GERMANIA. Aso rilancia il Giro nel 2018

PROFESSIONISTI | 08/03/2016 | 12:05
Un tweet in tedesco sul profilo del Tour de France per una svolta storica: «Die Deutschland-Tour kehrt zurück! BDR und @amaurysport planen Neustart». La federazione tedesca e Aso hanno iniziato a collaborare per riportare in auge il Giro di Germania.

Ecco il comunicato ufficiale:

La Federazione ciclistica tedesca (BDR) e Amaury Sport Organisation - proprietario e organizzatore del Tour de France - hanno raggiunto un accordo per la promozione sostenibile del ciclismo in Germania con il ritorno del Deutschland Tour, posto al centro della strategia. 
L'annuncio che il 2017 Tour de France inizierà a Düsseldorf, insieme ai sorprendenti risultati ottenuti da una nuova generazione di professionisti tedeschi nelle gare più importanti al mondo, forniscono un terreno fertile per far sì che l'amore per il cilicmo in Germania torni a crescere. ASO e il BDR, desiderosi di sostenere la propria espansione, hanno firmato un accordo a lungo termine per rilanciare il Deutschland Tour etrasformarlo in un evento top per i prossimi dieci anni. Entrambi i partner mirano a riportare il Deutschland Tour in calendario nei prossimi due anni.

"Questo è un accordo fondamentale per la BDR. Il nuovo Deutschland Tour contribuirà a diffondere l'amore del ciclismo in Germania e aumentare la popolarità di questo sport in tutte le sue sfaccettature. 27 milioni di tedeschi già vanno in bicicletta regolarmente e molte città tedesche hanno riconosciuto l'importanza della bici nelle loro strategie di mobilità. Questo è il motivo per cui il Deutschland Tour non sarà solo un evento sportivo, ma una grande festa del ciclismo " spiega Rudolf Scharping, presidente della Federazione tedesca di ciclismo.
 
Il direttore generale di ASO Yann Le Moënner aggiunge: "Condividiamo con BDR l'obiettivo di rendere il Deutschland Tour interessante per ampie fasce della popolazione e utilizzare la gara per mostrare a tutti quanto sia divertente la bicicletta. Con i più grandi campioni provenienti dalla Germania e dall'estero, garantiremo spettacolo per migliaia di appassionati e intendiamo elaborare un programma emozionante per i tifosi e il grande pubblico nelle città ospitanti".

Copyright © TBW
COMMENTI
8 marzo 2016 13:44 BARRUSCOTTO
BELLA NOTIZIA MA MI ASPETTAVO CHE GIA IN QUESTO 2016 SI CORRESSE I FRANCESI SONO ABILI A CONTRASTARE UCI CHE A 21 GARE WORLD TOUR NON O CAPITO SE IN TOTALE O 21 GARE IN AGGIUNTA A QUELLE ESISTENTI MENO LE 7 DI ASO

e l'Italia sta a guardare
8 marzo 2016 15:01 geo
Bravi gli organizzatori del Giro d'Italia che si sono fatti soffiare questa organizzazione. La macchina "Tour de France" aumenta la sua potenza e potrà dettare legge sia con l'UCI che con gli sponsor che avranno maggiori e organizzati spazi e mercati.

8 marzo 2016 15:57 vecchione
E noi italiani, in una delle nazioni "culle" del ciclismo, inseguiamo sempre, senza progetti (gli unici sono in quelle terre "assai luntane", nel deserto - letteralmente -) disperdendo tradizioni, curando solo il proprio stento orticello inseguendo anche e imitando (male) il look esteriore proprio di altri sport, nel vuoto cosmico d'idee, pieno però di supponenze varie, sia nell'istituzione, sia nel privato.
W noi!

RCS
9 marzo 2016 09:56 siluro1946
Gli organizzatori del Giro d'Italia, hanno ben altri gravi problemi, la loro stessa sopravvivenza.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Emozioni forti a Rotselaar dove si è disputato oggi il GP Vermarc Sport, corsa di riapertura del calendario belga. Emozioni perché si trattava della ripartenza, perché c’era il pubblico delle grandi occasioni, perché ad assistere c’era anche Eddy Merckx, perché...


Parla francese la seconda tappa del Tour de France virtuale grazie a Julien Bernard. Il portacolori della Trek Segafredo ha avuto la meglio in volata su Ovett, Edet e Woods con Giulio Ciccone, comagno di squadra del vncitore, che ha...


Nessuna imperizia, nessuna violazione del codice della strada, nessuna distrazione. Roberta Agosti, la ciclista uccisa nella mattinata di ieri durante un allenamento sul Basso Garda, è deceduta per una tragica fatalità. Dopo le prime, approssimative ricostruzioni, la testimonianza diretta dei...


Si sono presentate in cinque, sulla linea del traguardo della seconda tappa del Tour de France virtuale ed il successo è andato a Lauren Stephens del Team TIBCO - Silicon Valley Bank che ha preceduto Joscelin Lowden della Drops e...


Si torna finalmente a correre e per la D'Amico UM Tools di Ivan De Paolis e Roberto Portunato arriva il primo prestigioso successo. Merito di Nicolò De Lisi il talentuoso ciclistica di Acqui Terme, classe 2001, poi emigrato in Svizzera...


"Il mio rammarico più grande in carriera? L'aver perso il Giro Baby del 2000. La concorrenza era tanta, ma io mi addormentai un attimo durante una tappa di montagna e non recuperai più il margine sui fuggitivi". Così parlò Franco...


Vi siete mai chiesti quanto valga una grande corsa a tappe, in questo caso la più importante, dal punto di vista economico? E' quello che hanno analizzato alcune società specializzate in marketing sportivo e di siti di settore, come Sporteconomy,...


Proprio in questi giorni ha festeggiato i 45 anni della sua prima fotografia (scattata ad un vittorioso Beppe Saronni): Roberto Bettini - per tutti «Clic» - è uno dei protagonisti dell asedicesima puntata di BlaBlaBike. Il fotografo milanese, che sin...


Tra due settimane farà finalmente ritorno in Europa - il 19 luglio è in programma il volo che dalla Colombia porterà tutti i professionisti del Paese nel Vecchio Continente - e intanto Egan Bernal si allena sulle strade di Zipaquira...


"Potevo essere al mare, con un piatto di tagliolini, e invece scelgo di soffrire a quasi 400 watt..." Tra masochismo, speriamo sano, e piacere...  Questo video di Mario Cipollini merita i 3 minuti della sua durata. Guardalo! :-)


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155