SAN JUAN. SUCCESSO PIENO PER LA VUELTA INTERNACIONAL

PROFESSIONISTI | 29/01/2017 | 07:39
All'ultima tappa della Vuelta a San Juan oggi sono attese 100.000 persone dietro alle transenne, un sesto degli abitanti della provincia argentina che in questi giorni abbiamo scoperto essere "pazza" per il ciclismo. Il governatore Sergio Mauricio Uñac, che con il segretario sportivo Jorge Chica, il presidente della UCRA e della FACPYR Gabriel Oviedo Curuchet e il nostro Roberto Amadio ("Se avessi dovuto produrre un film, l'avrei girato così. Qualcosa si può migliorare senz'altro, ma come prima edizione a questo livello non potevo chiedere di meglio. Avete visto la qualità dei vincitori?" le parole del manager tecnico della gara), ha reso la 35a edizione della corsa un evento davvero internazionale, tira con noi le somme di una settimana a due ruote che ha reso San Juan nota in tutto il mondo.

Com'è nata l'idea di affrontare questo salto di livello?
«Quando un anno fa sono stato eletto il mio obiettivo era sviluppare due settori per me fondamentali come l'educazione e lo sport. Inoltre con i miei collaboratori volevamo far conoscere San Juan come meta turistica, per riuscirci abbiamo spinto molto l'organizzazione di eventi, anche in ambito sportivo. Pochi giorni fa la Dakar è passata dalla nostra provincia, quest'anno ospiteremo il mondiale di kayak, a giugno e settembre gli appassionati di calcio potranno assistere a partite importanti. Stiamo costruendo il secondo autodromo della provincia e a breve partiranno i lavori per il nostro primo velodromo coperto con 6.000 posti a sedere».

Soddisfatto della riuscita complessiva?
«Decisamente. Abbiamo intercettato la passione per lo sport degli abitandi di San Juan. In questa zona il ciclismo è in crescita, anche il fuoristrada, dato che la nostra terra è prevalentemente montagnosa e desertica (solo il 3% è coltivabile, ndr). Dopo 80 anni di organizzazione di eventi nel ciclismo, il 35° della Vuelta ci ha fatto fare un grande passo in avanti. Volevamo rendere la Vuelta internazionale e mi pare proprio ci siamo riusciti. Ora godiamoci l'atto finale, vedrete quanta gente...».

Come vede il futuro di questa gara?
«Il mio mandato è di 4 anni, il mio obiettivo è far crescere la Vuelta così che chi verrà dopo di me sarà incentivato a mantenerla a fronte degli ottimi risultati ottenuti. Non penso abbia senso far diventare questa corsa World tour, vogliamo crescere di anno in anno ma restare un appuntamento di inizio stagione in cui i corridori hanno voglia di venire perchè non c'è troppo stress e soprattutto vogliamo continuare ad avere al via i nostri team continental. Un caposaldo di questa corsa è incorporare il movimento locale, in proiezione vogliamo motivare la gente a praticare sport».

da San Juan, Giulia De Maio

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Il VO2 Team Pink guarda al futuro e per la prossima stagione ciclistica (2020) accoglie tra le proprie fila una nuova “panterina”. Si tratta di Francesca Barale, piemontese classe 2003 e che nella prossima annata in sella approderà al sodalizio...


Ora è ufficiale: Richard Carapaz rinuncia alla Vuelta di Spagna e il suo posto sarà preso da José Joaquín Rojas, prima riserva designata, che affiancherà quindi Valverde, Quintana, Soler, Erviti, Pedrero, Arcas e Oliveira. Carapaz soffre a causa di forti...


Volata vincente di Lorena Wiebes nella prima tappa del Ladies Tour of Norvegia, 128 km da Åsgårdstrand a Horten. La giovane olandese del Parkhotel Valkenburg ha regolato l'australiana Chloe Hosking (Alè Cipollini) e la danese Amalie Dideriksen (Boels Dolmans). Ai...


Conclusione in volata per la seconda tappa del Tour du Limousin con successo dello spagnolo Mikel Aristi della Euskadi che ha preceduto il valtellinese Francesco Gavazzi della Androni Sidermec e terzo come ieri il francese Benoit Cosnefroy della AG2r La...


Martin Toft Madsen vince la crono, valida come seconda tappa del Giro di Danimarca, e regala la prima vittoria stagionale alla BHS Almeborg. Alle sue spalle nell’ordine i suoi connazionali Quaade, Schmidt Wurtz, Larsen e Bjerg. Il nuovo leader della...


La prima tappa di grandi salite al Tour de l’Avenir ribalta la situazione in classifica generale: il successo è andato al colombiano Harsol Alfonso Tejada Canacue che ha preceduto il belga Mauri Vansevenant con il francese Clement Champoussin staccato e...


Sarebbe bello uscire in bici ed essere rispettati dagli automobilisti. Sarebbe bello uscire in bici e vedere le leggi del Codice della Strada essere rispettate. Oggi non è stato così. Denis Budei (Team Ballerini) e Matteo Magrini (Team Pieri) sono...


Anche i grandi sognano. E Fausto Pinarello non fa eccezione. L’uomo che ha portato e sue biciclette a vincere 15 Tour de France e poi ancora Giro (il primo nel 1975 con Fausto Bertoglio), Vuelta e tante classiche, di sogni...


C’è anche una bicicletta nell’ufficio del ministro dell’Interno Matteo Salvini al Viminale. Aldilà delle convinzioni politiche di ognuno, è decisamente curioso il servizio che il Corriere della Sera propone su Sette a firma di Cesare Zapperi con le foto di...


Solo quest’anno ha vinto 11 corse, si è da poco laureato campione europeo a cronometro della categoria Juniores, si è messo al collo la medaglia di bronzo nella prova in linea del campionato continentale ed è campione italiano a cronometro...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy