Gp Cimurri - Bioera: il riscatto di Gasparotto

| 30/09/2006 | 00:00
E' Enrico Gasparotto il vincitore della seconda edizione del Memorial Cimurri - Gran Premio Bioera, andato in scena oggi sulle strade della provincia di Reggio Emilia. Il corridore della Liquigas si è imposto sul traguardo di piazza della Vittoria - nel centro storico del capoluogo emiliano - regolando in volata Matteo Carrara della Lampre - Fondital e il russo Alexander Khatuntsev. Si tratta del primo successo stagionale per il 24enne atleta friulano, che nel 2005 da neoprofessionista aveva conquistato il titolo di campione d'Italia a Montesilvano: con la vittoria al Memorial Cimurri, Gasparotto archivia il lungo periodo di sfortuna e incidenti che lo hanno bersagliato per tutto il 2006 tenendolo lontano dalla ribalta. La gara è stata animata fin dal mattino, con le prime schermaglie nel circuito sulle strade del comune di Cavriago, dove alle ore 11 è avvenuta la partenza davanti alla sede di Bioera, l'azienda del Mariella Burani Fashion Group main sponsor della manifestazione. La battaglia sulla salita dei Pavulli La battaglia vera e propria è cominciata comunque nella parte centrale, nel circuito che ha visto i corridori affrontare per ben quattro volte l'impegnativa salita dei Pavulli, il cui tratto più duro di circa 3 km porta fino ai 410 metri di Regnano prima del traguardo del Gran Premio della Montagna di Cà Bertacchi. Al primo dei due passaggi che hanno assegnato punti per il GPM, al km 98, sono transitati in testa quattro corridori - Ferrara, Duma; Degasperi, Vorganov - protagonisti di una fuga iniziata circa 40 km prima: per loro 2'28" di vantaggio sul primo gruppo di inseguitori. Ma il gruppo si è ben presto rifatto sotto ricongiungendosi e solo al km 136 - all'inizio dell'ultima ascesa verso Regnano - si è concretizzata una nuova vera fuga, con quattro corridori a spingere come matti sulla salita de Pavulli: Emanuele Sella della Panaria - Navigare per primo e con lui Ratti, il colombiano Perez Arango e Barbero. Per loro massimo vantaggio di 55", già sceso però a 44" sugli inseguitori Solari e Borisov al GPM del km 159,5 dove è passato per primo Ratti, seguito da Barbero, Sella e Perez. Media sostenuta, oltre 41 km/h, ed ecco quindi che scendendo definitivamente verso Reggio il gruppo si è fatto sotto. A Rivalta, quindi alle porte del capoluogo, il vantaggio dei quattro battistrada è sceso ai 40", dietro di loro un gruppo compatto di 29 corridori. Spettacolo nel circuito cittadino finale Sotto il traguardo di piazza della Vittoria, al primo dei 5 passaggi dello spettacolare circuito cittadino finale (e quindi a 20 km dall'arrivo), il vantaggio è sceso a 36". Al secondo passaggio (15 km all'arrivo), allungo di Sella e di Perez Arango su Ratti e Barbero, ma dietro di loro gli inseguitori sono ormai sopraggiunti, grazie al grande lavoro di Marzoli della Lampre, fattosi in quattro per favorire lo sprint vincente di Carrara (il vero velocista della Lampre, Napoletano, era infatti nel frattempo uscito di scena, come del resto Paride Grillo della Panaria - Navigare, un altro dei favoriti della vigilia). A 8 km dalla fine la fuga si è definitivamente conclusa. Si è dunque formato un gruppo di 33 elementi che - per quanto allungato e nonostante gli ultimi velleitari tentativi da finisseur (come quelli di Cardenas e ancora dell'attivissimo Perez Arango) - arriverà unito al traguardo. Ai 500 metri dall'arrivo, all'inizio del rettilineo conclusivo di via Fianchetti/corso Cairoli, si piazzano in testa gli uomini veloci: parte per primo Carrara, forse troppo presto dopo il gran lavoro di Marzoli, ma ci sono anche Gasparotto, Khatuntsev, Marinangeli e Mazzanti. Le gambe migliori, sul falsopiano che portano sulla spianata dei teatri di Reggio Emilia, sono quelle dell'ex campione d'Italia Gasparotto, che brucia Carrara e il campioncino russo e si aggiudica così il 2° Memorial Cimurri - Gran Premio Bioera, dopo 199,5 km ed un tempo di 4 ore 44' 40", per una media di 41,127 km/h. ORDINE D'ARRIVO 2° MEMORIAL CIMURRI - GRAN PREMIO BIOERA: 1. Enrico Gasparotto (Liquigas) km 199,5 in 4h 44'40" media 42,049; 2. Matteo Carrara (Lampre - Fondital); 3. Alexander Khatuntsev (Rus, Omnibike Dinamo Mosca); 4. Sergio Marinangeli (Naturino - Sapore di Mare); 5. Luca Mazzanti (Ceramica Panaria - Navigare); 6. Giairo Ermeti (Team LPR); 7. Simone Masciarelli (Acqua & Sapone - Caffè Mokambo); 8. Daniele Pietropolli (Tenax Salmilano); 9. Paolo Bailetti (Team 3C Casalinghi Jet Androni Giocattoli); 10.Manuele Spadi (Ceramica Flaminia).
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il Team Novo Nordisk ha ufficializzato il suo organico per la stagione 2023: la prima squadra di ciclismo professionistica interamente formata da ciclisti diabetici avrà una rosa di 18 atleti con una sola novità rispetto alla scorsa stagione.  si tratta...


