio compito sarà quello di aiutare Gibo. Qui alla Coppi e Bartali mi ha dato una grande mano. Sarà mio dovere contraccambiare. Dico addirittura ai suoi avversari di stare molto attenti. Lo vedo già molto forte e concentrato. Credo che quest'anno sarà davvero dura per i suoi avversari». Roberto Sardelli
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Sarà stato fortunato, ma sicuramente bravo. Lorenzo Fortunato riparte da dove in pratica è partito e si è palesato al mondo: dallo Zoncolan, dove sabato scorso si è ripresentato per l’inaugurazione della nuova seggiovia dedicata al Giro d’Italia. Oggi la...


Una vita interamente dedicata alla bicicletta, un dinamismo, una lucidità e un entusiasmo mostrati ad ogni uscita pubblica, fino a un paio di mesi fa. Giovanni Meazzo, morto domenica a 93 anni, era la memoria storica del ciclismo alessandrino. Era...


Faè di Oderzo sta per diventare, per la 19^ volta, la capitale del ciclocross italiano. I rinomati vitigni di Prosecco di Borgo Barattin, nel cuore della pianura trevigiana, faranno come sempre da cornice al Ciclocross Internazionale del Ponte, 4^...


La Federazione Ciclistica Italiana ha tagliato ieir il traguardo dei 136 anni di storia. Nel bel libro di Roberto Livraghi “Pista! Alessandria capitale ciclistica della Belle Epoque” si ricorda nel dettaglio la prima corsa di velocipedi...


Immaginate la scena: è la sera del 22 ottobre, Ashton Lambie ha appena realizzato il suo sogno di vincere il titolo mondiale dell'inseguimento su pista e rientra nel suo albergo a Roubaix. Ha ancora addosso la maglia iridata, deve ancora...


A Vermiglio i cannoni non serviranno e ieri, dopo abbondanti nevicate, è stato ultimato il tracciato della tappa di Coppa del Mondo in Val di Sole che sabato e domenica accoglierà i big del ciclocross. Sarà un circuito di 3...


Prosegue il dibattito sullo stato del ciclismo giovanile. Dopo l’appello e le argomentazioni di Daniele Di Batte relativamente alla categoria Giovanissimi in provincia di Livorno, tuttobiciweb raccoglie ora l’intervento di Roberta Santini, vicepresidente provinciale della Federciclismo labronica che si fa...


Il copertoncino tubeless CST Tirent è l’ideale per il Gravel ed è nato per affrontare i  più svariati terreni tipici della specialità. Grazie alla larghezza di 42mm e alla mescola Dual sorprende per trazione comfort. per leggere l'intero articolo vai su tuttobicitech.it


Nova Eroica Prosecco Hills è la nuova manifestazione ciclistica in provincia di Treviso. Tre percorsi di 50, 93 e 110 chilometri tra le colline del Prosecco e le colline dell’Unesco che si svolgeranno il 30 aprile e il primo maggio...


Il Cycling Team Friuli 2022 sarà un team di grande talento come è tradizione per la formazione bianco-nera ma, allo stesso tempo, per la prima volta nella storia sarà una squadra internazionale e poliglotta. Al riconfermatissimo campione croato Fran Miholjevic, infatti,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI