ASTANA. IL RITORNO DI MOSER

PROFESSIONISTI | 23/06/2017 | 07:25
Dopo due mesi lontano dalle corse Moreno Moser torna ad attaccare il numero sulla schiena. Il trentino del Team Astana negli ultimi 60 giorni ha lottato contro il citomegalovirus e finalmente domenica rientrerà in gruppo al Campionato Italiano in linea in Piemonte. Anche se la condizione è tutt'altro che ottimale, la voglia di respirare l'aria del grande ciclismo è tanta, soprattutto dopo la tragedia che ha colpito la sua squadra.

Come stai Moreno?
«Meglio. Dopo il Tour of the Alps ho trascorso un mese praticamente fermo. Uscivo in bici un'ora o due, proprio a passeggio, perchè la condizione fisica non mi permetteva di allenarmi a dovere. Ora ho ripreso a pedalere più seriamente, non sono ancora competitivo, ma bisogna riiniziare. Per la testa è importante avere un obiettivo, inoltre la stagione è ancora lunga ma non è infinita. Vorrei dare una svolta a questo 2017».

Con quali ambizioni affronti la sfida tricolore?
«Senza alcuna aspettativa personale visto che c'è chi è in grande forma in vista del Tour de France, mentre io ho perso un periodo molto lungo di preparazione. Ho voluto comunque essere al via per onorare una corsa importante, ritrovare il ritmo gara e per quanto potrò dare una mano ai miei compagni. Fabio Aru abbiamo visto tutti che sta andando molto forte, è tra i favoriti, e poi abbiamo dalla nostra Dario Cataldo e Oscar Gatto che potrebbero essere due jolly preziosi».

A seguire dove ti vedremo?
«Al Tour of Austria. Con la squadra non abbiamo fatto progetti a lungo termine perchè dobbiamo vedere il mio fisico come reagirà. Probabilmente andrò al Giro di Polonia, ma vedremo nei prossimi giorni di stendere un piano gare adeguato».

Nell'ultima corsa che hai disputato eri al fianco di Michele Scarponi, quanto è difficile tornare in gara dopo quel che è successo?
«Non è per niente semplice, in questi mesi però l'ho sentito sempre vicino, soprattutto quando esco in bici ripenso sempre alle sue parole e al volto dei suoi bimbi. Michele non è uno che si può dimenticare dall'oggi al domani, è impossibile da sostituire, quando c'era la faceva da padrone. Dopo l'incidente che ce l'ha portato via mi sono chiesto come saremmo potuti tornare a correre, mi sembrava impossibile. Forse il nostro cervello è predisposto in modo tale da farci affrontare ostacoli che ci paiono insuperabili. Oggi tornare in gara lo trovo difficile, ma naturale. Dobbiamo andare avanti a correre, anche per lui. Anche se fa male. Anche se ci manca da matti».

Giulia De Maio
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Nella sua Slovenia Primoz Roglic viene chiamato l’Aquila di Zasavje mentre Pogacar è soprannominato il Lupo della Gorenjska. L’Aquila il prossimo anno tornerà, questa è una certezza. E tornerà per sfidare il suo avversario e lo farà a partire dal...


Bello? Suggestivo? Affascinante? Scegliete voi l'aggettivo che più vi pice per questa immagine del Burj Khalifa, il grattacielo simbolo degli Emirati Arabi sulla quale stanotte campeggia la foto di Tadej Pogacar in maglia gialla accompagnata dal simbolo del Team UAE...


Mauro Gianetti, Ceo della UAE Emirates, sotto il palco del Tour de France guardava Tadej con il sorriso e gli occhi che brillavano. Gianetti in questa squadra ancora giovane ha avuto un ruolo importante, fin da subito ha creduto in...


È festa grande a Komenda, il paese natale di Tadej Pogacar. Tutti in piazza per celebrare il trionfo del nuovo fenomeno del ciclismo, il suo clamoroso successo al Tour de France. E ad animare la festa, l'allenatore di Tadej, Miha...


Questo non è stato, purtroppo, il Tour di Elia Viviani. Il velocista della Cofidis ha avuto un problema a un piede e nelle poche tappe riservate ai velocisti non è riuscito ad andare oltre un quarto posto. “Siamo finalmente arrivati...


Non è una vendetta, sia chiaro, ma una semplice storia di sport. Il protagonista della storia è Sam Bennett, 30 anni tra un mese, irlandese di Wervik, che ha fortemente voluto andar via dalla Bora Hansgrohe nello scorso inverno perché...


Un lampo verde a Parigi: Sam Bennett trionfa nella tappa conclusiva del Tour de France, 122 km da Mantes la Jolie a Parigi sugli Champs-Elysèes, chiudendo come meglio non avrebbe potuto la sua grande campagna francese. L'irlandese ha battuto l'iridato...


Tadej POGACAR. 10 e lode. Due Grandi Giri, due podi, un terzo alla Vuelta e una maglia gialla sul podio di Parigi. Tre tappe alla Vuelta e una maglia; tre tappe e tre maglie al Tour. Se non è un...


Grande performance del giovane talento Antonio Tiberi nell'internazionale Trofeo città di San Vendemiano-Trofeo Industria e Commercio prestigiosa gara del calendario UCI Europa Tour di classe 1.2MU. Il giovane romano di Gavignano, 19 anni del team Colpack Ballan, si è imposto...


C'è la firma dell'olandese Danny Van Poppel sull'edizione 2020 della Gooikse Pijl. Il portacolori della Circus Wanty Gobert ha vinto allo sprint precedendo nell'ordine Gerben Thijssen della Lotto Soudal e Arvid De Kleijn della Riwal Securitas). ORDINE D'ARRIVO 1. Danny...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155