Scripta manent

Lettera a Matteo B.

di Gian Paolo Porreca

mi ha molto colpito la tua storia, di promettente ciclista in fiore che lascia il suo sport del cuore per scegliere, con determinazione, il percorso della laurea in Medicina.
E sembra ieri, ed è stato credimi una vita fa, anzi due, quando i grandi mi chiedevano nelle estati di campagna “ma, Paolo, tu cosa vuoi fare da grande?”, ed io, bambino che i giorni del sole li trascorreva perdutamente su una biciclettina rossa, ri­spondevo “certamente farò il ciclista”. Ed aggiungevo, per vero, e i vecchi sull’aia mi sor­ridevano, “infatti presto non mi chiamerete mica più Paolo, ma Pasqualino, come Fornara, il mio corridore preferito”.

Ma sapessi quanti au­tun­ni di troppo se­guo­no le estati ne­gli anni, e quanti sogni di­smessi, e così la mia passione infinita per il ciclismo è finita, non so se bene o male, più sulle pa­gine che ho scritto, e che forse leggerai anche tu da quest’oggi, che non sui chilometri di strada percorsi.
Tu ti congedi dopo una espe­rienza di rango fra i “pu­­­ri”, che bel nome, il Giro d’Italia under 23, il Giro del­la Valle d’Aosta... Io al massimo, diventato presto medico e chirurgo, in bici da cor­sa di fatto ricordo solo ro­mantici Cicloquartieri a Na­poli, in età da amatori, con uno sprint finale platonico, davanti al Parco della Flo­ri­diana, a mani alzate, semmai per farmi applaudire da mia figlia Benedetta piccolina...
Non pensare affatto però che la tua scelta, designata dai rigori miliari della vita, sia una contraddizione in ter­­­mini, o un cedimento, giam­mai, caro Matteo.

Vedi, io ho fatto e continuo a farlo, il Medico, perché poi medici lo si resta a vita, co­me se facessi tuttavia il Ci­clista. Siamo uguali dentro, non siamo giu­­reconsulti, ab­biamo uno stesso DNA eti­co, di dedizione e devozione, di gratuità, il camice bianco come la maglietta della squadra, e il mio turno di guardia in­sonne in Rianimazione io lo ho vissuto lancinante co­me fosse una fuga alla Parigi - Roubaix, fino al traguardo franco dello smonto guardia. Siamo uguali, non commerciamo in soldi, non trattiamo calciatori, ma governiamo batticuori, in uno scatto sulle Alpi, o nel disostruire un’arteria femorale. Siamo uguali, Matteo, non altri, cre­dimi. Siamo uguali, nella nostra so­litudine, insostituibili, di fronte all’Izoard o a una fi­brillazione atriale da convertire, e che non ne vuole sapere di rientrare... Siamo tutti titolari del destino, e non di una carta di credito.
Uguali, in cima talora ad un dolore, fisico o morale, che ci portiamo dentro ad ogni do­pocorsa o ad ogni ritorno a casa dall’Ospedale. Che ce lo si legge negli occhi.

Vedi, Matteo, ero un bam­bino, e in quel tempo Paolo, in arte “Pasqualino”, con la borraccia di latta della bici si era procurato una brutta infezione sul ginocchio, tanto da non poter più pedalare per il dolore.
Ed arrivava in campagna, con una vecchia Ardea, lo zio Marcello, il medico condotto del paese, a disinfettarlo ogni pomeriggio, puntuale come al mattino la sveglia del gallo. E un bel giorno, un giorno bellissimo, quelli su cui non tramonta il sole, la ferita finalmente guarì, grazie alla attenzione minuziosa di quelle cure. “Ora puoi tor­nare sulla bici, contento?”. E in quel momento, Pao­lo, in arte “Pasqualino”, comprese una volta per sempre che se proprio non poteva essere un Ciclista sul se­rio, da grande voleva di­ven­tare un Medico così, per ve­ro.
Buon futuro, da bici in corsia, Matteo.

Copyright © TBW
TBRADIO

00:00
00:00
Aveva smesso di gareggiare, ma non di pedalare. La sua ultima gara è stata la Veneto Classic, ma Davide Rebellin non aveva alcuna intenzione di appendere la bici al chiodo. Aveva tanti progetti in ballo, come ci aveva raccontato nel...


Una tragedia incredibile, un dolore incolmabile. Prima la notizia di un ciclista investito e ucciso da un camion lungo la Regionale 11, a Montebello Vicentino, in provincia di Vicenza. E poi la conferma che quel ciclista è Davide Rebellin. L'incidente...


Dopo l'infortunio patito al Tour de France, per l'ormai celebre "botta in testa" datale dall'australiana Nicole Frain il 25 luglio nella seconda tappa della Grande Boucle femminile, e la successiva rinuncia a partecipare ai Mondiali di Wollongong, Marta Cavalli è...


Remco Evenepoel correrà il Giro d'Italia nel 2023, tornando a disputare la corsa che ha rappresentato il suo debutto in un grande giro. Dopo un 2022 senza precedenti, che lo ha visto conquistare quindici vittorie, tra cui Liegi-Bastogne-Liegi, Clasica San...


Il Team corratec continua ad integrare il roster 2023 con l'arrivo di due nuovi corridori, Antonio Barac e Samuele Zambelli, che si aggiungono al rinnovo di contratto di Davide Baldaccini, settimo corridore confermato rispetto alla stagione appena passata. Per il...


Il ciclismo veronese vede ridusri la pattuglia di professionisti per la prossima stagione. Dopo Edoardo Zardini, infatti, anche Mauro Finetto ha deciso di chiudere la sua carriera. Finetto, 37 anni compiuti a maggio, lascia il professionismo dopo 14 anni come...


Gianmarco Garofoli passerà pofessionista con la Astana Qazaqstan Team dopo una stagione trascorsa nel team di sviluppo. Il 20enne corridore italiano, che ha disputato alcune gare con i colori del team WorldTour nel 2022, ha firmato un accordo biennale con...


Un autunno trascorso fra Slovenia e Colomia con qualche puntata in Italia ed è in occasione di una queste che abbiamo avuto modo di incontrare Tadej Pogacar, il numero uno del ciclismo mondiale, e di fare quattro chiacchiere con lui...


Oggi è il giorno della verità. Jerome Pineau e la sua B&B Hotels sono arrivati all’ultimo giorno del tempo supplementare, concesso loro dall’UCI per presentare la documentazione necessaria all’ottenimento della licenza ProTeam. Il manager francese ha più volte detto che...


Dalle stelle del calcio al ciclismo internazionale il passo è veramente breve e a infuocare gli appassionati ci sono le dichiarazioni del commissario tecnico spagnolo Luis Enrique e le immagini degli sposi Oumi e Remco Evenepoel. Il belga Remco e...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach