Editoriale
GIRO E. Un Giro di 18 tappe: dall’8 al 27 maggio, da Catania ai Fori Imperiali di Roma, come il Giro che correranno Aru e Froome, Dumoulin e Pinot, passando per Pozzovivo. Come il Giro d’Italia a trazione umana. Perché il suffisso “E” ha il significato di elettrico, ma può anche avere un senso di nuova “era”, di “energia”, ma anche di “economia”. Quella “E”, però, può avere tanti altri significati e portare con sé il senso più profondo della “Esasperazione”. Un Giro “Esagerato”. Un Giro “Eccessivo” e, probabilmente, fuorviante, per promuovere un mezzo che ha certamente futuro e senso, in modo particolare per migliorare la mobilità delle nostre città; per quelli che non hanno la forza e le condizioni fisiche di poter pedalare per più ore con le proprie gambe.
La sfida è stata lanciata. Dopo il gran premio di Formula E, alla presenza di due testimonial di eccezione come Gianni Moscon - corridore del Team Sky - e Giancarlo Fisichella - ex pilota di Formula 1 -, è stato anticipato il “Giro E”. Il Giro d’Italia con le prime bici da strada elettriche progettate da uno dei brand di biciclette più conosciuto al mondo: Pinarello.
I due testimonial si sono anche “sfidati”: uno su una bici elettrica e l’altro su una monoposto. E pensare che il codice della strada prevede che le bici elettriche non debbano andare a più di 25 km orari, quindi di che gara parliamo? Di bici truccate? Di bici che non sono nemmeno in commercio? Oppure di bici che nella sostanza sono motorini? Correranno con delle Speed-ebike? Bene, si sappia però che sono una categoria a parte: questi mezzi hanno un motore con potenza superiore ai 250 watt, e velocità massima assistita di 45 orari. Al momento, a quanto mi risulta, le uniche Speed-ebike che hanno ottenuto i certificati di omologazione per l’Italia sono le Stromer. Tutti gli altri veicoli con motori elettrici che superano i 25 orari sono da considerarsi ciclomotori. 
Il “Giro E” seguirà il calendario delle 18 tappe italiane del Giro d’Italia edizione 101: cinque squadre, composte da due corridori, percorreranno le stesse strade su cui i ciclisti della “corsa rosa” si sfideranno a distanza di poche ore. Sai lo spettacolo! I partner dell’iniziativa sono Enel, Tag Heuer e Pinarello. Tutto bene, tutto giusto, ma temo che qualcosa in questo progetto molto cool, glam e parecchio fashion, e che ha già elettrizzato i più ottimisti, nella sostanza forse è già andato in corto circuito.

SICUREZZA. Anche quest’anno, nella tanto amata campagna del Nord, si è sfiorata a più riprese la tragedia. Le moto sono ormai un pericolo costante, soprattutto a quelle latitudini. Le macchine parcheggiate a bordo strada non sono da meno. Il pezzo forte, però, sono i treni e in particolare i passaggi a livello.
Il vero disastro è stato sfiorato alla Scheldeprijs, quando un nutrito gruppo di corridori è stato rispedito a casa perché reo di aver cercato di passare sotto a un passaggio a livello abbassato.
Alla luce dei fatti, e regolamento Uci alla mano, la Giuria ha fatto semplicemente e rigorosamente quello che andava fatto. Il problema, però, è di ordine organizzativo.
Dalle immagini che abbiamo potuto vedere e rivedere più volte, ma anche dal materiale fotografico in nostro possesso, in prossimità del passaggio a livello, l’organizzazione non ha predisposto un minimo di presidio con motostaffette o gendarmi che, giù dalle loro moto, avrebbero potuto sorvegliare e garantire sicurezza alla corsa.
Dico cose elementari, che i nostri organizzatori, dalla Rcs Sport in giù, fanno anche al Giro del Belvedere o alla Tre Giorni Orobica, per dire anche in corse dilettantistiche che di dilettantesco, francamente, hanno davvero molto poco. Se ci fosse stato del personale specializzato, delle staffette pronte a bloccare i corridori nel caso questi avessero tentato di passare col rosso che segnala l’imminente abbassarsi della sbarre, tutto sarebbe stato molto più semplice, lineare e soprattutto sicuro.
È una misura elementare di sicurezza, che l’organizzatore ha il dovere di predisporre, ben sapendo che i corridori, presi dalla foga e dall’adrenalina della competizione, non sempre si trovano nella condizione ideale per prestare la dovuta attenzione alla segnaletica stradale.
È un classico: basta che un corridore attraversi e tutti gli altri lo seguono. Con questo non voglio dire che i corridori sono esenti da colpe, ma conoscere certe dinamiche è fondamentale, soprattutto per un Paese che di ciclismo si nutre da sempre, ma fatica ad assimilare e a digerire anche gli elementi (alimenti) più naturali.
 