Simbolo del primato del Giro d’Italia, riconosciuta in tutto il mondo, tra storia e innovazione, la Maglia Rosa 2023 è caratterizzata da uno stile moderno e digitale. Rappresenta l’era in cui viviamo, contraddistinta dalla velocità e da un’incessante evoluzione tecnologica....


La regina della neve non ha alcuna intenzione di abdicare. Fem Van Empel, ventenne olandese di S’Hertogenbosch, cittadina del Brabante settentrionale conosciuta per il ciclocross (ha ospitato due edizioni degli Europei, 2018 e 2020) e per il tennis,...


Altri tre corridori promossi dal vivaio per il Team DSM: Tobias Lund Andresen,  Lorenzo Milesi e Oscar Onley faranno il salto di categoria nel 2023 portando a 18 il numero dei coridori cresciuti nel florido vivaio del team olandese. Lund...


A Reims, capitale dello champagne, si tennero nel 1958 i mondiali di ciclismo su strada. Gli scudieri della nazionale erano Baldini, Favero, Nencini, Coppi, Sabbadin, Pambianco, De Filippis, Moser, La Cioppa, Baffi, Nicolò e Conterno. Al via c’erano 67 corridori...


L'uno si allenava, l'altro è nel pieno della stagione. L'uno ha punte di velocità incredibili su strada, l'altro è un giovane asso del cross. L'uno ha un nome conosciuto, l'altro sicuramente si farà un nome. E comunque, con tutte le...


Si scaldano i motori, ma i rumors non hanno nulla a che fare con i cilindri dei motorhome rimessi a nuovo in questa brevissima sosta. Tutti, chi più chi meno, sono pronti a ripartire di slancio. Pronti per i primi...


L'avvicinarsi dell'assegnazione delle licenze da parte dell'Uci - la data chiave è sabato 10 dicembre, salvo sorprese - sta riaprendo una inaspettata finestra di mercato, complici le difficoltà che hanno condizionato il cammino di alcune formazioni. Su tutte, la crisi...


“Le corse si vincono d’inverno”, esclamano tanti saggi del ciclismo. Infatti Eleonora Camilla Gasparrini non perde tempo e da diverse settimane prepara la stagione 2023. «Tra fine ottobre e prima settimana di novembre – spiega Eleonora, 20 anni, torinese di...


Figlio d'arte Luca Zaina... di padre e di madre. Papà Enrico ex professionista, vinse di tre tappe al Giro d'Italia, una alla Vuelta e la Settimana Bergamasca, e fu secondo in classifia geneale al Giro d'Italia 1996 dietro Pavel Tonkov,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach