Gatti & Misfatti

Lo stesso film

di Cristiano Gatti

Via, non facciamo i finti tonti: passano epoche e generazioni, ma siamo sempre al punto di partenza. C’è sempre un medico guru, c’è sempre la coda di fuori, c’è sempre un clima da malavita, c’è sempre qualcuno che dice ma quale doping, ormai il doping è finito.

E invece: passano i de­cen­ni e siamo di nuovo pun­to e a capo. Adesso la geografia degli alchimisti sa­tanici tocca l’Austria, terra che nella nostra iconografia personale figura con tanti pa­scoli, tante vacche, tante Hei­di, tanti funghi, ma che mai e poi avremmo collocato sul mappamondo dei loschi traffici. Mai dire mai, confermato. Anche lì, persino lì, sportivi di varia estrazione andavano alla mangiatoia del doping. I ciclisti, sempre presenti. Tra i più fedeli. Una storia che sem­bra di avere già letto e ri­letto mille volte, talmente stereotipata da diventare noiosa e stomachevole ai soli accenni iniziali. Persino quelli che io ci sono andato per curiosità, ho consegnato le sacche, ma non le ho mai usate: persino loro, banali e ripetitivi, nella versione infantile e nella convinzione che tutti noi fuori dal giro siamo dei babbei rimbambiti.
Ammettiamolo: ne ab­bia­mo talmente sentite, che soltanto dire di nuovo operazione doping ci fa sentire sazi e satolli, come quando ci propongono il dattero alla fine del baccanale natalizio. È nausea, nient’altro che nausea. Piacerebbe tanto che ormai si risparmiassero le chiacchiere e si passasse in automatico alla punizione: senti ciccio, hai provato la furbata, ti è andata male, ti abbiamo beccato, saluta la bi­cicletta e dille addio per sempre. Sei radiato, sparisci dalla circolazione.

Personalmente è quello che sogno da almeno un ventennio, da quan­do è venuto giù tutto, in un fragore di choc e di incredulità. Gli anni dello scandalo Festina, gli anni di Cam­pi­glio, gli anni dell’Operacion Puerto, gli anni di Arm­strong. Ogni volta a dire la stessa cosa, almeno da parte mia: in piena emergenza servono rimedi d’emergenza, le squalifiche non servono più, bisogna radiare. Con la precisazione determinante: è da veri idioti illudersi di eliminare il doping, è come pensare di eliminare il male dalla vi­ta. Tutto quello che si può fa­re è perseguire il malfattore, in qualunque sede e in qualunque modo, rendendogli l’esistenza difficile con una prospettiva per niente carina: se ti becco, hai chiuso.

Ma guardiamoci allo specchio, senza sviare lo sguardo: qui sia­mo attorniati da gente che allegramente ha scontato la sua ridicola squalifica e che - se non torna a correre - prima o poi torna nel giro come di­rettore sportivo, team manager, talent-scout, mental coach, motivatore, personal trainer, magazziniere, massaggiatore, perché un ruolo co­munque glielo inventiamo. Il ruolo più terribile: quando certe lenze vivono la seconda vita tra i ragazzini alle prime armi. Non oso pensare che co­sa insegnino.

L’unica storia che in tutti questi anni mi ha convinto, non so perché, è quella di Leonardo Piepoli. Lui sì ha svoltato, lui sì non si è risparmiato niente, lui sì ha espiato, lui sì è l’esempio alla rovescia che può servire tantissimo al riscatto di una certa cultura. Pur­trop­po, non ne conosco tanti altri. Ne conosco tantissimi che in­vece si sono riciclati alla svelta con travestimenti vari. Con un opportunismo da fuoriclasse. Li avessimo radiati, una vol­ta per tutte, una volta per sempre, almeno non ce li ri­tro­veremmo tra i piedi di nuo­vo. E almeno non sarebbero qui a dimostrare che co­munque il doping non è poi un pessimo affare: per male che vada, un domani lo concede sempre.

Lo so. Una seconda possibilità non va negata a nessuno. La radiazione si porta dietro il pessimo sa­pore della crudeltà. E Nostro Signore alla fine ha perdonato persino il peggiore dei ladroni. So tutto quello che le ani­me belle accatastano sulla bar­ricata per fermare la tentazione della squalifica draconiana. Ma ormai sono sazio anche di questo. A forza di non prendere in considerazione regole d’emergenza per un clima d’emergenza, a forza di non voler apparire disumani, guardiamoci attorno e contempliamo il panorama: nelle verdi vallate d’Austria risuonano sirene e tintinnio di manette. In attesa della prossima tappa, nell’interminabile Giro del doping a emissioni zero. Zero problemi.

Copyright © TBW

Grande spettacolo sulle salite dell'Algarve per la seconda tappa della corsa portoghese, da Sagres ad Alto da Foia. A conquistare il successo è stato Remco Evenepoel che con un scatto bruciante ai 600 metri ha conquistato tappa e maglia di...


Gonzalo Serrano centra il primo successo della sua carriera imponendosi sul traguardo della seconda tappa della Vuelta Andalucia. Il portacolori della Caja Rural RGA si è esaltato sulla salita finale che portava alla linea d'arrivo di Iznajar attaccando ad un...


Chris Froome è uno dei personaggi più indecifrabili e affascinanti dei nostri anni. Quattro Tour de France, un Giro d’Italia e una Vuelta di Spagna: vittorie, attacchi epici, scene memorabili e un’autentica rivoluzione che lo ha proiettato nell’olimpo del ciclismo...


La famiglia della Zalf Euromobil Désirée Fior si allarga: la notizia arriva alla vigilia del debutto su strada e aggiunge ancora più entusiasmo nel clan presieduto da Gaspare Lucchetta ed Egidio Fior. A completare la rosa 2020, infatti, sono due atleti Under 23 dal pedigree decisamente...


Parla estone la prima tappa del Tour of Antalya. Ad aggiudicarsi la volata serrata è stato Mihkel Räim della Israel Start-Up Nation, unica formazione WorldTour al via, bravo ad anticipare Marko Kump (Adria Mobil) e Kenneth Van Rooy (SportVlaanderen-Baloise). Tra...


L’UAE Team Emirates ha annunciato la selezione di corridori che parteciperà, dal 23 al 29 febbraio all’UAE Tour (2.WT), con ambizioni sia per le volate che per le tappe con salite. Con 10 successi già all’attivo nel 2020, la formazione...


All’Upcycle Cafè di Milano – e dove, sennò? – è stata oggi presentata ufficialmente la stagione 2020 degli Internazionali d’Italia Series, sponsorizzati da realtà di prim’ordine come Shimano e Northwave. Dal 2000 principale circuito italiano di Mountain Bike, anche quest’anno...


Un rinnovo da record, quello di Luke Rowe, che ha firmato con il team INEOS un accordo per le prossime quattro stagioni. Spiega il corridore britannico: «Ovviamente questa nuova estensione del contratto mostra molto impegno da parte mia e del team....


Stasera alle 20.30 secondo appuntamento stagionale con «Ciclismo Oggi» su Teletutto: il menu si annuncia decisamente ricco con la presentazione di tre grandi squadre come la Iseo Serrature Rime Carnovai Sias, la Colpack Ballan e la Casillo Petroli Firenze Hopplà....


Il 2020 è iniziato con un convincente quinto posto al Trofeo Laigueglia e adesso Lorenzo Rota non ha intenzione di fermarsi. Il 24enne bergamasco è stato tra gli ultimi a trovare squadra nella sessione invernale di ciclomercato, accasandosi con la...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155