GIRO D’ORO. È un Giro d’oro, comunque vada, comunque la pensiate. È un Giro che fa profitti e rende felice il presidente nonché AD di Rcs Media Group Urbano Cairo.
I conti tornano. Bene la Cairo Communication, bene Rcs Media Group, molto bene RCS Sport, che ha visto crescere i ricavi del 17,4% a circa 75 milioni di euro (con Ebitda di 22,7 milioni, pari al +86%), grazie al notevole contributo assicurato dal Giro d’Italia, il cui fatturato 2017 è aumentato di 10 milioni, salendo a quota 37,4 (che diventano 43 con le altre corse ciclistiche gestite dalla struttura guidata da Paolo Bellino).
Insomma, numeri più che lusinghieri, che dicono almeno due cose: più della metà del fatturato di Rcs Sport è frutto del business derivante da corse ciclistiche. Il Giro è trainante ed è in piena salute. Se la Gazzetta poi decidesse anche di parlare un po’ di più di questo sport che per il gruppo sembrerebbe più che strategico, sarebbe il massimo. I maligni sostengono, però, che a Cairo piacciano maledettamente i ricavi e molto meno i costi.
Insomma, per il Giro e Rcs Sport il futuro sarà sempre e solo all’insù: leggi fatturato. Perché per quanto riguarda gli investimenti, quindi i costi, quelli devono essere solo in picchiata: a tomba aperta. Al rosa del Giro, Cairo preferisce di gran lunga il nero dei bilanci.

Pier Augusto Stagi
Copyright © TBW

Si annuncia spettacolare la prima edizione del nuovo corso del Deutschland Tour: al via ci saranno tra gli altri il vincitore del Tour de France Geraint Thomas, il secondo classificato Tom Dumoulin e Romain Bardet e poi gli eroi locali...


Il successo conquistato domenica a Scomigo (Tv) rappresenta l'ennesima conferma dell'ottimo lavoro svolto in questa stagione dalla General Store bottoli: una vera e propria annata trionfale, quella dei ragazzi del presidente Diego Beghini, nel corso della quale il sodalizio giallo-nero-verde...


Richie Porte è pronto per fare il suo ritorno alle corse sabato nella Vuelta a España. Il direttore sportivo Jackson Stewart spiega che Porte sarà affiancato da una squadra che vanta una grande esperienza e talento: «Per Porte questa è...


C’è poco spazio per rifiatare per la Bardiani-CSF impegnata in Francia. Archiviato il Tour du Limousin con il successo di Luca Wackermann nella seconda tappa, il #GreenTeam affronta ancora una prova a tappe, il Tour du Poitou-Charentes (UCI 2.1). Il...


La Trek-Segafredo punta su Bauke Mollema come capitano per la Vuelta. E accanto all’olandese ci saranno Markel Irizar, Gianluca Brambilla, Fabio Felline, Giacomo Nizzolo, Matthias Brändle, Nicola Conci e Kiel Reijnen.Il direttore sportivo Yaroslav Popovych spiega: «Arriviamo alla Vuelta con...


Lars Bak porta il suo carico di esperienza al servizio del Team Dimension Data for Qhubeka: il danese, 38 anni, ha firmato un contratto per la stagione 2019 e lascerà quindi la Lotto Soudal dove ha trascorso le ultime sette...


Raffica di rinnovi per la Bora Hansgrohe con tre corridori hanno firmato infatti fino al 2020: si tratta di Rafal Majka, Pawel Poljanksi e Jay McCarthy. «Sono molto felice di stare con BORA - hansgrohe per altre due stagioni. Gli ultimi...


Vincenzo Nibali ha ufficializzato la sua partecipazione alla 73/a edizione della Vuelta di Spagna. Il siciliano ha ottenuto il via libera dai medici dopo l'incidente all'Alpe d'Huez che lo ha costretto a ritirarsi dal Tour de France con una vertebra...


La campagna francese della Wilier Triestina - Selle Italia continua da domani con il Tour du Poitou Charentes che vedrà la squadra diretta da Serge Parsani e Tomas Gil correre cinque tappe in quattro giorni.Tre nuovi innesti rispetto al Tour...


Altro acquisto importante per la Groupama-FDJ: dopo Stefan Kung, anche il giovane svizzero Kilian Frankiny ha firmato infatti un contratto biennale. Vincitore del Giro della Valle d'Aosta 2016, il 24enne elvetico è professionista dal 2017.Scalatore dalle buone qualità, per il...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy