Rapporti&Relazioni

Svecchiamoci

di Gian Paolo Ormezzano

Dopo la saga primaverile delle corse dette “monumento”, chissà se è sacrosanto o blasfemo chiederci se il ciclismo, per difendersi dalla concorrenza di altri sport con la loro spettacolarità autentica o fasulla, e però innegabile secondo i pa­rametri atttuali di questo (s)porco mondo, deve puntare sul suo antiquariato o decisamente farsi nuovo.
Secondo chi scrive ci si de­ve/può porre la domanda, a costo di apparire iconoclasti. Magari approfittando del Ghi­ro d’Italia in corso e in corsa, propizio a coltivazione di buoni sicuri cari antichi sentimenti di affetto per il ciclismo, roba vecchia ma tenera e almeno in certi giorni non sdatata. E andare avanti con un quesito d’avvio, magari imbarazzante ma sicuramente do­ve­roso: siamo certi che la definizione di corsa monumento sia a) capita da tutti, b) un buon affare anche soltanto presso chi la capisce? Dire monumento ormai suggerisce anche tarli, screpolature, sgretolamenti, se non crolli. E vecchiume, comunque.

Questo sul piano di considerazione diciamo ma­teriale, con però col­lusioni e diramazioni eccome sul piano morale: la storia ha innalzato ma poi abbattuto e sbriciolato tanti monumenti, altri sono sì stati lasciati in pie­di ma soltanto per meglio convogliare esecrazione o almeno revisione e critica. Quasi tutti i monumenti poi hanno patito l’erosione morale del tempo, o quanto meno la pesantezza di una datazione sempre più gre­ve e polverosa.

Se poi addiveniamo ai pa­rametri moderni di successo, popolarità, dif­fusione e automatico conseguimento di interesse anche se non soprattutto soltanto materiale, rischiamo di scoprire che l’uso della parola “monumento” viene sconsigliato da qualsiasi pubblicitario rampante, da qualsiasi esperto di pubbliche relazioni (denominazioni di specialisti vecchie, ormai, sta nascendo un nuovo lessico legato al web, all’influencer, al follower e via inglesizzando).

Ora una domanda doverosa deontologicamente, almeno per gli adepti residui del giornalismo antiquo, anche di costruzione e non mai di sadica comoda di­struzione: che fare o meglio co­sa dire, come definire le cor­se monumento? Ma attenzione: non parliamo qui, come invece abbiamo fatto altre vol­te, di revisione lessicale del ci­clismo, nella poetica e nella pratica, alla luce dei tempi nuo­vi, di sua pubblicizzazione moderna dicendolo e spiegandolo come sport diffusissimo nel mondo - coinvolti cinque continenti su cinque per dodici mesi su dodici di attività - e pazienza se uscito dal nostro glorioso ma diroccato villaggio italo-franco-belga (quello delle corse monumento, toh), delle sue valenze ecologiche e salutistiche, delle sue invitanti e di­sinquinanti innovazioni tecnologiche... Parliamo invece più sommessamente di piccolo cabotaggio lessicale, di slogan per l’uso di ogni giorno, di pa­role e frasi del genere chiamato tormentone, onde stare ai tem­pi nuovi del dire e dello scri­vere. Ha senso ancora parlare di inferno del nord, di cor­sa al sole, di corsa delle fo­glie morte, di percorso (olandese) a tutta birra, di battaglia delle Ardenne, di collinette chiamate muri, di tortura del pavé?

Dicono che a suo tem­po venne scomodato Gabriele D’Annunzio per stabilire se automobile era parola maschile o femminile, e il vate la fece donna (almeno per l’idioma di Dante). Magari adesso sarebbe il caso di trovare termini più moderni di mo­numento per una corsa vec­chia che però propone te­mi eterni come la fatica e temi nuovi come il mezzo meccanico speciale, tecnologicamente assai avanzato, o anche la nuo­va meccanica speciale del corpo umano. Scomodando i D’Annunzio che troviamo.

E così, tanto per dire e scrivere, scherzando proponiamo solennità e dissacrazioni e irriverenze e allegrie nuove anche se non so­prattutto per monumentali corse vecchie: Parigi-Roubaix sagra del Parkinson per via dei tremiti comandati ai pedalatori dai cubetti di porfido di Na­poleone III, Milano-Sanremo con il suo archimedico punto di apPoggio, Liegi-Bastogne-Liegi col suo mal di panzer (il monumento bellico al giro di boa), Giro di Lombardia così bello quando fa brutto, Giro delle Fiandre quando il gioco si fa muro…
(continua; o no?)

Copyright © TBW

A 35 anni compiuti Nicholas Roche si prende una bella soddisfazione e conquista la maglia rossa di leader della classifica generale. «Ho cercato di correre in maniera attenta e sono riuscito ad infilarmi in questo gruppetto composto da corridori di...


Sprint di Mattia Pinazzi nel Trofeo Stefano Salsi per Juniores con arrivo a Marzaglia nel Modenese. L'atleta in maglia Aspiratori Otelli VTFM Carin Nacanco ha superato Samuel Quaranta, del Team Lvf, mentre la terza posizione è stata appannaggio di Tommaso...


È un Nairo Quintana che, come sempre, non lascia trasparire in volto le sue emozioni ma è evidentemente soddisfatto: «Vincere una tappa con arrivo in pianura per me è davvero qualcosa di insolito e particolare. Anzi, credo di non aver...


Prima tappa in linea della Vuelta e subito piccoli grandi segnali di battaglia. Sull’ultima salita di giornata si è infatti formato un plotoncino composto da Quintana, Uran, Aru, Roche, Roglic e Nieve, che hanno costretto all’inseguimento Lopez e gli altri...


Una edizione quanto mai incerta e spettacolare del 68° Gp Colli Rovescalesi - 12° Trofeo Enertrade ha incoronato quest'oggi a Rovescala (Pv) il belga Julian Mertens (Lotto Soudal U23). La competizione splendidamente allestita dalla Asd Rovescalese dell'appassionatissimo presidente Remo Torregiani...


A distanza di sette giorni dal successo di Castel d'Ario, Federico Zorzan si ripete a Marinella di Sarzana nello spezzino. Il corridore della Autozai Contri Omap ha vinto il Memorial Luciani-Magni per juniores anticipando Lorenzo Peschi (Big Hunter Seanese) e...


Straordinaria tripletta di Elia Viviani sulle strade di Amburgo . Il campione d'Europa ha finalizzato al meglio il grande lavoro dei suoi compagni di squadra e ha sfioderato una volata d'eccezione che ha costretto alla resa Caleb Ewan mentre Giacomo...


Un lampo belga sull’ultimo traguardo del Giro di Danimarca: il campione nazionale Tim Merlier, infatti, ha aggiunto un’altra alla sua stagione bruciando sul traguardo di Frederiksberg il francese Bryan Coquard che sembrava destinato a firmare il successo. Anche da parte...


Viviani firma una volata doc e conquista la Schaal Sels Meksem. Ma il Viviani in questione è Attilio, fratello di Elia, impegnato come stagista della Cofidis. Il veronese ha piazzato lo spunto vincente superando i belgi Dupont e Van Staeyen,...


Rustioni vince al Ghisallo, Ceci trionfa nel Giro della Provincia di Como per allievi. E' questo il verdetto finale della 71sima edizione della corsa a tappe giovanile. Luigi Federico Rustioni, del Pedale Pavese, si aggiudica per distacco la frazione di...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy